Strategie di trading: il segnale COT

Idee di trading: il segnale COT, una strategia futures di successo

Strategie di trading: il segnale COT

In questo articolo presentiamo una strategia basata sui dati del Commitment of Traders report (COT).

L’autore è stato in grado di far aumentare un conto insieme al suo socio in affari in quattro anni da 14.000 a 300.000 dollari USA.
Al fine di far verificare il successo dell’approccio da un organismo indipendente, l’autore ha partecipato al Campionato Mondiale di Trading di Futures con denaro reale, dove ha raggiunto, nel 2017, il terzo posto.

L’approfondimento è a cura di Traders’ Magazine Italia

Il segnale COT

Le tendenze sono causate dai cambiamenti fondamentali nel mercato e non dai grafici. Il fondamento di questa strategia sono i dati COT. Il Commitment of Traders report mostra le attuali posizioni di trading degli operatori di mercato soggetti a notifica.

L’obiettivo del COT report è di rendere trasparenti le attuali opzioni aperte e i contratti futures. I dati saranno pubblicati ogni venerdì dopo la chiusura del trading. In questo modo, tutti gli altri operatori di mercato possono comprendere il posizionamento dei grandi gruppi di investitori (operatori istituzionali, grandi operatori e piccoli trader).

Abbiamo approfittato di queste informazioni e valutato il comportamento dei tre gruppi utilizzando i rapporti COT dal 1983 al 2013. Questo ci ha mostrato come i grandi player si posizionano prima di un rally del prezzo. Questa informazione è il fondamento della nostra strategia di trading. Per generare il segnale COT, usiamo un indicatore ausiliario, l’Indice COT dei commercial.

Esso imposta le rispettive posizioni nette degli operatori istituzionali in relazione al massimo o al minimo di un periodo precedente (auto-scelto). Questo crea un oscillatore che varia tra zero e 100. La maggior parte dei trader usa solo un Indice COT. Siamo andati oltre e abbiamo usato due varianti.

In tal modo, copriamo due gruppi di operatori istituzionali con diversi orizzonti di copertura. Ciò aumenta la qualità del segnale COT, che si presenta come segue.

  • Segnale long: quando l’indice dei commercial a sei mesi e l’indice dei commercial a dodici mesi salgono oltre 75.
  • Segnale short: quando l’indice dei commercial a sei mesi e l’indice dei commercial a dodici mesi scendono sotto a 25.

Ogni domenica scansioniamo 30 mercati futures per il nostro segnale COT. Ad esempio, la Figura 1 mostra i segnali COT per il Future dell’Oro. Le
frecce rosse mostrano segnali short e le frecce verdi mostrano segnali long. Come potete vedere, i segnali COT sono molto affidabili, specialmente se corrispondono alla tendenza della settimana.

Per poter tradare la strategia COT, nella nostra esperienza, abbiamo bisogno di almeno 15.000 dollari USA nel conto di trading, meglio ancora sarebbero 30.000 dollari USA. Lo svantaggio di un piccolo conto è che non è possibile tradare tutte le impostazioni, altrimenti il rischio diventa troppo alto. Dovete sempre scegliere una delle tante impostazioni.

Con un conto da $ 30.000, potete già tradare due o tre segnali in parallelo e quindi è più veloce. Gli autori avevano inizialmente solo 14.000 dollari USA. Tuttavia, dopo un backtest della strategia, hanno avuto un’idea chiara di quanto alto possa essere il drawdown e di quante perdite potrebbero verificarsi consecutivamente. Ciò ha dato la necessaria fiducia nel loro piccolo conto di trading.

Condizioni aggiuntive del filtro

Non appena è presente un segnale COT, procediamo come segue (vedi anche Figura 2).

Passo 1: Trend settimanale. Dopo aver ricevuto un segnale COT, per prima cosa controlliamo il trend della settimana. Come già accennato, i segnali sono più affidabili se corrispondono alla direzione del trend.

Passo 2: Operatori istituzionali e Open Interest. Per confermare il nostro segnale COT, guardiamo anche all’open interest e agli operatori istituzionali. Il segnale long è confermato quando gli operatori istituzionali acquistano e allo stesso tempo l’open interest diminuisce. Il segnale short è confermato quando gli operatori istituzionali vendono e allo stesso tempo l’open interest aumenta.

Passo 3: Sentiment. Come prossima conferma guardiamo al sentiment, cioè lo stato d’animo della folla. Il segnale long viene confermato se l’umore della massa è negativo (il nostro indicatore mostra un valore inferiore a 25). Il segnale short è confermato quando l’umore della folla è positivo (il nostro indicatore mostra un valore superiore a 75). Usiamo il software Trade Navigator. Trade Navigator offre due sentiment, uno veloce e uno lento. Idealmente, entrambi si trovano nella stessa zona.

