Oro: dopo i top da gennaio 2013, quali livelli monitorare?

Le quotazioni dell’oro hanno iniziato a ritracciare dopo aver raggiunto i massimi da gennaio 2013. Nel brevissimo periodo, si potrebbe accompagnare un’eventuale correzione con i Certificati StayDOWN di SocGen

Oro: dopo i top da gennaio 2013, quali livelli monitorare?

Nelle scorse sedute, le quotazioni dell’oro hanno beneficiato del clima di risk-off mettendo a segno forti rialzi. Nello specifico, il 24 febbraio 2020, il prezioso per eccellenza ha segnato i suoi massimi da gennaio 2013, portandosi a 1.689,31 dollari l’oncia.


Oro, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Dopo aver segnato questi top, i prezzi hanno iniziato un fisiologico ritracciamento, creando un pattern di Shooting star.

Nella seduta di ieri, le quotazioni hanno proseguito la correzione, confermando il modello di reversal e fermandosi a ridosso dei 1.635 dollari l’oncia. Su quest’area è stato infatti completato il pullback della linea di tendenza disegnata con i top del 26 agosto 2019 e dell’8 gennaio 2020, violata lo scorso 21 febbraio.

Osservando la situazione dell’RSI settato a 14 periodi, si evidenzia come si stia delineando una divergenza di inversione bearish, che unita alla conformazione candlestick evidenziata prima potrebbe creare lo spazio per una leggera discesa verso la zona compresa tra i 1.600 e i 1.611 dollari.

Qui passano passano rispettivamente il supporto ereditato dal 6 gennaio 2020 e la trendline che collega i minimi del 13 dicembre 2019 a quelli del 5 febbraio 2020.

In generale, il metallo giallo rimane inserito in un solido uptrend, ed eventuali ribassi costituiscono ancora occasioni di acquisto.

Strategie operative con i Certificati StayDOWN

Da un punto di vista operativo, si potrebbero valutare strategie di matrice short di brevissimo periodo da 1.660 dollari con il Certificato StayDOWN di Société Générale con ISIN LU2024219540.

Il prodotto presenta una Barriera Superiore a 1.700 dollari, ma si potrebbe tutelare parte del capitale con uno stop loss in area 1.695 dollari. Un potenziale obiettivo si potrebbe trovare a 1.610 dollari. Da quest’ultima zona, sarebbe interessante un’operatività di stampo rialzista.

Se invece si volesse mantenere il Certificate fino alla sua scadenza, fissata per il 19 giugno prossimo, la massima redditività potenziale sarebbe del 139,81%.

RESPONSABILITÀ

Il presente articolo è redatto in completa autonomia dalla redazione di Money.it ed è finalizzato a offrire spunti meramente informativi e di carattere operativo. Money.it ha stipulato un accordo con Societe Generale tale per cui, a fronte del pagamento di un corrispettivo, Money.it si è impegnato a selezionare in completa autonomia e a menzionare uno o più prodotti facenti parte della gamma di prodotti di Societe Generale negoziati su Borsa Italiana o EuroTLX e legati al sottostante di volta in volta oggetto dell’analisi contenuta nel presente articolo. Il presente articolo non costituisce sollecitazione, offerta, consulenza o raccomandazione all’investimento e, pertanto, qualsiasi decisione di investimento e il relativo rischio rimangono a carico dell'investitore. Societe Generale non si assume alcuna responsabilità per l'eventuale utilizzo che il lettore potrà fare dei contenuti dell’articolo. Disponibilità del KID e della documentazione d’offerta: l’ultima versione del Documento contenente le Informazioni Chiave (KID) e la documentazione d’offerta del prodotto descritto nel presente articolo potranno essere visualizzati e scaricati rispettivamente dal sito http://kid.sgmarkets.com e http://prodotti.societegenerale.it nonché disponibili gratuitamente su richiesta presso Societe Generale, via Olona 2 Milano.

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.