Test Medicina 2020: ecco l’autocertificazione da portare con sé il giorno della prova

Test di Medicina 2020: chi partecipa deve consegnare l’autocertificazione, compilata e firmata, con cui dichiara di non essere in quarantena e di non presentare sintomi influenzali. Ecco il modello da scaricare.

Test Medicina 2020: ecco l'autocertificazione da portare con sé il giorno della prova

Test di Medicina 2020 e per gli altri corsi di laurea con accesso programmato: quest’anno per poter partecipare è necessario portare con sé un’autocertificazione con cui si dichiara di non essere in alcuna delle situazioni ostative che impedirebbero di prendere parte ai test d’ingresso.

Hanno inizio oggi, martedì 1° settembre 2020, i test d’ingresso per i corsi di laurea con accesso programmato: si parte con Veterinaria, mentre giovedì 3 settembre è la volta di Medicina e Chirurgia.

Questo è un anno molto particolare per il test di Medicina: a causa dell’emergenza sanitaria, ancora in atto nel nostro Paese, l’amministrazione ha dovuto prendere alcune precauzioni per ridurre al minimo il rischio contagio. Ad esempio, una delle novità di quest’anno è quella per cui sarà possibile svolgere il test nella sede più vicina a casa, così da limitare gli spostamenti (negli anni scorsi, invece, questo doveva essere sostenuta nella sede indicata come prima scelta).

Inoltre, non potranno partecipare tutti quei candidati che al momento sono in quarantena, sia perché positivi al COVID-19 che perché entrati in contatto con un positivo. Per questi si sta cercando una soluzione, come ad esempio la possibilità di prevedere una prova suppletiva così da permettere anche agli studenti in isolamento di sostenere il test d’ingresso; una scelta però che non piace a tutti, in quanto andrebbe a ritardare sia l’uscita delle graduatorie che l’inizio dell’anno accademico.

Niente test d’ingresso, a Medicina come pure per le altre facoltà con accesso a numero chiuso, quindi, per coloro che sono in quarantena come pure per chi, pur non essendosi sottoposto al tampone, presenta sintomi influenzali. A tal proposito, per poter partecipare al test d’ingresso è necessario portare con sé un’autodichiarazione, la quale si aggiunge agli altri documenti richiesti nel giorno delle prove.

Test Medicina e facoltà a numero chiuso: l’autodichiarazione da presentare il giorno della prova

In queste ore i candidati che prenderanno parte al test d’ingresso per i corsi di laurea ad accesso programmato hanno ricevuto da Cineca la comunicazione - con link allegato per scaricare il documento - riguardante l’obbligo di portare con sé l’autocertificazione compilata e firmata. Questa si aggiunge agli altri documenti da portare il giorno della prova, quali:

  • documento di identità valido;
  • ricevuta d’iscrizione a Universitaly;
  • ricevuta del pagamento del contributo per la prova.

Con l’autocertificazione, che potete scaricare di seguito o anche nell’area riservata su Universitaly, lo studente dichiara che:

  • non presenta sintomatologia respiratoria o simil influenzale, o anche febbre superiore ai 37,5° C;
  • attualmente non è in quarantena o in isolamento domiciliare fiduciario e, per quanto di propria conoscenza, di non essere positivo al COVID-19/Sars-Cov-2;
  • non è stato a contatto con persone positive al COVID-19/Sars-Cov-2, per quanto di loro conoscenza, negli ultimi 14 giorni.
Autocertificazione Test di Medicina e facoltà a numero chiuso
Clicca qui per scaricare l’autodichiarazione da portare nel giorno della prova d’ingresso per la facoltà di Medicina o per gli altri corsi di laurea ad accesso programmato.

Chi non soddisfa tutte le tre condizioni suddette non potrà prendere parte al test d’ingresso; l’unica speranza sarà quella per cui il Ministero dell’Università e della Ricerca possa pensare ad una data per le prove suppletive.

Per lo stesso motivo gli studenti sono invitati a misurarsi la temperatura sia il giorno prima che il giorno stesso del test, così da poter accertare di non trovarsi in una situazione ostativa che impedirebbe la partecipazione al test.

Ovviamente questa è solo una delle misure previste per il contenimento dei contagi. Ad esempio, ogni Università sarà tenuta a predisporre quanto necessario per lo svolgimento in sicurezza della prova; inoltre, la mascherina sarà obbligatoria per tutte le fasi del test.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories