Test Medicina 2020: nuova data per chi è in quarantena? Annuncio ministero

Per il test di Medicina 2020 si parla da settimane di una nuova data per gli studenti in quarantena perché positivi al COVID-19 o per contatto con casi accertati, ma l’annuncio del ministero non lascia ben sperare.

Test Medicina 2020: nuova data per chi è in quarantena? Annuncio ministero

Test Medicina 2020: nuova data possibile per chi è in quarantena e non ha potuto svolgere la prova? L’annuncio del ministero dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi non lascia ben sperare laddove nei giorni a ridosso del test di Medicina 2020 aveva aperto alla possibilità di una prova suppletiva quindi in altra data.

Si sono candidati al test per l’ammissione al corso di laurea in Medicina e Chirurgia di quest’anno 66.638 persone per 13.072 posti.

La nuova data alla quale si pensava per il test di Medicina 2020 avrebbe dovuto riguardare una nuova categoria, quella dei positivi COVID-19, coloro che sono in quarantena o sorveglianza domiciliare. E cosa ne sarebbe stato di coloro che non vi hanno preso parte per altri motivi legati alla salute? È proprio su questo punto che ha fatto leva il ministro Manfredi nell’annunciare che la nuova data per il test di Medicina 2020 non ci sarà.

Intanto nella giornata odierna sono online i primi risultati della prova di quest’anno.

Test Medicina 2020: nessuna nuova data per chi è in quarantena

Per il test di Medicina 2020 non ci sarà una nuova data per chi è in quarantena o comunque lo era il 3 settembre scorso. A escludere questa possibilità dopo aver alimentato false speranze, è il ministro Gaetano Manfredi a SkyTG24. Il titolare del Mur ha infatti precisato che gli studenti che non hanno potuto sostenere il test di Medicina 2020 perché in quarantena:

“Sono qualche decina rispetto ai sessantaseimila che si erano iscritti al test. Ho sottoposto il problema anche al dipartimento della funzione pubblica per avere un chiarimento sulla possibilità di sostenere una prova suppletiva, mi è stato risposto che trattandosi di una malattia, oggi la norma prevede che chi è in malattia e perde un concorso o una prova unica non ha diritto a recuperarla.”

E ha continuato:

“Questo non riguarda solo chi è ammalato di Covid o è in quarantena, riguarda anche chi è in ospedale o chi si è rotto un gamba. Per un problema di parità di trattamento tra tutti i cittadini fare una prova suppletiva solamente per coloro che hanno un problema di Covid, rappresenta a oggi una disparità rispetto all’eguaglianza di condizioni tra tutti i concorrenti.”

Senza nuova data rischio ricorsi

Senza la nuova data per il test di Medicina 2020 il rischio dei ricorsi causa COVID-19 è dietro l’angolo e non sono mancate delle testimonianze di azioni individuali annunciate che si sono trasformate in azioni collettive. Questi ricorsi andrebbero ad aggiungersi a quelli per il numero chiuso ormai prassi a cadenza annuale.

La frustrazione da parte dei candidati che poiché in quarantena non hanno potuto sostenere il test di Medicina 2020 potrebbe essere ancora più grande laddove il ministro Manfredi solo poche settimane fa, come abbiamo detto, aveva annunciato una possibile nuova data.

Intervenuto al Giffoni Film Festival prima del test il titolare del MUR aveva dichiarato:

“Ci potranno essere dei casi particolari, cioè di studenti che non potranno partecipare per una disposizione dell’autorità sanitaria. Stiamo valutando la possibilità di trovare una data alternativa per consentire anche a loro di poter sostenere il test. È un aspetto giuridico molto complesso, però sicuramente abbiamo grande attenzione perché non vogliamo far perdere opportunità a nessuno”

E un annuncio sul sito ufficiale del MUR del 31 agosto recitava:

“Si informa che il Ministero dell’Università e della Ricerca, vista la presenza di candidati destinatari dei provvedimenti sanitari di prevenzione del Covid-19 che, pertanto, non potranno sostenere le prove di accesso programmato previste a partire da giorno 1 settembre p.v., ha provveduto ad avvisare i Ministeri competenti al fine verificare ogni eventuale possibile gestione delle suddetta.”

Non era stata assicurata certo la nuova data per il test di Medicina 2020, ma era una speranza oggi definitivamente svanita.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1623 voti

VOTA ORA