Pagamenti digitali: cosa sono e come funzionano

Redazione Fisco

28/04/2022

24/06/2022 - 09:19

condividi

Cosa sono e come funzionano i pagamenti digitali? Vediamo come Fatture in Cloud integrato a TS Pay semplifica la gestione dei pagamenti digitali per le partite Iva.

Pagamenti digitali: cosa sono e come funzionano

Come funzionano i pagamenti digitali? Per capire come orientarsi nel mondo della finanza digitale bisogna aver chiaro innanzitutto cosa sono e su quali principi si basano. I pagamenti digitali hanno due elementi caratterizzanti e che li distinguono dai contanti: la sicurezza e la facilità di utilizzo.

La garanzia della sicurezza e la semplicità nell’impiego sono delle peculiarità essenziali sia nei pagamenti tra consumatore e azienda, sia tra imprese (i cosiddetti pagamenti business).

Nei pagamenti digitali si usano strumenti come bonifici, ricevute bancarie, addebiti diretti, Mav (pagamenti mediante avviso), oltre ai pagamenti con carte di credito e debito. Per le aziende, grandi o piccole che siano, è fondamentale affidarsi a un sistema di gestione dei pagamenti digitali.

Ma perché è così importante per le aziende accettare pagamenti digitali? Innanzitutto, per stare al passo con i tempi, che spingono sempre di più verso la digitalizzazione di tante operazioni. Anche la normativa sta cambiando, come dimostra l’avvicinarsi, per esempio, delle multe per chi non accetta pagamenti tramite Pos (è prevista una doppia sanzione: la prima dell’importo fisso di 30 euro, e la seconda pari al 4% del valore della transazione). Dotarsi di uno strumento per la gestione dei pagamenti digitali consente sia alle piccole che alle grandi imprese di avere la situazione di entrate e uscite sempre sotto controllo.

Un alleato dei lavoratori autonomi, delle partite Iva e delle microimprese è Fatture in Cloud, software di gestione della fatturazione che grazie all’integrazione con TS Pay (la piattaforma dei servizi di incasso e pagamento digitali erogati da TeamSystem Payments) semplifica, automatizza e digitalizza la gestione dei pagamenti, permettendo alle pmi di accedere ai vantaggi del digital payments.

Come funzionano i pagamenti digitali con Fatture in Cloud e TS Pay

La prima cosa da sapere è che collegare Fatture in Cloud con TS Pay è gratis, ed è un servizio incluso in tutte le licenze di Fatture in Cloud. Ma cosa si può fare e come può essere d’aiuto alle partite Iva e alle piccole imprese?

L’account di TS Pay è separato da quello di Fatture in Cloud. Ci si deve registrare, ma la procedura è semplice e veloce: servono solo indirizzo e-mail e password, un numero di cellulare per ricevere un sms, carta d’identità, dati dell’azienda. Anche l’attivazione di TS Pay è gratis.

Il primo servizio offerto dall’integrazione tra Fatture in Cloud e TS Pay è l’incasso digitale con registrazione automatica: significa che i clienti pagano nella modalità che preferiscono, e Fatture in Cloud registra in modo automatico l’incasso.

Basta aggiungere l’apposito bottone all’interno delle fatture emesse con Fatture in Cloud, e i clienti con un solo clic completano il pagamento in modo semplice, sicuro e veloce: la vita si semplifica non solo per l’azienda, ma anche per il cliente. Questo non significa che i clienti dovranno registrarsi a TS Pay: possono semplicemente pagare senza dover creare un account e poi, se lo desidera, può salvare i suoi dati per risparmiare tempo nei pagamenti successivi.

Grazie all’integrazione tra Fatture in Cloud e TS Pay, è molto semplice anche emettere bonifici: si possono pagare i fornitori direttamente da Fatture in Cloud, senza accedere al remote banking. Basta collegare il proprio conto o quello dell’azienda (e non è necessario aprirne uno nuovo). La sicurezza è garantita dall’autenticazione all’istituto di pagamento prima di ogni pagamento.

Una volta collegato il conto, apparirà l’apposito bottone:

  • negli acquisti;
  • nelle scadenze;
  • nello storico dei pagamenti.

Cliccando sull’apposito bottone si può decidere se pagare a rate o versare l’importo totale. Se il fornitore è salvato in rubrica, tutti i dati si inseriscono in automatico, Iban compreso, nell’ordine di bonifico. L’ultimo step è scegliere da quale dei conti correnti si vuole effettuare il bonifico e confermare. Quando il bonifico risulta avvenuto, la fattura viene saldata nel sistema di Fatture in Cloud e il movimento viene registrato in modo automatico.

Più lungo a dirsi che a farsi: nel video di seguito vediamo l’intero procedimento spiegato in un paio di minuti.

A breve sarà disponibile anche un’altra funzione: la possibilità di riconciliare in automatico i movimenti bancari con le fatture, senza bisogno di scaricare e importare in Fatture in Cloud l’estratto conto bancario.

Perché scegliere TS Pay rispetto agli altri sistemi di pagamento digitali?

Sono tanti i sistemi di pagamento digitale che aiutano le imprese nella gestione degli incassi e nelle questioni di ordinaria amministrazione. Perché scegliere proprio TS Pay? Cosa cambia rispetto agli altri sistemi?

Rispetto agli altri sistemi, che pure consentono l’incasso dei pagamenti, con TS Pay si può:

  • registrare pagamenti in automatico su Fatture in Cloud;
  • disporre bonifici dal conto corrente direttamente da Fatture in Cloud;
  • riconciliare i movimenti bancari dei tuoi conti con i movimenti contabili di Fatture in Cloud senza accedere all’home banking.

Chi sceglie Fatture in Cloud con l’integrazione di TS Pay può ricevere e disporre pagamenti digitali, riuscendo a pagare e farsi pagare senza uscire dal software di fatturazione

Infine, è bene sapere che i pagamenti avvengono sotto la garanzia dei più alti standard di sicurezza: TeamSystem Payments ha ricevuto l’autorizzazione da Banca d’Italia e usa tecnologie antifrode di ultima generazione per proteggere le informazioni. I dati sensibili vengono criptati e le transazioni sono gestite nel rispetto della normativa antiriciclaggio.

In collaborazione con Fatture in Cloud