Incentivi energie rinnovabili. Ecco i bandi per iscriversi a registri e procedure d’asta

Anna Maria D’Andrea

29 Agosto 2016 - 21:42

condividi

Il GSE, Gestore Servizi Energetici ha pubblicato i bandi per richiedere incentivi per lo sviluppo di energie rinnovabili. Di seguito indicazioni e procedure per l’iscrizione.

Il 20 agosto il GSE ha pubblicato i bandi per l’iscrizione ai registri e alle procedure d’asta per richiedere incentivi alla produzione ed allo sviluppo di fonti di energia rinnovabile diversi dal fotovoltaico.
I bandi seguono le indicazioni del Decreto Ministeriale del 23 giugno 2016 per l’incentivo alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.
Il decreto stanzia 435 milioni di euro all’anno da destinarsi agli impianti che verranno selezionati nel 2016. Il piano durerà 20 anni, con un investimento complessivo nel rinnovabile di quasi 9 miliardi di euro.

I contributi economici verranno assegnati con procedure di aste al ribasso, differenziate per tecnologia.

Incentivi energie rinnovabili: i registri e le modalità di iscrizione

Il bando identifica i registri di impianti ai quali iscriversi per la produzione di energie rinnovabili ed i rispettivi codici identificativi, suddividendoli in:

  • registro degli impianti eolici on shore: EOLN_RG2016;
  • registro degli impianti idroelettrici: IDRO_RG2016;
  • registro degli impianti geotermoelettrici: GEOT_RG2016;
  • registro impianti biomasse e biogas: BIOA_RG2016;
  • registro impianti a fonte oceanica: OCEA_RG2016;
  • registro impianti solari termodinamici: SLTD_RG2016.

Le iscrizioni ai registri dovranno essere trasmesse a partire dalle 9.00 del 30 agosto fino alle 21.00 del 28 ottobre 2016 e la richiesta andrà presentata per via telematica mediante l’applicazione presente sul sito GSE.

All’atto di richiesta di iscrizione al Registro bisognerà versare al GSE un contributo a copertura delle spese di istruttoria, maggiorato di Iva, suddiviso in base alla potenza dell’impianto del quale si richiede l’iscrizione:

  • 180 € per gli impianti di potenza superiore a 50 kW e non superiore a 200 kW;
  • 600 € per gli impianti di potenza superiore a 200 kW e non superiore a 1 MW;
  • 1.420 € per gli impianti di potenza superiore a 1 MW e non superiore a 5 MW;
  • 2.300 € per gli impianti di potenza superiore a 5 MW.

La ricevuta dell’avvenuto pagamento dovrà essere allegata in formato digitale alla richiesta di iscrizione.

Procedura di partecipazione alle procedure d’asta incentivi energie rinnovabili: come iscriversi

Le tempistiche che riguardano la partecipazione alle Procedure d’Asta sono le stesse dell’iscrizione ai registri.
Lo stesso vale per le richieste di partecipazione, da inviare ancora una volta esclusivamente per via telematica.
All’atto della richiesta di partecipazione bisognerà versare un contributo di 2.300 euro, maggiorato di Iva. La ricevuta del pagamento dovrà essere allegata e inviata di concerto con la richiesta di partecipazione all’Asta, corredato di copia di documento di identità, un documento dichiarante la capacità finanziaria ed economica, copia della fidejussione provvisoria e una copia dell’offerta economica indicante la percentuale del ribasso rispetto al valore d’asta.

Per la partecipazione alle procedure d’asta bisognerà inserire i codici identificativi di ciascuna procedura:

  • codice identificativo della Procedura d’Asta per impianti eolici onshore: EOLN_PA2016;
  • codice identificativo della Procedura d’Asta per impianti eolici offshore: EOLF_PA2016;
  • codice identificativo della Procedura d’Asta per impianti geotermoelettrici: GEOT_PA2016;
  • codice identificativo della Procedura d’Asta per impianti solari termodinamici: SLTD_PA2016;
  • codice identificativo della Procedura d’Asta per impianti a biomasse: BIOC_PA2016.

L’iniziativa proposta dal Decreto Ministeriale è certamente una buona opportunità per investire nell’energia rinnovabile e per ridurre l’impatto della produzione elettrica e del suo consumo sull’ambiente.

Iscriviti a Money.it