L’inflazione del Regno Unito sale ancora: mercati incerti

Violetta Silvestri

19/10/2022

I mercati oscillano tra ottimismo sulle trimestrali Usa e incertezza generale. A incrinare il sentiment positivo è arrivato anche il dato dell’inflazione del Regno Unito, con prezzi ancora in aumento.

L’inflazione del Regno Unito sale ancora: mercati incerti

Con il dato dell’inflazione del Regno Unito appena pubblicato e a indicare prezzi ancora molto caldi, si profila un’altra giornata complessa per i mercati.

In Asia, gli indici scendono e i futures azionari statunitensi stanno riducendo i guadagni con i trader che valutano le prospettive di crescita degli utili in un contesto, comunque, di tassi di interesse in aumento. Il dollaro sale, ma di poco.

L’indice delle azioni dell’Asia-Pacifico è diminuito, guidato dal calo del tech a Hong Kong, dove sono scesi i pesi massimi tra cui Alibaba Group Holding Ltd. e Tencent Holdings Ltd. Anche la Cina va in rosso mentre si sta svolgendo il congresso del Partito comunista. Gli analisti restano scettici sul fatto che i dati economici del dragone in uscita in questi giorni sono stati rimandati.

I futures sulle azioni statunitensi hanno cancellato alcuni dei loro guadagni precedenti, sebbene stiano ancora puntando verso un’altra sessione positiva dopo la pubblicazione di alcuni solidi risultati trimestrali, come Netflix Inc., che ha riportato un aumento degli abbonati.

La sterlina è fiacca dopo che i prezzi al consumo nel Regno Unito sono aumentati del 10,1% a settembre rispetto all’anno precedente, eguagliando un massimo di 40 anni raggiunto a luglio.

Regno Unito: inflazione sempre più alta

La coppia GBP/USD è stata sottoposta a rinnovate pressioni di vendita e testa il livello 1,1298 sul rilascio dell’inflazione nel Regno Unito. I dati sull’IPC di settembre hanno mostrato un ulteriore aumento, mettendo così la BoE in una situazione difficile dopo le turbolenze di mercato causate dalle scelte politiche e fiscali. Un clima misto di mercato e il rimbalzo del dollaro Usa pesano sulla coppia.

L’impennata dei prezzi alimentari ha riportato l’inflazione nel Regno Unito a due cifre a settembre, aggiungendo incertezza alla vulnerabilità dell’economia in vista dell’inverno.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 10,1% a livello annuale, ha dichiarato mercoledì l’Ufficio per le statistiche nazionali.

Le cifre lasciano l’inflazione ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca d’Inghilterra, mantenendo la pressione sui responsabili politici per aumentare significativamente il tasso chiave il mese prossimo. Il pericolo è che i prezzi accelerino di nuovo all’inizio del prossimo anno, dopo che il governo ha allentato il sostegno alle bollette energetiche delle famiglie.

L’ONS ha affermato che i prezzi dei generi alimentari sono balzati del 14,8% rispetto a un anno fa, l’aumento più forte in più di 40 anni. Mobili e casalinghi sono stati un altro driver, in aumento del 10,7% a settembre.

“Questi aumenti sono stati parzialmente compensati dai continui cali dei costi della benzina, con i prezzi delle compagnie aeree che sono scesi più del solito in questo periodo dell’anno e anche i prezzi delle auto usate sono aumentati meno drasticamente rispetto ai grandi aumenti visti lo scorso anno”, ha affermato Darren Morgan, direttore delle statistiche economiche dell’ONS.

Vi sono stati anche segnali di inflazione più vischiosa a livello all’ingrosso. I prezzi alla produzione, che misurano il costo delle merci in uscita dalle fabbriche, sono aumentati del 15,9% rispetto a un anno fa a settembre. È stato più lento del mese precedente ma leggermente al di sopra delle aspettative. I prezzi delle materie prime sono aumentati del 20%, anche al di sopra delle aspettative.

Ottimismo o incertezza nei mercati?

I risultati positivi delle società nelle trimestrali Usa, le valutazioni più convenienti e le inversioni di politica del Regno Unito hanno contribuito a sostenere la propensione al rischio. I dati trimestrali migliori del previsto di Goldman Sachs Group Inc, Johnson & Johnson (JNJ.N) e Lockheed Martin (LMT.N) hanno aiutato il rialzo delle azioni statunitensi. Sia il Dow Jones che l’S&P 500 hanno guadagnato l’1%.

Nonostante l’ottimismo, Terry Sandven, chief equity strategist di US Bank Wealth Management, ha avvertito che le sfide rimangono. “Le proiezioni sugli utili di consenso degli analisti rimangono soggette a revisione al ribasso, ha scritto in una nota. “Le tendenze inflazionistiche, i commenti da falco della Fed e un ritmo di crescita degli utili più lento nel 2023 sono fattori chiave che incidono sul sentiment degli investitori e sui prezzi delle azioni.”

Chris Turner, Global Head of Markets di ING, ha affermato che una settimana tranquilla per i dati statunitensi potrebbe anche vedere la correzione del dollaro estendersi un po’. “Tuttavia l’approccio non solo della Fed, ma anche di altre banche centrali che stanno precipitando in una recessione incombente dovrebbe significare che il trend rialzista del dollaro rimane intatto.”

Alle incertezze su Fed, tassi, rendimenti e sentiment azionario si aggiungono quelle sulle materie prime. Il prezzo del gas in Europa oscilla in attesa di mosse più concrete dall’Ue.

Il petrolio è salito dal minimo di due settimane per la preoccupazione che le ultime sanzioni dell’Unione Europea sul carburante russo possano esacerbare la rigidità del mercato che gli Stati Uniti stanno cercando di alleviare con vendite aggiuntive. L’amministrazione Biden annuncerà mercoledì un piano per rilasciare 15 milioni di barili dalle riserve petrolifere di emergenza degli Stati Uniti nel tentativo di allentare i prezzi elevati della benzina.

Argomenti

# Borse
# Asia
# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo