Durc

Il DURC è il Documento Unico di Regolarità Contributiva che attesta la regolarità contributiva, assistenziale e assicurativa di un’azienda.
Il DURC certifica la regolarità dei versamenti dovuti da un operatore economico a INPS, INAIL, nonché Casse Edili, effettuati tenuto conto della normativa in materia.
Il DURC viene rilasciato da:

  • INPS;
  • INAIL;
  • Casse Edili.

A cosa seve il DURC?

Il DURC serve per poter chiedere agevolazioni fiscali e finanziarie, per tutti gli appalti e subappalti di lavori pubblici (verifica dei requisiti per la partecipazione alle gare, aggiudicazione alle gare aggiudicazione dell’appalto, stipula del contratto, stati d’avanzamento lavori, liquidazioni finali), per i lavori privati soggetti al rilascio della concessione edilizia o alla DIA, per le attestazioni SOA.

Da chi può essere richiesto il DURC?

Il DURC può essere richiesto da:

  • imprese (direttamente o tramite intermediari);
  • pubbliche amministrazioni appaltanti;
  • enti privati a rilevanza pubblica appaltanti;
  • le SOA.

Come si richiede il DURC online?

Il DURC online può essere richiesto seguendo l’apposita procedura prevista dai siti web istituzionali INPS, INAIL e Casse edili.

Per un approfondimento su tutta la materia relativa al DURC, sulle sue funzioni e su come richiederlo, i lettori di Money possono fare riferimento alla seguente guida:

DURC: cos’è, a cosa serve, come richiederlo. Ecco la guida completa

Durc, ultimi articoli su Money.it

Sgravio contributivo edilizia 2019: importo, durata e come fare domanda

Pubblicato il 4 dicembre 2019 alle 17:00

Sono state fornite le istruzioni operative per poter usufruire dello sgravio contributivo, per l’anno 2019, nel settore edile. La riduzione si conferma, come per gli anni passati, all’11,50%. Tutti i dettagli su come fare domanda ed importo riconosciuto.

Money.it

Appalti pubblici, verifica di regolarità contributiva: dal 1° luglio DURC online, non più AVCPass

Pubblicato il 3 luglio 2015 alle 15:19

La nuova procedura del DURC online, entrata ufficialmente in vigore dal 1° luglio, ha avuto ripercussioni anche nel settore degli appalti pubblici. ANAC, attraverso una news pubblicata sul suo sito, ha fatto sapere che la verifica di regolarità contributiva non verrà più effettuata tramite il sistema AVCPass. Vediamo cosa cambia per le stazioni appaltanti.

|