Ferrari Guinness World Record 2021 un’impresa quasi impossibile che vedrà ancora una volta Fabio Barone lottare contro il tempo. Si svolgerà in collaborazione con la Federazione Cronometristi Italiani, l’obiettivo è quello di percorrere nel minor tempo possibile una distanza di oltre 4.400 chilometri.

Ferrari Guinness World Record 2021 è un’autentica sfida contro il tempo.

Partendo da Roma, Barone dovrà arrivare a Capo Nord in meno di 49 ore.

Ferrari Guinness Word Record 2021: Fabio Barone, una Ferrari F8 Tributo e Google Maps

Gli ingredienti ci sono tutti per dar vita a un duello che a pochi giorni dalla partenza infiamma e accende gli animi.

49 anni, classe 1972, Fabio Barone ha già infranto tre record mondiali di velocità sempre alla guida di una supercar del Cavallino Rampante.
Ad affiancarlo a bordo di una velocissima Ferrari F8 Tributo ci sarà in qualità di co-pilota Alessandro Tedino.

La partenza è fissata per il 4 settembre alle ore 17, l’equipaggio tutto italiano partirà da Via Dei Fori Imperiali, per un viaggio di oltre 4.400 chilometri.

Sarà possibile seguire live l’intero evento grazie a delle telecamere presenti on board, sulle piattaforme social “Passione Rossa” e sotto l’attento controllo della Federazione Italiana Cronometristi, sarà possibile controllare in ogni istante lo svolgimento di questa impresa.

Ferrari Guinness World Record 2021

Fabio Barone e il Ferrari Guinness World Record

Presidente di Passione Rossa unto dei Club Clienti Ferrari più importanti al mondo, Fabio ha al suo attivo oltre 800 eventi, un Gentlemen Driver autore nel corso degli scorsi anni di diversi primati tra cui:

  • Speed World Record: una sfida che lo ha visto protagonista nel 2015 sulle strade più pericolose della terra, partito dalla Transfagarasan è giunto fino alle pendici dello storico castello di Dracula;
  • Tianmen Mountain Road: un drago di cemento, un percorso fatto di 99 curve e che porta ad un’altezza fino a 1.300 metri;
  • Primato di velocità nel 2018 nello spettacolare Canyon della Valle del Dades in Marocco.

A distanza di pochi giorni dalla nuova sfida queste le sue prime dichiarazioni: “L’idea è nata ispirandoci ad una impresa raccontata su una rivista storica della Fiat del lontano 1953 in cui quattro giovani audaci a bordo di una Balilla partirono da Roma e giunsero fino a Capo Nord, tornando nella Capitale dopo 45 giorni di viaggio. Per l’epoca, questo viaggio fu una vera e propria impresa. Da qui l’idea di bissare l’iniziativa, declinandola con protagonisti del Terzo Millennio: riuscire a percorrere la distanza che la vettura virtuale di Google Maps afferma di coprire in 49 ore in un lasso di tempo inferiore mantenendo, ovviamente, i regolari limiti di velocità in ogni nazione. Strizziamo l’occhio alle famose autostrade tedesche, dove esistono solo velocità consigliate ma non limiti definiti”.