Master in Business Administration (MBA): cos’è, come sceglierlo e perché serve

Caterina Gastaldi

18 Gennaio 2023 - 18:48

condividi

Il Master in Business Administration, viene spesso richiesto dalle aziende: ecco quando è necessario averlo.

Master in Business Administration (MBA): cos'è, come sceglierlo e perché serve

MBA è l’acronimo, riferito a “Master in Business Administration”. Questo titolo, originato nel mondo anglosassone, da anni è sempre più ricercato da diverse aziende, o richiesto per poter accedere alle posizioni manageriali. Ma cos’è di preciso, e come lo si può ottenere? Perché è così apprezzato, in particolare dalle multinazionali?

In breve, essere in possesso di un MBA significa essere in possesso di una serie di conoscenze molto approfondite in campo sia economico, sia in quello della direzione aziendale e del management in generale. Le aziende che cercano personale specializzato per posizioni di alto livello, valuteranno con più attenzione i profili in possesso di titoli più specializzati, come accade per i possessori del MBA.

Ecco chi può frequentare il master, perché è così importante, e come si dirama il percorso formativo.

Cos’è il Master in Business Administration

Il Master in Business Administration si può considerare una condizione richiesta per arrivare a ricoprire posizioni manageriali all’interno di grandi aziende internazionali, anche se non è sempre indispensabile in Italia.

Considerando l’aumento di italiani che si spostano all’estero per lavoro, e di aziende straniere che si avvicinano anche al mercato italiano, essere in possesso dell’MBA è un gran vantaggio, soprattutto perché si tratta di un titolo dal valore facilmente riconosciuto a livello internazionale.

Chi ne è in possesso ha passato una serie di test, richiesti sia per accedere al master, sia per ottenerlo, colloqui attitudinali, e valutazioni del Curriculum Vitae. Si tratta di un titolo accademico che fa sì che al candidato vengano riconosciuti requisiti molto specifici.

Chi può frequentare un MBA

Nel mondo anglosassone per poter partecipare a un MBA basta la laurea di primo livello. In Italia, invece, è un master di secondo livello. Questo significa che chi è laureato in italia deve essere in possesso di una laurea magistrale.

L’MBA non è aperto a chi è in possesso esclusivamente del diploma.

Quanto dura e come è suddiviso l’MBA

In generale, l’MBA è un master, e ha una durata solitamente di due anni, in cui si impara ad analizzare e studiare tutti i diversi aspetti della gestione aziendale sia per quel che riguarda le hard skills sia le soft.

Si possono anche trovare dei corsi MBA della durata di 18 mesi, da frequentare full time, oppure più dilazionati nel tempo, che arrivano fino a 28 mesi. Molto dipende dalla business school a cui ci si rivolge e dalle proprie necessità.

I programmi delle diverse scuole possono differire sensibilmente tra di loro, ma solitamente seguono una struttura simile:

  • Fase 1, incentrata sull’approfondimento dell’economia aziendale applicata al management;
  • Fase 2, ci si occupa di fornire tutte le competenze necessarie nei diversi ambiti del management (logistica, strategia, ecc), a volte con la possibilità di specializzarsi attraverso corsi supplementari opzionali;
  • Fase 3, dedicata all’applicazione dei diversi concetti appresi, in particolare applicati alle diverse aziende possibili.

Oltre alle diverse fasi, tutti i corsi includono anche un periodo di tirocinio, per aggiungere alla teoria anche la pratica.

Cos’è il graduate management admission test

Seguire un MBA non è semplice. Infatti agli interessati viene somministrato il test GMAT (Graduate Management Admission Test), prima dell’ammissione.

È una prova standard internazionale, per cui è richiesta la conoscenza della lingua inglese, con lo scopo di valutare le abilità analitiche e matematiche dei candidati. Il costo per poterlo sostenere è di 250 euro+Iva, e il risultato ha una durata di cinque anni. Il punteggio massimo è di 800 punti, ma è anche vero che la maggior parte delle scuole non richiede un minimo per poter frequentare un MBA.

Conseguire un MBA: pro e contro

Se entrare in possesso di un MBA fa sicuramente la sua figura, l’intero iter richiesto per poter conseguire il titolo ha anche i suoi contro.

Da lato bisogna considerare l’importanza del titolo, oltre alle conoscenze molto specifiche e specializzate che si otterranno.
Questo non significa che si manchino i motivi per non prendere un MBA, tra cui:

  • è necessario essere in possesso della laurea magistrale, ma è anche richiesta almeno 2 o 3 anni di esperienza lavorativa. Le tempistiche quindi sono decisamente lunghe;
  • il corso avrà una durata minima di 18 mesi, molto intensi, che essendo full time non permettono o quasi di svolgere altri lavori. Seguendo un corso più dilatato ci possono volere anche quasi 3 anni per ottenere l’MBA;
  • i costi, un aspetto assolutamente da non sottovalutare. Esistono delle scuole che permettono di seguire il corso online, ma anche così i prezzi si aggirano tra i 15mila fino anche ai 60mila euro.

Quando si sceglie una business school per frequentare un MBA bisogna quindi tenere conto del prezzo, ma anche del tempo richiesto ai suoi allievi e i diversi programmi di studio disponibili.

Un MBA può aprire diverse porte importanti, ma si tratta anche di un investimento decisamente impegnativo.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it