Regime forfetario

Il regime forfetario per le partite IVA è un regime agevolato, introdotto dalla Legge di Stabilità 2015 ed entrato in vigore (in coabitazione con il regime dei minimi) il 1°gennaio 2015. Dal 2016, per effetto della Legge di Stabilità, è rimasto l’unico regime che consente di tenere una partita IVA agevolata.

Regime forfetario: condizioni e requisiti di accesso

La Legge di Bilancio 2020 è intervenuta sui parametri di accesso al regime forfettario, cambiando regole e limiti.

I nuovi requisiti per avere accesso all’aliquota del 15% sono:

  • non aver conseguito ricavi o compensi oltre i 65.000 euro;
  • non aver sostenuto spese superiori a 20.000 euro lordi per lavoro accessorio, dipendente e per compensi ai collaboratori, anche assunti per l’esecuzione di progetti specifici;
  • non aver percepito oltre 30.000 euro di redditi da lavoro dipendente o da pensione.

Il limite dei 30.000 euro non si applica ai lavoratori licenziati o che si sono dimessi, i quali quindi hanno libero accesso al regime agevolato.

Come si determina il reddito per i contribuenti in regime forfettario?

I contribuenti titolari di una partita IVA nel regime forfetario determinano il reddito da assoggettare a tassazione fiscale e contributi previdenziali applicando la seguente relazione:

Reddito fiscale= Fatturato*coefficiente di redditività

dove il coefficiente di redditività varia da contribuente a contribuente a seconda del tipo di attività svolta e del relativo codice ATECO.

Gruppo di settoreCod. Attività ATECO 2007Coefficiente di redditività
Industrie alimentari e delle bevande (10-11) 40%
Commercio all’ingrosso e al dettaglio 45 – (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a 47.7) – 47.9 40%
Commercio ambulante di prodotti alimentari e bevande 47.81 40%
Commercio ambulante di altri prodotti 47.82 – 47.89 54%
Costruzioni e attività immobiliari (41 – 42 – 43) – (68) 86%
Intermediari del commercio 46.1 62%
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (55 – 56) 40%
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari e assicurativi (64 – 65 – 66) – (69 – 70 – 71 – 72 – 73 – 74 – 75) – (85) – (86 – 87 – 88) 78%
Altre attività economiche (01 – 02 – 03) – (05 – 06 – 07 – 08 – 09) – (12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 – 28 – 29 – 30 – 31 – 32 – 33) – (35) – (36 – 37 – 38 -39) – (49 – 50 – 51 – 52 -53) – (58 – 59 – 60 – 61 – 62 – 63) – (77 – 78 – 79 – 80 – 81 – 82) – (84) – (90 – 91 – 92 – 93) – (94 – 95 – 96) – (97 – 98) – (99) 67%

Regime forfetario , ultimi articoli su Money.it

Come si compila una fattura: guida completa

Chiara Ridolfi

10 Febbraio 2021 - 16:35

Come si compila una fattura: guida completa

Come compilare una fattura? Ecco una guida completa per evitare errori e non avere problemi nell’emissione di questo importante documento.

Limite contanti e fattura elettronica per i forfettari: lo chiede la Corte dei Conti

Anna Maria D’Andrea

5 Febbraio 2021 - 16:04

Limite contanti e fattura elettronica per i forfettari: lo chiede la Corte dei Conti

Riduzione del limite per l’uso dei contanti, con applicazione di una ritenuta fiscale da parte della banca per le transazioni tra partite IVA, ed estensione della fattura elettronica anche ai forfettari: sono queste due delle proposte della Corte dei Conti, avanzate nel corso dell’audizione sulla riforma fiscale del 5 febbraio 2021.

Regime forfettario 2020, limiti e novità per le Partite IVA

Rosaria Imparato

13 Febbraio 2020 - 13:30

Regime forfettario 2020, limiti e novità per le Partite IVA

Regime forfettario 2020, conferma ufficiale del MEF e dell’Agenzia delle Entrate: i limiti sono in vigore dal 1° gennaio. Tante le novità per le partite IVA: vediamo quali sono i requisiti per rimanere o entrare nella flat tax al 15%.

Certificazione Unica 2020, novità codici 7 e 8 per i forfettari: cosa cambia?

Rosaria Imparato

11 Febbraio 2020 - 14:20

Certificazione Unica 2020, novità codici 7 e 8 per i forfettari: cosa cambia?

Certificazione Unica 2020, novità con effetto retroattivo per lavoratori autonomi forfettari: codice 7 e codice 8 indicano, rispettivamente, redditi imponibili e non nella dichiarazione dei redditi. I software per la compilazione automatica della CU, però, non sono aggiornati per registrare la nuova distinzione.