Affitto in nero

L’affitto in nero si verifica allorquando un contratto di locazione non viene registrato regolarmente presso l’Agenzia delle Entrate e non si provvede al versamento dell’imposta di registro.

E’ obbligatorio registrare qualsiasi tipo di contratto di locazione eccezione fatta per quelli che non superano i 30 giorni complessivi durante l’anno.

La registrazione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla stipula del contratto o dalla sua decorrenza, se anteriore.

E’ necessario versare un’importo all’Agenzia delle Entrate al fine di validare la registrazione del contratto e nei casi di locazione ad uso abitativo tra privati si può ricorrere al regime facoltativo della cedolare secca che prevede un un’imposta sostitutiva dell’Irpef, delle addizionali, dell’imposta di registro e di bollo che sarebbero state dovute normalmente.

La mancata registrazione del contratto di locazione comporta notevoli svantaggi sia per il locatore (proprietario) che per il conduttore (inquilino) poiché, essendo nullo il contratto, è come se non fosse mai venuto in essere ed inoltre, a carico del locatore, sono anche previste sanzioni pecuniarie.

Affitto in nero, ultimi articoli su Money.it

La casa in affitto è un benefit o un costo aziendale?

Vincenzo Pone

13 Luglio 2017 - 08:00

La casa in affitto è un benefit o un costo aziendale?

Vincenzo Pone ci «svela» l’undicesimo segreto dell’escapologo in materia di deducibilità dell’affitto sostenuto per l’amministratore senza che per lo stesso vi sia un aggravio di imposte...

Chi paga la tassa Airbnb?

Francesco Oliva

11 Giugno 2017 - 08:00

Chi paga la tassa Airbnb?

Tassa Airbnb: paga il proprietario che riceve i soldi dal portale web?