Passo 4: Trend stagionale. Ora diamo uno sguardo al trend stagionale. In primo luogo vogliamo sapere se il prezzo lo segue. In secondo luogo, vediamo se questo trend conferma il segnale COT. Se queste condizioni sono soddisfatte, si parla di un segnale COT ideale. Naturalmente, non tutti i segnali sono così perfetti. Di solito, comunque, due su tre conferme saranno sufficienti per continuare ad usarlo. È importante ricordare che l’esperienza di trading reale dimostra che la validità fondamentale di un segnale COT è di circa sei settimane. La valutazione storica lo conferma. Ogni settimana controlliamo le conferme menzionate del segnale COT per la loro validità. Se è così, il future rimane sulla watchlist.

Tempistica dell’entrata

Per riconoscere quando è arrivato il momento giusto per l’entrata, prendiamo il grafico giornaliero e guardiamo la struttura del trend. Dovrebbe indicare un’inversione di tendenza con i suoi alti e bassi. Le divergenze indicano anche un possibile cambiamento del trend.

Per la ricerca della divergenza, l’indicatore del momentum o l’Indice di Forza Relativa (RSI) sono adatti. Entrambi dovrebbero essere inclusi in tutti i software standard (Figura 3). Se sono presenti delle divergenze o se la struttura del trend indica un’inversione di tendenza, inizia la ricerca di un’entrata ottimale. Usiamo differenti tecniche di entrata.

Un’efficace e semplice variante è l’entrata basata sull’estremo di 12 giorni (vedi Figura 4). In questo esempio, abbiamo ricevuto il segnale COT il 15.12.2017. Il grafico quotidiano ha visto una divergenza tra prezzo e momentum. Il prezzo si è trasformato e ha raggiunto il massimo dei 12 giorni. Qui c’è il nostro punto di ingresso.

Lo stop loss è stato posizionato al di sotto del minimo di 3 giorni e l’obiettivo di prezzo è stato definito dalla proiezione dell’ultimo movimento di tendenza verso l’alto. L’obiettivo di prezzo è stato raggiunto e siamo riusciti a ottenere un profitto di $9.000 con un rischio di soli $1.040. È importante a questo punto: se il minimo più profondo è rotto, in questo modo il trend successivo continua, consideriamo l’impostazione come inizialmente non valida e aspettiamo che la struttura del trend indichi di nuovo un cambiamento di tendenza.

Questo approccio sembra complicato, ma è molto facile da implementare nella pratica. Abbiamo il trend settimanale (tendenza principale) e il trend del giorno (trend secondario). Il trend minore è la correzione del trend principale. Quando il sub-trend si sposta verso il trend principale, stiamo cercando un’entrata. Se il trend successivo continua, non facciamo nulla e aspettiamo la prossima opportunità.

Dimensionamento della posizione

Questo punto è il più importante e ha un impatto decisivo sul successo o il fallimento nel trading. In primo luogo, definire il rischio massimo per trade. Esso dipende essenzialmente dal tipo di rischio del trader e dovrebbe essere compreso tra il due e il cinque percento del capitale di trading.

L’autore rischia un massimo del 2% per trade nel suo conto. Quando viene impostato il rischio massimo per trade, determiniamo il rischio per contratto e poi calcoliamo quindi la dimensione della posizione. Qui abbiamo un esempio: il nostro capitale di trading è $271.000 e vogliamo rischiare il 2% per ogni trade, o $5.420.

Il nostro rischio per contratto (stop-loss) dal trade descritto nella Figura 4 è di $1.040 USA. Traderemo cinque contratti d’oro (5.420/1.040). La formula generale è:

Dimensioni della posizione = (capitale di trading x rischio per trade) / distanza dello stop-loss

Nota le correlazioni

Quando il capitale di trading ha raggiunto una dimensione appropriata, e possiamo tradare più strumenti contemporaneamente, devono essere prese in considerazione le dipendenze reciproche (correlazioni) tra gli strumenti. Nel migliore dei casi, le correlazioni tra le singole posizioni dovrebbero essere le più basse possibili, il che significa che il portafoglio complessivo è ben diversificato. Le correlazioni possono essere consultate sul sito web del Centro di Ricerca Moore o possono essere misurate da voi.

Conclusioni

Preferiamo questa strategia perché soddisfa tutti i criteri di una buona strategia per noi - è fondamentale, comprensibile, fa risparmiare tempo, adatta a piccoli conti e facile da implementare. Un grande vantaggio è rappresentato dai bassi costi di preparazione e implementazione.

I dati COT arrivano di venerdì e i mercati dei futures vengono scansionati dai segnali COT e vengono cercati i migliori setup durante il fine settimana. A seconda dell’esercizio, questo richiede da una a tre ore. In seguito, definiremo i nostri scenari di entrata e uscita di domenica. Durante la settimana, dobbiamo solo impostare o regolare l’ordine. Questo richiede fino a 15 minuti al giorno. Non è insolito avere i trade completati già da martedì e durante il resto della settimana. Pertanto, la strategia è ideale per i trader part-time.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su COT (Commitment Of Trades)

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.