Roma, Gualtieri: “Raggi insostenibile, elettori 5S sceglieranno PD”

Mario D’Angelo

20/06/2021

20/06/2021 - 15:00

condividi

Il candidato alle primarie del Partito Democratico a Roma Roberto Gualtieri definisce Conte un amico nonostante il sostegno di quest’ultimo all’attuale sindaca.

Roma, Gualtieri: “Raggi insostenibile, elettori 5S sceglieranno PD”

Al ballottaggio delle elezioni comunali di Roma, in caso di classico scontro centrosinistra-centrodestra, gli elettori dei cinquestelle e di Carlo Calenda alla fine “sceglieranno in gran parte” la proposta del Partito Democratico. Ne è convinto il grande favorito alle primarie dem Roberto Gualtieri, che in un’intervista a Repubblica si dice ottimista sul risultato.

Le primarie del Partito Democratico di domenica 20 giugno saranno un importante termometro delle prossime elezioni dell’amministrazione capitolina.

Obiettivo del PD è quello di superare almeno la soglia dei 47mila votanti che nel 2016 si recarono ai gazebo per scegliere Roberto Giachetti, sconfitto dall’attuale sindaca Virginia Raggi.

PD Roma, affluenza è aspetto cruciale

Se la vittoria di Gualtieri alle primarie appare scontata, una mobilitazione così numerosa da parte degli iscritti è invece improbabile. Complice anche il Covid, la popolarità trasversale dell’ex ministro dell’Economia del Conte-bis e la perdita di appeal dello strumento delle primarie, alcuni sondaggisti pongono l’asticella del successo sopra i 30.000 votanti.

Nonostante ciò Gualtieri si dice ottimista e confida “che i romani di centrosinistra andranno a votare numerosi, nonostante il Covid, il caldo e la partita dell’Italia alle 18”.

Gueltieri, la vice sarà una donna

L’ex titolare del Mef afferma di avere “molte idee sulla squadra per far voltare pagina alla città”. Il team sarà probabilmente composto “guardando al di fuori dei partiti”, e la vice sarà una donna. Secondo Gualtieri “Roma è una grande capitale”, e la ricetta della rinascita comprende “i temi dell’innovazione, della cultura, del lavoro, della sostenibilità”.

Quanto a Giuseppe Conte, che sostiene la sindaca del Movimento 5 Stelle, Gualtieri lo considera un amico e dice di aver “collaborato molto bene, nell’interesse del Paese con il Pnrr e i ristori”. Ma Raggi “è insostenibile, ha governato male”.

Se il centro-centrosinistra appare diviso fra Gualtieri, Raggi e Calenda, per il candidato alle primarie dem il centro-destra non è da meno. Il tandem che hanno trovato i candidati Enrico Michetti e Simonetta Matone sarebbe infatti il risultato di una spartizione tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini.

Iscriviti a Money.it