Snam, piano industriale al 2023: cosa prevede? I dettagli

Snam: piano industriale al 2023. In crescita acconto sul dividendo. I dettagli

Snam, piano industriale al 2023: cosa prevede? I dettagli

Snam ha comunicato stamattina i target del piano industriale al 2023. Gli obiettivi aziendali sono orientati all’aumento dell’utile e degli investimenti strategici.

L’azienda punta su solidità, efficienza e innovazione per continuare il percorso di crescita già iniziato, facendo leva su nuovi business green e sulla transizione energetica.

Confermato anche l’impegno verso gli azionisti in virtù del pagamento di un acconto sul dividendo.

I dettagli specificati nella nota del piano industriale al 2023 di Snam mettono in evidenza le ambizioni di sviluppo e le prospettive ottimistiche dell’azienda sul prossimo futuro.

Snam: piano industriale al 2023. Focus sugli obiettivi aziendali

Rispetto al piano precedente con base 2017, i nuovi obiettivi societari puntano alla conferma dei target precedenti più rilevanti e al miglioramento di alcune performance chiave.

Innanzitutto, riprendendo il trend già in atto, la previsione sull’utile netto resta di una crescita di oltre il 4% medio annuo. Confermato anche l’andamento della RAB per i ricavi, che si mantiene al 2,5% e si stima possa salire dell’1% reale nel 2030.

Puntando sull’efficienza, Snam rilancia il piano dei risparmi aziendali, con un target pari a 65 milioni di euro entro il 2023, in netto aumento rispetto ai 60 milioni prospettati nel precedente progetto.

In miglioramento anche gli investimenti totali per il periodo 2019-2023, in crescita del 14% in confronto ai target precedenti e stimati per un valore di 6,5 miliardi di euro.

Proprio sull’impiego di nuove risorse per la crescita aziendale, la società ha obiettivi strategici chiari:

“Abbiamo voluto destinare maggiori risorse all’innovazione e all’accelerazione dei nuovi business green del progetto SnamTec, pari a oltre il 20% del totale degli investimenti al 2023, per accrescere la presenza di Snam nel settore del biometano, confermare l’impegno nella mobilità sostenibile e nell’efficienza energetica ed essere tra i pionieri nell’utilizzo dell’idrogeno come vettore energetico pulito del futuro.”

Gli obiettivi per gli azionisti

Il piano Snam prevede un utile netto per azione in crescita di circa il 5,5%. Viene confermata la linea aziendale di favorire remunerazioni attrattive per gli investitori nel titolo.

Per quanto riguarda il pagamento del dividendo d’acconto, infatti, resta l’impegno ad aumentare la cedola del 5% annuo fino al 2022.

Inoltre, per l’esercizio 2019 si prevede la distribuzione di un dividendo totale di 0,2376 euro per azione. Il 40% sarà pagato a gennaio 2020 con acconto e il 60% verrà liquidato a saldo a giugno, se l’assemblea degli azionisti approverà nella seduta sul bilancio.

Nel piano aggiornato al 2023 Snam propone anche il programma di buyback con il lancio di una tranche da 150 milioni di euro.

È previsto, inoltre, una crescita dell’utile netto per azione del 32% dal 2016.

Le prospettive di mercato al 2023

Nel piano industriale aggiornato al 2023, Snam traccia anche una prospettiva sul mercato di riferimento.

Lo scenario è positivo e vede l’azienda giocare un ruolo centrale soprattutto in Cina e nelle Americhe. In queste aree geografiche, infatti, la domanda di gas naturale è destinata a salire, in linea con la politica di diminuzione del carbone e del diesel.

Anche in Italia si prevede una tendenza al rialzo nei consumi pari a circa il 4,4% in riferimento al 2019. L’impiego di gas naturale per l’energia termoelettrica sta diventando rilevante anche nel nostro territorio, con aumenti nel settore stimati al 12% per l’anno in corso.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Snam S.p.A.

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \