Quali sono le città italiane in cui si vive meglio per bambini, giovani e anziani

6 Giugno 2022 - 16:21

condividi

Quali sono, nel 2022, le province in cui la qualità della vita è migliore per bambini, giovani e anziani? E dove, invece, si vive peggio in queste fasce d’età?

Quali sono le città italiane in cui si vive meglio per bambini, giovani e anziani

Dove si vive meglio in Italia? Quali sono le province in cui bambini, giovani e anziani godono di una maggiore qualità della vita? Sono queste le domande a cui tenta di rispondere la seconda edizione della mappa del benessere in Italia, per questi tre target di popolazione, pubblicata dal Sole 24 Ore.

Per ogni categoria viene designata una città in cui la qualità della vita è ritenuta migliore: Aosta per i bambini, Piacenza per i giovani e Cagliari per gli anziani. La ricerca prende in considerazione 36 parametri (12 per ogni fascia d’età) considerando servizi e condizioni di vita della popolazione.

Sono stati confermati 31 indicatori già utilizzati per la precedente edizione e sono stati inseriti alcuni nuovi criteri come la percentuale di edifici scolastici con mensa, le imprese che fanno e-commerce, la percentuale di medici specialistici e la quantità di farmaci anti-depressivi assunti dagli anziani. Vediamo cosa dicono le classifiche.

Qualità della vita, cosa cambia rispetto al 2021

Per ogni parametro viene assegnato un punteggio, ad ogni provincia, da 0 a 1000. La classifica finale viene stilata sulla base della media dei punteggi. Nell’aggiornamento si vede un miglioramento, rispetto al 2021, nell’indice della speranza di vita per gli anziani, con un recupero maggiore nelle province lombarde (soprattutto Bergamo) colpite da un’alta mortalità del Covid.

A crescere è anche l’incidenza del canone di locazione sul reddito medio (va peggio nelle grandi città), mentre aumentano le chiusure di bar e discoteche. Scende, invece, l’incidenza degli amministratori locali con meno di 40 anni. Tra le notizie positive c’è l’incremento dei posti autorizzati negli asili nido. Salgono, anche se di poco, pure il tasso di fecondità e il numero di infermieri ogni 100mila abitanti.

Dove vivono meglio i bambini da 0 a 10 anni

La prima graduatoria è quella per i bambini da 0 a 10 anni. Ecco la classifica con i punteggi delle cinque migliori province:

  • Aosta 596,9
  • Arezzo 512,6
  • Siena 503,1
  • Firenze 497,7
  • Udine 485,8

Le peggiori, invece, sono:

  • Reggio Calabria 283
  • Palermo 282,2
  • Matera 277,1
  • Caltanissetta 263,7
  • Napoli 250,7

Le città in cui i giovani vivono meglio

Le province in cui vivono meglio i giovani tra i 18 e i 35 anni, invece, sono:

  • Piacenza 590,8
  • Ferrara 575,5
  • Ravenna 561,1
  • Vercelli 554,7
  • Cremona 550,8

Quelle in cui la qualità della vita è peggiore sono:

  • Genova 411,8
  • Taranto 402
  • Roma 387,7
  • Barletta-Andria-Trani 373,9
  • Sud Sardegna 344,7

La qualità della vita per gli anziani: dove vivono meglio gli over 65

Per gli anziani, ovvero gli over 65, la qualità della vita è migliore nelle seguenti città:

  • Cagliari 590,3
  • Bolzano 546,9
  • Trento 524
  • Roma 512,6
  • Nuoro 508,2

Le peggiori in questa speciale classifica sono:

  • Vercelli 297,4
  • Verbano-Cusio-Ossola 293,2
  • Lucca 283,6
  • Massa-Carrara 281,2
  • Pistoia 276,8

La qualità della vita nelle città italiane

Tra le città prime nelle tre diverse classifiche, spicca il dato positivo per Aosta: prima per i bambini, sesta per gli anziani e 37esima per i giovani. Piacenza, invece, è prima tra i giovani, 42esima per gli anziani e 75esima per i bambini. Cagliari è prima tra gli anziani, 21esima per i bambini e 80esima per i giovani.

L’unica città presente in tutte e tre le top ten è Trento. Buoni anche i piazzamenti di Parma, sempre tra le prime 15. Per i bambini i dati migliori sono quelli delle province della Toscana, con tre città dal secondo al quarto posto. Per i giovani la qualità della vita più alta si ha in Emilia-Romagna, con cinque città tra le prime dieci.

Il Sud è indietro, soprattutto per i bambini. Per gli anziani molto positivo il dato delle province sarde, dove la speranza di vita è molto alta. Per i giovani si registrano dati positivi al Sud, con le province di Caserta, Salerno, Agrigento e Vibo Valentia tra le prime 20. Male, in generale, le grandi città, soprattutto per la qualità di vita dei bambini e, ancor di più, dei giovani.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it