Dollaro Yen (USD/JPY)

Il cambio tra Dollaro USA e Yen Giapponese è indicato con il simbolo USD/JPY ed esprime il rapporto tra la valuta degli Stati Uniti e la valuta del Giappone.

Sono molti i fattori che influenzano la quotazione del dollaro-yen, come riferito da Forex Wiki: primo su tutti è la divergenza di politica monetaria e il differenziale dei i tassi di interesse tra Federal Reserve e Bank of Japan a spingere i movimenti del cambio euro-dollaro.

Il grafico del cambio dollaro yen

All’interno di questa pagina è disponibile in tempo reale l’andamento del cambio dollaro-yen sul mercato del Forex, grazie al quale si può seguire l’andamento della quotazione in ogni istante. Il grafico del dollaro yen qui presente è fornito da Plus500, broker specializzato in trading su Forex e CDF.

È possibile personalizzare la visualizzazione della quotazione presente sul grafico del cambio euro-dollaro grazie all’opzione candele giapponesi e i diversi timeframe disponibili.

Cambio dollaro-yen: il convertitore in tempo reale

Se vuoi conoscere in tempo reale il cambio tra Dollaro Americano e Yen Giapponese per importi precisi utilizza il nostro Convertitore di Valute.

Cambio dollaro-yen: la storia

Alla sua introduzione nel 1871, il valore dello yen era più o meno lo stesso del dollaro americano. A seguito della svalutazione d’argento nel 1873, lo yen si è svalutato rispetto al dollaro, che utilizzava il gold standard, portando il cambio dollaro yen a definire che 1 yen (¥) equivalesse a $0,50 nel 1897.

Il Giappone ha adottato il gold standard nel 1897 e ha ancorato il valore dello yen a $0,50 fino a quando ha abbandonato il sistema aureo nel dicembre 1931. Da lì, il cambio dollaro yen ha subito un forte apprezzamento grazie alla caduta della valuta giapponese.

L’inflazione al tempo della seconda Guerra Mondiale ha portato ad una forte salita del dollaro-yen fino a quando, il 25 aprile 1949, gli Stati Uniti fissarono il tasso di cambio tra dollaro e yen a ¥ 360 per $1 come parte di un piano per stabilizzare l’economia giapponese attraverso il sistema di Bretton Woods. Il dollaro-yen rimase ancorato a questo livello fino al 1971, quando gli Stati Uniti abbandonato il sistema aureo.

Nel 1985, le cose hanno preso una piega drammatica quando il Plaza Accord è stato sottoscritto, un accordo tra funzionari finanziari che accettarono il fatto che il dollaro fosse sopravvalutato. Questo di per sé ha fatto sì che lo yen fosse sottovalutato, il che causò un’ascesa del cambio dollaro yen da ¥239 per $1 nel 1985 a ¥128 nel 1988, quasi raddoppiando il suo valore nei confronti del biglietto verde.

*77% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro.

134,74

ULTIMO VALORE

-0,15%

ULTIMA VARIAZIONE

PERFORMANCE

+2,55%

1 settimana

-0,82%

1 mese

+16,82%

6 mesi

+22,39%

1 anno

Ultimo aggiornamento

-

Condividi su
Grafico

*I dati intraday e in tempo reale sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

Dati completi Dollaro Yen

USD/JPY

Simbolo

-

ISIN

%

Var. %

-

Apertura

-

Minimo oggi

-

Massimo oggi

Chiusura precedente

Minimo (52 sett.)

Massimo (52 sett.)

Usd/Cad al test dei minimi in zona 1,2920

Usd/Cad al test dei minimi in zona 1,2920

Il dollaro canadese continua il suo percorso di apprezzamento e cerca di sfondare con decisione area 1,2920. Possibile prosecuzione del trend (...)

Approfondimenti Dollaro Yen

Ufficio Studi Money.it

Luglio 2019

Yen giapponese, operatori calmi dopo il test dei supporti

Viste le sedute compassate dei mercati azionari la fase di risk on che abbiamo visto ad inizio mese potrebbe presto cedere il passo ad una più ragionata fase di consolidamento

Ufficio Studi Money.it

Maggio 2019

Trade war tra Cina e USA spingono le quotazioni dello Yen

Il clima teso tra le due superpotenze favoriscono l’apprezzamento dello Yen, notoriamente considerata come valuta rifugio. Nei confronti del dollaro e dell’euro il rafforzamento della valuta giapponese ha portato i corsi verso supporti significativi. Ecco cosa dice l’analisi tecnica su USD/JPY e EUR/JPY

Ufficio Studi Money.it

Febbraio 2019

USD/JPY sui massimi di Natale: ecco le strategie operative

Il Ninja continua a mostrare segnali di forza, proseguendo il rimbalzo che ha caratterizzato la prima parte dell’anno. La struttura tecnica di lungo periodo, in confluenza con questo movimento ascendente, potrebbe regalare target molto ambiziosi

Ufficio Studi Money.it

Febbraio 2019

Il punto Forex del 4 febbraio: Dollaro Usa in evidenza

La settimana si apre all’insegna dei rialzi per il biglietto verde, che affossa la Corona svedese e il Dollaro australiano. Resiste il Peso messicano, con l’Usd/Mxn che mette a segno un -0,22%

[(|non) ]