Maltempo, allerta gialla in 5 regioni: pericolo temporali e forti piogge

Luna Luciano

10/08/2022

11/08/2022 - 17:42

condividi

È allerta meteo per il 10 e 11 agosto nelle regioni del Centro Sud Italia. Ecco dove e quali sono i rischi previsti per domani.

Maltempo, allerta gialla in 5 regioni: pericolo temporali e forti piogge

Forti temporali si abbatteranno nelle prossime ore nel centro-meridione. Il maltempo che ha colpito in questi giorni il Nord Italia si sta dirigendo verso il sud della penisola, che sarà interessato da forti piogge e rischio di temporali. Tra oggi e domani è stato quindi previsto lo stato di allerta gialla per alcune regioni del centro-sud.

Sulla base delle previsioni disponibili, infatti, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte, alle quali spetta comunque l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati, ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse: alcune regioni sono a rischio idraulico e idrogeologico. Ecco cosa sta accadendo e dove è prevista l’allerta meteo per domani, 11 agosto.

Maltempo, allerta gialla in 5 regioni: ecco dove

Quest’estate l’Italia ha affrontato la crisi siccità e la Sicilia è a rischio desertificazione. In molti spesso ci siamo quindi augurati che tornasse presto a piovere. Eppure, il maltempo che ha colpito l’Italia in queste ore potrebbe non essere così benefico. Il Dipartimento della Protezione civile ha infatti allertato alcune regioni che sono a rischio idraulico - ossia il rischio di inondazione da parte di acque provenienti da corsi d’acqua naturali o artificiali - e rischio idrogeologico - ossia il rischio dell’instabilità dei pendii o di corsi fluviali.

È una depressione centrata sull’Europa dell’Est a determinare le condizioni di instabilità anche sulla nostra Penisola con rovesci e temporali sparsi localmente, anche di forte intensità, in particolare sulle zone interne e montuose. Le forti piogge saranno accompagnate da una frequente attività elettrica, da possibili grandinate e forti raffiche di vento.

I forti temporali potrebbero quindi determinare delle criticità per alcune aree della penisola. Se oggi - 10 agosto - l’allerta è per 8 regioni del centro-meridione (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Molise, Sardegna e Sicilia), per domani 11 agosto l’allerta sarà solo per 5 regioni del Sud Italia. È allerta gialla per:

  • Basilicata: per forti temporali;
  • Calabria: per forti temporali, rischio idraulico e rischio idrogeologico;
  • Campania: per forti temporali;
  • Sardegna: per forti temporali e per rischio idrogeologico;
  • Sicilia: per forti temporali e rischio idrogeologico.

Per affrontare al meglio l’allerta meteo, sul sito internet della Protezione Civile è possibile trovare le norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Sul sito il quadro meteorologico e le possibili criticità nelle regioni sono quotidianamente aggiornate in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni.

Allerta meteo: chiesto lo stato di emergenza per una regione

I forti temporali preoccupano in particolare una delle 5 regioni per cui è stato previsto lo stato di allerta gialla per oggi e domani. In seguito al maltempo delle ultime ore, la Regione Campania ha infatti richiesto lo stato di emergenza.

Le forti piogge nelle zone interne e montuose hanno infatti preoccupato la Campania che in una nota ha spiegato quindi il motivo di tale richiesta. Forti alluvioni hanno infatti colpito diversi territori della Regione, con temporali di particolare intensità e gravità nell’area del Comune di Monteforte Irpino, in provincia di Avellino. Davanti ai forti temporali che stanno mettendo in difficoltà molte famiglie e amministratori locali, il presidente della Regione Vincenzo De Luca ha garantito che avrebbe fatto tutto il possibile per sostenere al meglio le persone messe in difficoltà dalle forti piogge.

Per tale motivo il deputato del Partito Democratico ha quindi formalizzato la richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza, sollecitando il Governo ad approvare la richiesta. «Nel mentre», si legge nella nota, «sono state messe a disposizione risorse della stessa Protezione Civile Regionale per i primi interventi».

Argomenti

Iscriviti a Money.it