Rating Italia: le date 2019 in cui le agenzie valuteranno il rating sovrano italiano

Il 22 febbraio Fitch apre il primo round di revisioni sul merito creditizio dell’Italia da parte delle 4 maggiori agenzie di rating globali. Sotto la lente la sostenibilità del debito sovrano alla luce dei dati più recenti e delle nuove stime sulla crescita economica

Rating Italia: le date 2019 in cui le agenzie valuteranno il rating sovrano italiano

Il 2019 non è iniziato in modo particolarmente brillante per l’Italia, entrata ufficialmente in recessione tecnica lo scorso 31 gennaio (per approfondire) dopo aver segnato il secondo trimestre consecutivo a crescita negativa.

La scorsa settimana la Commissione europea ha confermato i dubbi sull’economia italiana, abbassando le stime sull’espansione del prodotto interno lordo allo 0,2%, ben al di sotto dell’1,3% della media europea. Più pessimista Morgan Stanley, che ieri ha annunciato di prevedere un Pil del Belpaese negativo al -0,3% per il 2019.

Ancora silenti le principali agenzie di rating internazionali, che presto però potrebbero ricalibrare i rating sul debito sovrano italiano sulla base dei dati più recenti. Vediamo le date nelle quali sono previsti i pronunciamenti delle società di rating.

Calendario rating Italia 2019: il 22 febbraio parte il primo round

La prima società a doversi esprimere sul merito creditizio dell’Italia sarà Fitch.

Lo scorso 31 agosto la società ha lasciato invariato il voto sul merito di credito italiano a BBB, abbassando però l’outlook da “stabile” a “negativo”, due livelli sopra il non-investment grade. L’appuntamento con l’agenzia statunitense è fissato per il prossimo 22 febbraio.

Il 15 marzo verrà poi il turno di Moody’s, il cui ultimo giudizio risale al 19 ottobre 2018. In quella data, l’agenzia ha declassato il nostro Stato a Baa3 dal precedente Baa2, portandolo ad un gradino sopra il livello «junk» (spazzatura).

Il 26 aprile 2019 parola a S&P Global Ratings. Nell’ultima occasione, il 26 ottobre scorso, il colosso Usa aveva in qualche modo adottato un approccio più morbido del previsto sull’Italia, confermando il giudizio a BBB e diminuendo il suo outlook da “stabile” a “negativo”.

La prima tornata di revisione dei rating sul Belpaese terminerà il 12 luglio, con DBRS. La società canadese è stata la più benigna con l’Italia: lo scorso 11 gennaio l’agenzia canadese ha confermato il suo giudizio sulla nostra Repubblica a BBB (high) con trend stabile.

Calendario rating Italia 2019: da agosto via con il secondo round

La seconda parte dell’anno vedrà poi un nuovo round di revisioni sul merito di credito italiano: il 9 agosto con Fitch, il 6 settembre con Moody’s, il 25 ottobre con S&P Global Ratings e il 15 novembre con DBRS.

Nella tabella qui sotto un riassunto di tutte le date in cui verranno pubblicati gli aggiornamenti dalle agenzie di rating:


Elaborazione Money.it

Per approfondimenti ulteriori consulta la tabella aggiornata con i principali rating nazionali e la scala dei rating delle principali agenzie di rating mondiali.

Iscriviti alla newsletter Risparmio e Investimenti per ricevere le news su Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.