Mercato moto: guerra e crisi frenano gli acquisti

Marco Lasala

3 Maggio 2022 - 09:13

condividi

Le tante incertezze legate a una situazione internazionale di grande instabilità e la crisi economica frenano il mercato moto nel mese di aprile.

Il mercato moto dopo una serie di risultati e segni positivi, fa registrare nel mese di aprile un calo delle immatricolazioni. Rispetto allo scorso anno, il primo quadrimestre 2022 è in lieve calo, le immatricolazioni di ciclomotori, scooter e moto rallentano, per una flessione complessiva dell’8,9% rispetto al 2021.

Secondo i dati diffusi da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), scooter e ciclomotori nel mese di aprile chiudono rispettivamente con un -11,1% e un -9,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, una inversione di tendenza perché il mercato moto fino a oggi aveva fatto segnare incrementi a due cifre.

Sono 13.878 i motoveicoli targati immatricolati ad aprile e 1.423 ciclomotori, per un calo del 6,55% e del 9,88%, sempre rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Mercato moto: un quadrimestre 2022 in negativo

Per la terza volta dall’inizio del 2022 il mercato moto accumula un segno negativo rispetto al quadrimestre 2021, il calo è del 2,6%: sono gli scooter il fanalino di coda con un -16,2%, mentre per le moto il bilancio è ancora positivo con una crescita sempre rispetto all’anno precedente dell’11,49%, per un totale di 46.669 mezzi immatricolati.

Anche i ciclomotori chiudono il primo quadrimestre in positivo, con una crescita del 10,18% per un totale di 5.973 veicoli venduti.

Mercato moto: bene le elettriche

Ancora una volta il mercato dei motocicli elettrici cresce sensibilmente, con 918 veicoli venduti, l’incremento è del 21,11% rispetto allo stesso mese del 2021, un incremento che tuttavia deve fare i conti con la mancanza degli incentivi.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it