Perché il litio è al centro dell’economia globale

Violetta Silvestri

21 Aprile 2023 - 15:38

Si torna a parlare di litio con la volontà cilena di nazionalizzare l’estrazione di questa materia prima: perché l’oro bianco è così importante per lo sviluppo dell’economia mondiale?

Perché il litio è al centro dell’economia globale

Il litio torna in primo piano con novità provenienti dal Cile.

L’ultima notizia su questa ambita materia prima è che il presidente cileno Gabriel Boric ha detto di voler nazionalizzare l’industria del litio del Paese, trasformando il settore per i minatori del secondo produttore mondiale di questo metallo cruciale per le batterie delle auto e altre tecnologie verdi.

“Questa è la migliore possibilità che abbiamo di passare a un’economia sostenibile e sviluppata”, ha detto Boric in un discorso televisivo giovedì sera. “Non possiamo permetterci di sprecarlo”.

La svolta ha subito assunto un valore mondiale, non solo di riscatto nazionale e il motivo è la sete di questa materia prima da parte delle grandi potenze globali. Cosa significa la mossa di Boric per la catena di fornitura del litio a livello internazionale?

Il Cile vuole nazionalizzare il litio: cosa significa?

Secondo il piano di Boric, che deve essere approvato dai legislatori, il produttore statale di rame Codelco avrà il compito di negoziare una via da seguire con i giganti dell’industria del litio SQM e Albemarle. 

Il presidente cileno ha esplorato diverse modalità per attrarre investimenti privati, ​​affermando il controllo sulla fornitura di materiali che sostengono la transizione energetica da quando ha preso il potere nel marzo dello scorso anno.

“Qualsiasi azienda privata, straniera o locale, che voglia sfruttare il litio in Cile deve collaborare con lo Stato”: questa la sintesi della mossa di Boric.

Il cambiamento ha acceso l’attenzione del mondo, non solo del popolo cileno. La nazione americana è l’ultima di una serie di Paesi ad assumere un maggiore controllo sulle principali risorse minerarie, dopo che il Messico ha nazionalizzato il proprio litio l’anno scorso e lo Zimbabwe ha vietato le esportazioni di litio non trasformato. L’Indonesia sta frenando le esportazioni di materie prime, tra cui il minerale di nichel, che viene utilizzato nelle batterie.

Il Cile detiene vaste riserve di litio nel deserto di Atacama, ma sta perdendo quote di mercato a favore di Paesi come Australia e Argentina. Prevede di creare un istituto per il litio e promuovere la lavorazione interna piuttosto che inviare semplicemente materiale semilavorato all’estero.

Tutta questa frenesia di controllo sulla materia prima, cosiddetta oro bianco, ha una sola spiegazione: la transizione energetica passa attraverso il possesso del litio, fondamentale, per esempio per le batterie delle auto elettriche. Per questo i grandi Stati osservano con attenzione anche le vicende cilene.

Perché il litio è cruciale per l’economia globale

Il litio, elemento bianco-argenteo, è il metallo più leggero e altamente reattivo, che gli conferisce un forte potenziale di accumulo di energia per unità di peso.

Ciò rende il metallo alcalino la scelta principale per le batterie dei veicoli elettrici, dove l’elevata densità di energia è la chiave per consentire lunghe distanze tra una ricarica e l’altra.

L’Australia è il più grande produttore mondiale di litio, ma il Cile ha di gran lunga le maggiori riserve conosciute. Altri Paesi con enormi giacimenti sono l’Argentina, la Cina e gli Stati Uniti.

Il litio è abbondante, ma occorrono finanziamenti sostanziali per estrarlo. Il prezzo ha visto cicli alternati di boom e declini negli ultimi anni, poiché i produttori hanno aumentato la produzione per beneficiare dell’aumento dei prezzi, ma poi hanno creato un eccesso di offerta.

La forte produzione e la debole domanda di veicoli elettrici in Cina hanno depresso i prezzi negli ultimi mesi. I prezzi del litio per batterie hanno toccato livelli record di 85.000 dollari a tonnellata a dicembre, ma da allora sono crollati di quasi il 50%. Quel prezzo è ancora relativamente alto, circa il doppio del prezzo nell’ottobre 2021.

Tutta l’importanza dell’oro bianco ruota intorno allo sviluppo dei veicoli elettrici, che sono una parte fondamentale del piano per raggiungere gli obiettivi di zero emissioni di carbonio. Per questo, la domanda di litio è aumentata.

Un pacco batterie per veicoli elettrici agli ioni di litio contiene in media circa 8 kg di litio e circa 2 miliardi di veicoli elettrici saranno in circolazione entro il 2050, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

La domanda di litio dovrebbe quindi aumentare a 3 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030, mentre era di sole 300.000 tonnellate nel 2020, secondo gli analisti di Bank of America.

Argomenti

# Litio
# Cile

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo