Procura notarile: a cosa serve, quando si fa e costo

Isabella Policarpio

10 Febbraio 2021 - 11:07

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Procura notarile a vendere, come funziona, costi e tempi necessari. Ecco quando serve e le varie tipologie.

Procura notarile: a cosa serve, quando si fa e costo

La procura notarile è l’atto con cui un soggetto affida ad altri il compito di svolgere determinati affari, vendite di immobili o atti giuridici e viene utilizzata soprattutto da chi vive all’estero e, per ovvie ragioni, non può occuparsene di persona.

La procura, come vedremo, può essere speciale o generale (in base alla sua portata) e richiede sempre l’intervento del notaio. Per questo molti si domandano quanto costi.

Esempio classico di procura notarile è quella sottoscritta quando una parte non può partecipare agli incontri di mediazione e chiede di essere rappresentata dall’avvocato difensore. Ma ne esistono diversi tipi. Ecco cosa sapere e costo.

Procura notarile: cos’è e tipologie

Abbiamo anticipato che la procura notarile serve a conferire la rappresentanza di un soggetto al fine di compiere in suo nome uno o più atti giuridici. Si tratta - detto in altre parole - di una “delega”.

Ne esistono due tipologie:

  • la procura notarile speciale, che serve ad autorizzare un soggetto terzo a compiere un singolo atto o uno specifico affare in nome altrui;
  • la procura notarile generale quando la rappresentanza riguarda tutti gli affari, anche quelli futuri, del soggetto richiedente.

La prima, essendo conferita per un singolo affare, non deve essere registrata dal notaio ed è consegnata al cliente in originale. La sua efficacia termina immediatamente dopo la fine dell’incarico per cui è stata redatta.

Invece la procura generale, essendo di ampia portata, richiede per legge la registrazione e cessa la sua efficacia soltanto in seguito ad un atto di revoca, altrimenti ha una durata indeterminata.

La procura a vendere


Tra i motivi più comuni di procura notarile c’è la vendita di immobili, detta comunemente “procura a vendere”. In genere questa si rende necessaria quando la parte interessata alla vendita ha un impedimento (ad esempio di trova all’estero) e non vuole posticipare la data della firma del contratto di compravendita.

Cosa deve contenere e documenti necessari

Passiamo al contenuto della procura notarile. Questa è redatta dal notaio e deve indicare in maniera precisa i poteri attribuiti al procuratore e, nel caso di procura speciale, gli atti o negozi che quest’ultimo deve portare a termine.

Per sottoscrivere la procura occorre mostrare al notaio i documenti seguenti:

  • documento di riconoscimento valido (patente di guida o carta d’identità);
  • codice fiscale;
  • generalità della persona a cui la procura è conferita (ad esempio dell’avvocato difensore).

Costo della procura notarile

Difficile dire con esattezza quanto costi stipulare la procura notarile dato che bisogna considerare dei fattori variabili:

  • l’onorario del notaio che dipende dal prestigio dello studio, dalla città e dalla complessità dell’atto;
  • il contenuto della procura. Sicuramente una procura generale ha un costo superiore rispetto a quella speciale.

A questi si aggiungono dei costi fissi per l’apposizione del bollo e la registrazione (ove necessaria).

In linea di massima, per una procura notarile si parte da un prezzo base di 100 euro fino ad arrivare a 250 euro. In ogni caso, prima di procedere, si può richiedere il preventivo al notaio.

Argomenti

# Notaio

Iscriviti alla newsletter

Money Stories