Incentivi rottamazione auto: ecco dove il bonus è più alto

Rottamazione auto, ecco dove gli incentivi sono più alti. Il bonus infatti cambia da regione a regione, sia l’importo che le regole per ottenerlo, non solo per i residenti ma anche per le imprese.

Incentivi rottamazione auto: ecco dove il bonus è più alto

Incentivi rottamazione auto, a cambiare da regione a regione non solo l’importo del bonus ma anche le regole per ottenerlo.

La sfida del Governo è cercare di trovare un equilibrio tra la necessità dei trasporti e quella di salvaguardare il più possibile l’ambiente.

Eppure, spesso le regole per ottenere il bonus rottamazione auto sono così complesse che i venditori stessi preferiscono non proporlo ai clienti.

La conseguenza è che i fondi previsti per questo tipo di incentivo non risultano terminati, nonostante le cifre siano considerevoli: dai 20.000 euro in Lombardia fino ai 25.000 euro della Sardegna per le imprese.

Visto che dal 1° ottobre ricominciano i divieti di circolazione per i veicoli più inquinanti, vediamo dove il bonus rottamazione è più alto per residenti e per imprese e quali tipi mezzi di trasporto sono compresi.

Incentivi rottamazione auto: ecco dove il bonus è più alto per i residenti

L’importo del bonus rottamazione auto, così come le regole per ottenerlo, cambiano da regione a regione.

Come sottolinea Il Sole 24 Ore, agli incentivi regionali si sommano, ma solo in alcune regioni, quelli comunali.

Si tratta di una condizione particolarmente positiva per gli abitanti delle seguenti regioni:

  • Lombardia, con un bonus da 2.000 a 8.000 euro valido per autovetture con emissione di PM10 non superiori a 4,5 mg/km, di CO2 fino a 130 g/km, di NOx fino a 126 gr/km;
  • Friuli-Venezia Giulia, con un bonus da 1.500 a 5.000 euro per autovetture Euro 6 entro i 4.000cc bifuel benzina/metano o ibride e per autovetture elettriche;
  • Veneto, con un bonus da 1.500 a 3.500 euro, per autovetture di classe ambientale Euro 6D- Tempo Euro 6D con emissione di PM10 non superiori a 4,5 mg/km, di CO2 fino a 130 g/km, di NOx fino a 126 gr/km;
  • Emilia Romagna, con un bonus da 2.000 a 3.000 euro per autovetture Euro6 ibride benzina/elettriche, mono o bifuel a gas; autovetture elettriche.

Incentivi rottamazione auto: ecco dove il bonus è più alto per le imprese

Per quanto riguarda gli incentivi rottamazione auto, l’unica regione in cui i bonus sono distinti è la Lombardia, che prevede un importo da 2.000 a 20.000 euro per veicoli di imprese micro, piccole e medie destinati al trasporto di persone o cose di classe ambientale Euro 6.

I limiti per le autovetture e per gli autocarri leggere sono gli stessi relativi ai residenti, mentre per i limiti di CO2 e NOx il limite varia in base al peso.

Il bonus rottamazione più alto è senza dubbio in Sardegna, che arriva fino a 25.000 euro per autovetture, furgoni e pulmini solo a trazione elettrica.

Il bonus elargito dal Piemonte va dai 1.000 ai 10.000 euro, valido per autovetture, pulmini e autocarri elettrici, ibridi e a gas; conversioni a gas. Gli importi vengono concessi in base al peso.

Il Trentino Alto-Adige, invece, offre un bonus da 2.000 a 4.000 euro sia a residenti che alle imprese, valido per veicoli elettrici e ibridi.

Come si può notare dalle due classifiche stilate, gli incentivi sono stati previsti soprattutto al Nord e in Sardegna.

Sono proprio le regioni dell’Italia settentrionale, precisamente quelle padane, a essere protagoniste di un accordo per il miglioramento della qualità dell’aria.

Incentivi rottamazione auto: come funziona il bonus

Come accennato, le regole per accedere al bonus rottamazione auto cambiano da regione a regione, e spesso si tratta di norme caratterizzate da un’estrema difficoltà: per questo motivo, non è raro che i venditori non avvisino i clienti di queste opportunità.

Il dato è confermato dal fatto che i fondi stanziati per questo tipo di contributi non siano stati esauriti negli anni precedenti.

Di solito, gli incentivi sono in vigore solo per certi periodi: si pubblica un bando contenente il termine per presentare domanda, tranne in caso di esaurimento fondi in cui il bando verrebbe appunto chiuso prima.

L’unica eccezione è costutuita dalle province autonome di Trento e Bolzano, dove gli incentivi sono validi tutto l’anno.

In Trentino Alto Adige forse il bonus sarà esteso, dall’anno prossimo, anche ai mezzi a due ruote acquistati da privati.

Ma quando vengono concessi gli incentivi? Anche per questa domanda, la risposta non è univoca. Di solito vengono concessi quando si rottama un vecchio veicolo, ma anche qui ci sono delle eccezioni: ad esempio, nelle due province autonome di Trento e Bolzano non c’è obbligo di rottamazione.

Altri due requisiti sono non superare una certa soglia di reddito e acquistare un veicolo ecologico: ogni regione però fissa dei canoni e delle regole diverse.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Ecoincentivi

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.