Sponsorizzato

Portafoglio del Martedì: rendimento migliora, investiamo su Stmicroelectronics

Luca Fiore

12 Aprile 2022 - 17:17

condividi

Due operazioni positive (Enel e Banco Bpm) ed una negativa (Moncler) hanno portato ad un nuovo miglioramento del rendimento del nostro portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit. In questo numero vogliamo inserire un nuovo deal sulle azioni Stmicroelectronics.

Portafoglio del Martedì: rendimento migliora, investiamo su Stmicroelectronics

Settimana decisamente interessante per il rendimento nostro Portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit: due operazioni che si sono chiuse in positivo (Enel e Banco Bpm) ed una ha fatto registrare un rosso (Moncler).

Con queste tre operazioni il rendimento complessivo è passato dal -39 al -13,5%.

Nel numero i oggi vogliamo introdurre, per far compagnia alle azioni Leonardo, un deal al rialzo su Stmicroelectronics.

Portafoglio di investimento: la situazione generale

Anche questa volta, il risultato delle elezioni francesi si deciderà al secondo turno. Per ora Macron ha registrato un incremento dei consensi del 4% rispetto al 2017 portandosi al 28,4% contro il 23,4% della sfidante Le Pen. Tenendo presente che un cambio di guida potrebbe avere ripercussioni importanti sull’attuale contesto europeo, poche altre volte così coeso, tutto si deciderà il prossimo 24 aprile.

Nel corso della scorsa settimana da Washington, sponda Federal Reserve, sono arrivate indicazioni particolarmente da “falco”: il bilancio sarà ridotto di 95 miliardi al mese ed il progressivo rialzo dei tassi è destinato a registrare un’importante accelerazione (+50 punti base nei prossimi due meeting). Questo ovviamente ha spinto al rialzo i rendimenti Usa ed il biglietto verde.

Ma, siccome in tempi di inflazione elevata non piace a nessuno assistere ad una svalutazione della moneta (un fenomeno che finisce per esacerbare le pressioni sui prezzi), dalle minute dalla Banca centrale europea sono arrivate, e probabilmente arriveranno anche dal meeting di questa settimana, indicazioni da «falco», funzionali ad un rafforzamento dell’euro.

Sia nel caso della Fed che in quello dell’istituto guidato da Christine Lagarde (che con Macron presidente potrebbe passare all’Eliseo) le politiche monetarie si confermano ampiamente accomodanti e l’avvio della normalizzazione va accettata per quello che è: una normalizzazione.

Occorre inoltre tenere in considerazione che quelle delle banche centrali rappresentano stime di ciò che faranno in futuro con i dati attualmente a disposizione: ma le condizioni economiche, e gli ultimi anni ce lo hanno insegnato, ci mettono veramente poco a cambiare in maniera radicale.

Molto dipenderà dall’esito del conflitto: la sensazione è che Putin abbia dato il la ad una nuova grande offensiva per chiudere il conflitto nel giro di qualche settimana (o per sedersi al tavolo della pace con il coltello dalla parte del manico).

L’invasione russa dell’Ucraina potrebbe finire per accentuare il processo di “de-integrazione” che ha caratterizzato gli ultimi anni, riducendo così le dinamiche disinflazionistiche su cui abbiamo costituito il sistema economico negli ultimi decenni.

Portafoglio del Martedì: investiamo su Stmicroelectronics

Dopo il forte segno più registrato grazie all’investimento sul titolo Stellantis, nell’ultima settimana le operazioni su Enel e Banco Bpm hanno raggiunto i rispettivi target.

Per quanto riguarda Enel, per il quale abbiamo utilizzato un Turbo Open End di UniCredit con codice Isin DE000HV47009, il raggiungimento dei 6,25 euro ci ha permesso di segnare uno “yield” positivo di 34 punti percentuali.

Azioni Enel, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Nel caso invece di Banco Bpm (Turbo Open End con codice Isin DE000HV4K842), l’operazione ci ha portato un +26,4%.

Azioni Banco Bpm, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

In rosso invece l’investimento rialzista su Moncler con il Turbo Open End contrassegnato DE000HB4QA87: divenuta operativa mercoledì scorso, l’operazione ieri ha raggiunto il punto di stop loss fissato a 49 euro facendo scendere il rendimento complessivo di quasi 35 punti percentuali.

Azioni Moncler, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Resta in campo il deal sul titolo Leonardo, realizzato con il certificato Turbo contrassegnato DE000HB4QD50, che tutto sommato è ben posizionato (anche se c’è un gap ribassista creatosi il 10-11 marzo tra 8,29 e 8,55 euro che dà qualche preoccupazione).

Azioni Leonardo, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Questa settimana vogliamo puntare, sempre al rialzo, sulle azioni Stmicroelectronics con il Turbo Open End contrassegnato DE000HB30FH9.

Al termine della prima settimana di marzo, la discesa a 32 euro ha innescato un rimbalzo che ha permesso alle azioni Stmicroelectronics di salire fino a 42 euro. Ad una salita così repentina ha fatto seguito un calo altrettanto violento che, in circa 10 sedute, ha riportato i corsi a 34 euro.

Azioni Stmicroelectronics, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Nelle attuali condizioni, con un indice di forza relativo quasi azzerato, riteniamo che ci siano le condizioni per nuovi rialzi dei prezzi in scia del supporto dinamico ottenuto dai lows dell’8 marzo e di quello, a 33,51 euro, fatto segnare oggi.

Su queste basi, intendiamo aprire una posizione rialzista da 35 euro con target 38,5 euro e stop loss fissato a 31 euro. Questo certificato di investimento presenta un knock-out fissato a 30,163736 euro, distante oltre 12 punti percentuali, ed una leva di 7,1 volte.

I nuovi prodotti inseriti e le rispettive leve sono stati selezionati alle 10:40 del 12 aprile 2022. Le strategie si considerano valide se i prezzi toccano il punto di entrata prima del take profit o dello stop loss.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO