Poste Italiane: sulla trimestrale il peso del coronavirus. Tutti i dati

Cristiana Gagliarducci

13/05/2020

16/04/2021 - 15:42

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La trimestrale di Poste Italiane è stata pubblicata: tutti i dati

Poste Italiane: sulla trimestrale il peso del coronavirus. Tutti i dati

La trimestrale di Poste Italiane è stata appena resa nota.

Ben prima della pubblicazione, molti analisti avevano formulato le proprie previsioni sui conti del primo trimestre 2020, un arco di tempo che per alcune quotate di Piazza Affari è risultato piuttosto impegnativo (vista l’emergenza COVID-19).

Purtroppo, anche nella trimestrale di Poste Italiane a scendere sono stati sia i ricavi che l’utile netto, cosa che ha spinto inevitabilmente il mercato a concentrarsi sulla reazione delle azioni societarie nella terza seduta della settimana.

Trimestrale Poste Italiane, azioni in focus: tutti i dati

Nei primi tre mesi di questo impegnativo 2020, l’istituto di Del Fante ha portato a casa 2,755 miliardi di euro di ricavi. Il dato ha lasciato osservare una flessione di 3 punti percentuali rispetto ai 2,842 miliardi dello scorso anno, ma ha centrato quasi totalmente le previsioni degli analisti.

Nello specifico, le singole componenti della voce con cui dovranno fare i conti le azioni Poste Italiane, hanno registrato le seguenti oscillazioni:

  • ricavi dei servizi di corrispondenza, pacchi e distribuzione: 771 milioni, -12,4%
  • pagamento e mobile: 165 milioni, +18,4%
  • servizi finanziari: 1,464 miliardi, -1,4%
  • business assicurativo: 355 milioni, +5,1%.

A peggiorare nella trimestrale di Poste Italiane è stato anche il risultato operativo, giù del 28,6% da 617 a 441 milioni di euro, a causa del lockdown e dei maggiori costi legati all’emergenza.

L’utile netto della quotata è crollato del 30,2% e si è inabissato da 439 a 306 milioni di euro su base tendenziale. Il tutto mentre l’utile netto normalizzato è scivolato a 143 milioni (-42,2%).

La posizione finanziaria netta è risultata positiva per 3,62 miliardi (dai 5,67 di inizio anno), mentre le attività finanziarie totali sono lievemente salite a 539 miliardi.

La società ha confermato il dividendo sul bilancio 2019 (€0,463) ma ha altresì ribadito l’impossibilità di formulare nuove previsioni sul 2020 visto il caos generato dal coronavirus.

Dopo la trimestrale, le azioni Poste Italiane sono finite inevitabilmente sotto i riflettori.

— -

Il contenuto seguente è stato redatto prima della pubblicazione dei dati e ha riguardato le attese degli analisti sulla trimestrale di Poste.

Le previsioni sul 1° trimestre 2020

Secondo gli esperti, la prima trimestrale 2020 di Poste Italiane verrà archiviata con un utile netto di 284 milioni di euro, dato elaborato grazie alla media tra la stima più ottimistica di 327 milioni e quella più pessimistica di 244 milioni.

I ricavi, invece, oscilleranno in un range compreso tra i 2,6 e i 2,75 miliardi di euro, per un valore medio di 2,7 miliardi.

Un confronto con il 2019

Nel primo trimestre dello scorso anno, la quotata di Piazza Affari aveva portato a causa un utile netto di 439 milioni (in calo del 9,5% su base tendenziale), ma non solo.

Tra gennaio e marzo del 2019, la trimestrale di Poste Italiane aveva alzato il velo anche su una lieve flessione dei ricavi a quota 2,842 miliardi di euro.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.