Passaporto urgente ma temporaneo: cos’è, quando si può richiedere e come

Alessandro Nuzzo

19 Giugno 2022 - 15:12

condividi

In caso di viaggi improvvisi ed urgenti il nostro ordinamento ha introdotto il passaporto temporaneo che si ottiene in modo molto più veloce. Vediamo come.

Passaporto urgente ma temporaneo: cos'è, quando si può richiedere e come

Per viaggiare verso territori che non appartengono all’Unione Europea è necessario munirsi di passaporto. Si tratta di un documento d’identità ora rilasciato in formato elettronico valido per l’espatrio con un microchip in cui sono contenuti tutti i dati anagrafici, le impronte digitali oltre alla fotografia. L’ente che rilascia il passaporto è la Questura che si ritrova a gestire in particolari periodi dell’anno picchi di richieste molto elevate che protraggono in avanti i tempi tecnici per la consegna del passaporto anche in svariati mesi.

Per questo motivo chi ha intenzione di fare un viaggio o sa già di dover partire deve avviare l’iter per ottenere il passaporto con largo anticipo, almeno 3-4 mesi prima. Ma cosa succede se per motivi di urgenza siamo costretti a dover partire subito e siamo sprovvisti del passaporto?

In questo caso in nostro aiuto l’ordinamento ha introdotto il passaporto temporaneo. Si tratta di un documento dalla durata inferiore rispetto all’ordinario, con meno obblighi burocratici che viene rilasciato alla presenza di particolari e documentate necessità.

Vediamo cos’è il passaporto urgente ma temporaneo, come si ottiene e quando si può richiedere.

Passaporto temporaneo: cos’è e quando si può richiedere

Il passaporto urgente e temporaneo è un particolare documento valido per l’espatrio che viene rilasciato dalla Questura alla presenza di urgenti e documentabili necessità. Siccome viene rilasciato in condizioni di emergenza non si può richiedere il passaporto temporaneo solo per abbreviare i tempi del rilascio di quello ordinario, ma c’è bisogno di comprovate necessità, quali:

  • comprovata urgenza a partire per motivi di salute, scuola, lavoro o famiglia;
  • in presenza dell’impossibilità temporaneo a rivelare le impronte digitali a causa ad esempio di fratture o ferite agli arti superiori.

L’impossibilità deve essere temporanea perché in caso di invalidità permanente ad essere rilasciato sarà un passaporto ordinario privo di firma e impronte con la dicitura «esente».

Le cause di forza maggiore non possono essere semplicemente autocertificate ma è necessario allegare al modulo di richiesta i documenti che giustificano la partenza con urgenza. Ad esempio in caso di gravi situazioni familiari o di salute è necessario allegare certificati medici originali o tutto ciò che possa provare l’urgenza oltre al titolo di viaggio già programmato ed acquistato.

Per motivi di lavoro non derogabili è necessario sempre allegare oltre al titolo di viaggio già acquistato un documento che attesta il lavoro come un contratto, una comunicazione aziendale firmata con tutti i recapiti.

L’urgenza non può essere estesa a eventuali accompagnatori, anche loro dovranno seguire personalmente l’iter per ottenere il passaporto temporaneo.

Come si richiede e quanto dura

Il passaporto temporaneo è un documento rilasciato in formato ridotto. Si tratta di un libretto di 16 pagine senza microchip e senza impronte digitali con una durata pari o inferiore ai 12 mesi. A rilasciarlo è la Questura dopo la consegna della domanda a cui va allegato:

  • copia di un documento di riconoscimento;
  • 2 foto formate tessera identiche;
  • la ricevuta di pagamento di €5,20 per il passaporto temporaneo che andrà effettuato esclusivamente presso gli uffici postali.

In alcuni casi anche la firma sul passaporto temporaneo potrà non avvenire. Questo succede quando il richiedente è un minore di 12 anni, è analfabeta, o chi è impossibilitato fisicamente ad apporre la firma. In questi casi sul passaporto al posto della firma ci sarà la scritta «esente».

I tempi di rilascio sono sempre a discrezione del responsabile dell’ufficio ma sono molto più brevi, in genere pochi giorni. Attenzione però perché ci sono alcuni stati come ad esempio gli Stati Uniti dove per entrare nel paese non basta il passaporto temporaneo ma ci vuole anche un visto d’ingresso.

Non è quindi possibile negli Stati Uniti partecipare al programma Visa Waiver Program - Viaggio senza Visto solo con questo documento.

Argomenti