Piazza Affari, se avessi investito 100 euro nelle eccellenze italiane nel 2008?

Da Amplifon a Brembo, quanto avresti guadagnato con un investimento di 100 euro a Piazza Affari allo scoppio della crisi?

Piazza Affari, se avessi investito 100 euro nelle eccellenze italiane nel 2008?

Si dice che il momento di crisi sia il migliore per investire. Ciò non è sempre vero, ma secondo l’ufficio studi di Mediobanca chi avesse investito 100 euro a Piazza Affari a fine 2008 avrebbe intascato 169 euro, con un 5% di rendimento annuale.

Il vero affare, però, era il segmento STAR, quello delle eccellenze italiane. I 100 euro, infatti, si sarebbero trasformati in 476 euro in Settembre 2019, per un rendimento annuo medio del 15,6%. Ciò a patto di aver reimpiegato i dividendi.

Se avessi investito nel listino STAR 10 anni fa

Per quanto riguarda le società del segmento STAR (segmento titoli con alti requisiti) nel periodo interessato, il titolo più dinamico è stato quello di Amplifon, che ha segnato un rendimento annuo di quasi il 37%. A Settembre 2019 il montante sarebbe stato pari a 2.917 euro.

In top five ci sono poi De Longhi (31,1% di rendimento annuo medio), Banca Generali (30%), l’azienda dell’automotive Brembo (29,5%) e la società di soluzioni informatiche Reply (29%). Chiudono poi i migliori dieci titoli quelli di Recordati TXT e-solutions, La Doria, B&C Speakers e DiaSorin.

Non benissimo le blue chip, i titoli più sicuri: un investimento di 100 euro sarebbe diventato a Settembre 2019 di 155 euro, per un rendimento annuo del 4,6%.

Piazza Affari, la crescita dei comparti dal 2008

Per quanto riguarda i vari comparti, il più remunerativo è stato l’industriale. Il rendimento dei titoli del settore ha reso il 9,1% per 255 euro finali. Molto meglio delle assicurazioni (146€ per un rendimento del 3,6%). Male invece le banche: chi avesse investito 100 euro nel 2008 si sarebbe trovato con quasi 40 euro in meno.

Nel decennio, il settore industriale si è portato dal 63% al 70% della capitalizzazione di Piazza Affari, mentre quello bancario è sceso dal 26% al 20%. L’assicurativo si è rivelato più stabile, passando dall’11% al 10%.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Amplifon SpA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.