Google pagherà i giornali 1 miliardo di dollari nei prossimi 3 anni

Dai vertici di Mountain View la conferma: Google verserà agli editori 1 miliardo di dollari per le notizie nei prossimi tre anni. I dettagli

Google pagherà i giornali 1 miliardo di dollari nei prossimi 3 anni

Google pagherà i giornali 1 miliardo di dollari nei prossimi 3 anni. A confermarlo è stato proprio l’amministratore delegato della compagnia, Sundar Pichai.

Quest’ultimo ha scelto ancora una volta il blog aziendale per comunicare la mossa, evidenziando l’importanza del giornalismo all’interno di uno scenario democratico:

“Ho sempre apprezzato il giornalismo di qualità e credo che una vivace industria dell’informazione sia fondamentale in una società democratica funzionante”.

Google pagherà i giornali 1 miliardo di dollari nei prossimi 3 anni

Da decenni gli editori di tutti i Paesi, in primis quelli statunitensi, sollecitano Google a fornirgli un contributo per i loro contenuti. Tra questi spiccano colossi dell’informazione come News Corp di Rupert Murdoch.
Da Mountain View le repliche sono state sempre negative.

Fino ad oggi, con i vertici della compagnia che - quasi come se niente fosse successo nell’ultimo decennio - hanno lodato la stampa e il suo ruolo, acconsentendo a riconoscere contributi programmandoli da qui al 2023.

Di fronte alla scelta, l’amministratore delegato di News Corp, Robert Thomson, si è congratulato con Google per aver raggiunto “la consapevolezza che l’ecosistema editoriale è stato disfunzionale in passato”, e ha previsto “negoziati complessi in vista, ma il precedente è stato ora stabilito”.

Google pagherà gli editori per la creazione a la cura di contenuti del nuovo prodotto mobile chiamato Google News Showcase, inizialmente disponibile in Brasile e Germania, prima del lancio in altri Paesi. Editori tra cui Der Spiegel e Die Zeit in Germania e Folha de S.Paulo in Brasile hanno chiesto e ottenuto di far parte del programma di lancio:

“Il modello di business dei giornali si è evoluto di continuo nell’ultimo secolo. Internet è stato l’ultimo e forse il principale cambiamento, ma certamente non sarà l’ultimo.Vogliamo fare la nostra parte sostenendo il giornalismo del ventunesimo secolo”,

ha affermato Pichai.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories