Germania: inflazione arretra, ma i nodi economici restano

Violetta Silvestri

29 Giugno 2022 - 15:21

condividi

L’inflazione tedesca, nella lettura preliminare di giugno, ha mostrato una flessione: cosa significa? Intanto, altri problemi, come crisi del gas e colli di bottiglia, persistono.

Germania: inflazione arretra, ma i nodi economici restano

L’inflazione in Germania si è inaspettatamente allentata, poiché le misure temporanee di sgravio del Governo hanno ridotto la pressione su famiglie e imprese che sono state schiacciate da un aumento record dei prezzi.

Nel giorno in cui la Spagna ha toccato un nuovo picco inflazionistico, la prima economia europea ha lasciato qualche speranza di un raffreddamento dei costi, anche se questo non influenzerà le prossime mosse della Bce.

Intanto, Berlino rimane impantanata in altri problemi, quali i colli di bottiglia nocivi per le imprese e la crisi del gas che sta mettendo in difficoltà la nazione.

Inflazione in calo in Germania: cosa significa?

Le tasse sul carburante più basse e gli sconti sui costi dei trasporti pubblici hanno contribuito a rallentare la crescita dei prezzi al consumo (indice armonizzato) all’8,2% a giugno, dall’8,7% di maggio, secondo i dati pubblicati mercoledì. Gli analisti intervistati da Bloomberg avevano stimato un +8,8%.

Pur fornendo un po’ di tregua alla Germania stessa, la lettura non influenzerà la Banca centrale europea dall’aumentare i tassi di interesse per la prima volta in più di un decennio il prossimo mese. La pressione dell’inflazione rimane intensa altrove nella zona euro a 19 membri: la Spagna ha riportato un balzo a sorpresa al massimo storico del 10%, sfidando gli sforzi dei politici per frenarlo.

I funzionari della Bce nel loro incontro annuale della politica che si sta svolgendo in Portogallo, sono uniti nel sostenere il piano per dare il via a una serie di aumenti dei tassi a partire da luglio, con alcuni nella regione baltica - dove l’inflazione supera il 20% - che incoraggiano mosse più grandi del previsto.

Secondo l’economista di Berenberg Salomon Fiedler, il rallentamento della Germania potrebbe estendersi fino al prossimo mese, quando verrà abolita la tassa sulle energie rinnovabili sui prezzi dell’elettricità, ma è probabile che le pressioni sui prezzi sottostanti rimarranno elevate.

Il membro del Consiglio direttivo Pierre Wunsch ha avvertito in un’intervista che la Bce potrebbe aver bisogno di aumentare i tassi di più di quanto vorrebbe se l’inflazione spingesse i Governi a spendere importi sempre maggiori per proteggere le famiglie.

Colli di bottiglia e crisi del gas frenano l’economia tedesca

Non solo inflazione. L’economia tedesca sta osservando anche altri fattori in grado di influenzare, ancora e in negativo, i piani di ripresa.

I gruppi industriali della Germania si aspettano che i problemi della catena di approvvigionamento, che hanno interrotto la produzione nella più grande economia europea, ostacolino l’attività per almeno altri dieci mesi.

I problemi sono particolarmente gravi nel settore automobili, nella produzione elettrica e nell’ingegneria meccanica, dove circa il 90% delle aziende afferma di non poter ottenere tutti i materiali necessari per far funzionare le proprie fabbriche, ha affermato mercoledì l’Istituto Ifo con sede a Monaco, citando il suo sondaggio sui produttori.

La carenza di materiali, l’indebolimento della domanda a causa dell’inflazione e la minaccia di interruzioni dell’approvvigionamento energetico stanno oscurando le previsioni di molti produttori. L’economia tedesca potrebbe contrarsi del 12,7% entro la fine del 2022, se la Russia interrompesse completamente le forniture di gas naturale, secondo un rapporto della Bavarian Industry Association, i cui membri includono BMW AG e Deutsche Telekom AG.

Non a caso, il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, ha dichiarato martedì che il Paese è nel mezzo di una guerra ibrida, poiché il conflitto russo in Ucraina aggrava la crisi energetica dell’Europa.

“Ora in Germania ci troviamo di fronte al dilemma che se non c’è gas in arrivo attraverso il Nord Stream 1 ... dobbiamo decidere quale istituzione potrebbe essere tagliata fuori dalla rete”, ha sottolineato Baerbock.

La Germania è particolarmente dipendente dalle forniture di gas russe attraverso il suo gasdotto Nord Stream 1, importando 59,2 miliardi di metri cubi nel 2021. Aveva pianificato di raddoppiare tali forniture con un secondo gasdotto, il Nord Stream 2, ma ha sospeso quei piani poco prima che la Russia invadesse l’Ucraina il 24 febbraio.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.