Renault R5 Turbo 3E: drifting e NFT

Redazione Tecnologia

23 Settembre 2022 - 18:59

condividi

La nuova vettura della casa automobilistica francese sarà presentata durante il corso di eleganza Chantilly Arts et Élégance 2022 (Dipartimento dell’Oise, in Francia), che si terrà il 25 settembre.

Il mondo dei motori e quello della tecnologia non viaggiano su due strade parallele, ma si incontrano spesso e volentieri, dando vita a prodotti unici nel loro genere. È il caso di R5 Turbo 3E, la nuova automobile 100% elettrica che Renault presenterà durante il corso di eleganza Chantilly Arts et Élégance 2022 (Dipartimento dell’Oise, in Francia), che si terrà il 25 settembre. Per la casa automobilistica, questa vettura rappresenta un importante passo avanti verso il futuro. Si tratta di una rivisitazione della Renault 5 Turbo 2, che unisce “consapevole esuberanza e prestazioni di alto livello”.

R5 Turbo 3E R5 Turbo 3E La Renault R5 Turbo 3E

Le caratteristiche di Renault R5 Turbo 3E

La parte posteriore è occupata dal gruppo motopropulsore, composto da due motori elettrici, ciascun dei quali aziona una ruota. Le batterie sono collocate al centro, sotto il pianale. La meccanica di R5 Turbo 3E, montata su telaio tubulare, protetta da fondo piatto e circondata da roll bar di sicurezza omologate dalla FIA (Fédération Internationale de l’Automobile), vanta una potenza totale di 280 kW (pari a 380 cavalli) e una coppia di 700 Nm, immediatamente disponibile.

Queste caratteristiche rendono l’automobile capace di percorrere i 100 metri con partenza da fermo in soli 3,5 secondi (3,9 in modalità Drift), raggiungendo una velocità di punta di 200 km/h. La batteria ha una capacità di 42 kWh e consente di eseguire senza problemi una sessione di più giri di drifting. L’angolo di sterzata delle ruote supera i 50°. R5 Turbo 3E può anche contare su una decina di supporti per fissare le telecamere, sia all’interno che all’esterno della vettura.

R5 Turbo 3E R5 Turbo 3E La Renault R5 Turbo 3E vista di lato

Anche l’occhio vuole la sua parte

Dal punto di vista del design, R5 Turbo 3E è stata creata usando come ispirazioni la Renault 5, la Renault 5 Turbo 2 e il mondo dei videogiochi. La vettura riprende le forme dei modelli che l’hanno preceduta, ma si differenzia per la carrozzeria in fibra di carbonio e l’alettone posteriore, di grandi dimensioni e pensato per migliorare l’aderenza al suolo durante le derapate. Ha una larghezza di 2,02 metri (25 centimetri in più dell’antenata), una lunghezza di quattro metri e un’altezza di 1,32 metri.

Sul frontale si trovano un paraurti dotato di grandi prese d’aria e quattro fendinebbia di forma quadrata, ognuno composto da 16 LED. Altri LED, di color rosa, blu e giallo, si accendono e lampeggiano durante le derapate, creando un’atmosfera che ricorda da vicino il mondo dei videogiochi e gli anni ’80 e ’90. Gli sticker decorativi in stile camouflage sulla carrozzeria sono un altro richiamo al retrogaming.

R5 Turbo 3E R5 Turbo 3E La Renault R5 Turbo 3E vista dall'alto

Interni di tutto rispetto

Anche gli interni di R5 Turbo 3E sono stati curati con grande attenzione. I richiami al mondo delle gare automobilistiche e a quello dei videogiochi sono parecchi e non mancano neppure omaggi alle iconiche Renault 5 e Renault 5 Turbo 2. I sedili sportivi sono in fibra di carbonio, mentre le cinture di sicurezza e il volante derivano dalla collaborazione con l’azienda specializzata Sabelt. Il freno a mano verticale si trova al centro della consolle centrale ed è contraddistinto dal colore giallo. Quest’ultimo è stato mescolato al rosa per dare una nota di colore al mix grigio/nero del tartan dai motivi scozzesi dei sedili e della plancia. Il pianale in sughero, invece, è nero, mentre la parte superiore della plancia e i pannelli interni delle porte sono in Alcantara.

R5 Turbo 3E R5 Turbo 3E Gli interni di R5 Turbo 3E

Se sulla Renault 5 Turbo 2 il conducente si trovava davanti dieci quadranti analogici, sulla Renault R5 Turbo 3E sono stati sostituiti da altrettanti display digitali che permettono di visualizzare vesti grafiche ispirate alla Pixel Art e alla Glitch Art, con funzioni riprese di videogiochi di vecchia scuola. Per esempio, per far partite la vettura bisogna premere il pulsante “free play” posizionato sulla console centrale. Esistono anche le modalità “Turbo”, per il drifting, “Track Invader”, per il gioco, “Donut”, per i 360°, e altre ancora. A fare compagnia al guidatore c’è anche Drifty, un simpatico orsacchiotto di peluche.

R5 Turbo 3E R5 Turbo 3E L'imponente alettone posteriore

Il legame con gli NFT

Mentre R5 Turbo 3E sfreccerà per le strade, un suo alter ego digitale circolerà nei mondi di gioco virtuali derivati dal Web3. Inoltre, sarà proposta una raccolta di NFT relativa al veicolo e chi acquisterà questi asset riceverà premi e vantaggi esclusivi.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it