Yanis Varoufakis

Yanis Varoufakis

Yanis Varoufakis, all’anagrafe Ioannis Georgiou Varoufakis, classe 1961, è un economista, accademico e politico greco, ministro delle finanze greco da gennaio a luglio 2015, quando si è dimesso. Varoufakis è stato anche membro del Parlamento ellenico per il partito Syriza all’interno dell’Atene B da gennaio a settembre 2015.

A partire da gennaio 2015, Varoufakis guida i negoziati con i creditori della Grecia durante la crisi del debito pubblico del Paese. Tuttavia, non riesce a raggiungere un accordo con i creditori, portando al referendum sul salvataggio greco del 2015. Il giorno successivo al referendum, il 6 luglio 2015, Varoufakis ha rassegnato le dimissioni da ministro delle finanze e viene sostituito da Euclid Tsakalotos.

Il 24 agosto, Varoufakis vota contro il terzo pacchetto di salvataggio, e nelle successive elezioni anticipate di settembre, non si è candidato per la rielezione. Da allora Varoufakis è apparso in numerosi dibattiti, conferenze e interviste. Nel febbraio 2016, ha lanciato il Movimento Democrazia in Europa 2025 (DiEM25).

Yanis Varoufakis, ultimi articoli su Money.it

Varoufakis conferma: il piano B della Grecia è esistito

Christian Dalenz

28 Luglio 2015 - 09:15

Varoufakis conferma: il piano B della Grecia è esistito

L’ex Ministro delle Finanze greco conferma le voci per le quali il suo ministero avrebbe preparato, durante le trattative per il rinnovo dei prestiti da parte della Troika, un piano per l’uscita dall’euro.

Grecia: vittoria netta del NO ma Varoufakis si dimette

Flavia Provenzani

6 Luglio 2015 - 08:59

Grecia: vittoria netta del NO ma Varoufakis si dimette

Nonostante la storica vittoria del NO al referendum in Grecia, il ministro delle finanze Greco Varoufakis conferma le sue dimissioni: le trattative con i leader europei andranno avanti senza di lui.

Referendum, Grecia divisa. Varoufakis «Creditori terroristi»

Stefania Manservigi

4 Luglio 2015 - 22:45

Referendum, Grecia divisa. Varoufakis «Creditori terroristi»

Alla vigilia del referendum che si terrà in Grecia per decidere se accettare o no l’austerità imposta dai creditori internazionali, si accende il clima nel paese ellenico diviso tra chi parteggia per il sì e chi per il no. Il ministro Varoufakis sentenzia: «Creditori terroristi»