Elezioni Siena 2018, risultati ufficiali del ballottaggio: Luigi De Mossi eletto sindaco

I risultati ufficiali delle elezioni comunali a Siena: al ballottaggio sarà una sfida tra Bruno Valentini e Luigi De Mossi.

Elezioni Siena 2018, risultati ufficiali del ballottaggio: Luigi De Mossi eletto sindaco

Fari sempre puntati sulle elezioni amministrative a Siena, dove con un colpo di scena il centrosinistra ha perso la guida della città del Palio.

Al ballottaggio infatti il sindaco uscente del PD Bruno Valentini è stato sconfitto candidato del centrodestra Luigi De Mossi, nonostante che l’ex primo cittadino poteva contare sull’apparentamento con l’ex sindaco Pierluigi Piccini.

Il ballottaggio a Siena

Si è svolto in maniera regolare il voto a Siena per il ballottaggio tra Bruno Valentini e Luigi De Mossi. Chi prende anche un solo voto in più dell’avversario diventa il nuovo sindaco, mentre in caso di parità viene eletto il candidato più anziano.

Affluenza definitiva del 56,19%. Risultati ufficiali dopo lo spoglio di 50 sezioni su 50.

  • Bruno Valentini (csx) - 49,20%
  • Luigi De Mossi (cdx) - 50.80%

Scaduti i termini per ufficializzare le possibili alleanze, è stato ufficializzato l’apparentamento tra Bruno Valentini e la Lista per Pisa dell’ex sindaco della città senese Pierluigi Piccini.

Nonostante l’alleanza stretta, Luigi De Mossi è riuscito nell’impresa di strappare al centrosinistra la guida di Siena, diventando il nuovo sindaco con un distacco minimo di circa quattrocento voti.

I risultati del primo turno

Urne chiuse alle ore 23:00 con affluenza definitiva del 63,08%. Questi sono i risultati definitivi dopo lo spoglio di 50 sezioni su 50.

  • Bruno Valentini - 27,40%
  • Luigi De Mossi - 24,23%
  • Alessandro Pinciani - 2,60%
  • David Chiti - 1,70%
  • Alessandro Vigni - 3,89%
  • Massimo Sportelli - 15,99%
  • Pierluigi Piccini - 21,27%
  • Sergio Fucito - 2,15%
  • Nadia Maggi - 0,73%

    Oltre a Siena, nel 2018 si è votato in altri 761 comuni per il rinnovo delle amministrazioni locali. In Toscana, gli altri capoluoghi di provincia dove si sono aperte le urne sono Massa e Pisa.

La legge elettorale

Fatta eccezione per le regioni a statuto speciale dove possono esserci dei cambiamenti in base all’autonomia, la legge elettorale delle elezioni amministrative in Italia è di tipo stampo maggioritario.

Essendo Siena un Comune con più di 15.000 abitanti, se nessun candidato al primo turno dovesse ottenere la maggioranza assoluta, allora si terrà a un ballottaggio tra i due più votati. Nel caso si dovesse verificare una perfetta parità nel testa a testa, sarà eletto sindaco il candidato più anziano.

Per garantire la formazione di una maggioranza solida e di conseguenza una sostanziale governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco risultato vincitore verrà attribuito il 60% dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale.


Alla divisione dei seggi, si andranno a eleggere a Siena nel totale 32 consiglieri oltre al sindaco, saranno ammesse tutte le liste e i gruppi di liste di candidati che avranno superato la soglia di sbarramento del 3% dei voti validi.

I candidati

Sono nove i candidati che hanno annunciato una loro partecipazione alle elezioni comunali del 10 giugno. Vediamo allora chi sono e da quali partiti e liste sono appoggiati.

  • Bruno Valentini - Partito Democratico e In Campo
  • Luigi De Mossi - Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e De Mossi sindaco
  • Alessandro Pinciani - Alessandro Pinciani Sindaco
  • David Chiti - Noi Siena
  • Alessandro Vigni - Sinistra per Siena e Potere al Popolo
  • Massimo Sportelli - Siena Aperta, Nero su Bianco, Siena Civitas e Siena Futura
  • Pierluigi Piccini - Lista Per Siena
  • Sergio Fucito - CasaPound
  • Nadia Maggi - Siena alla Fonte

Il Comune di Siena è da sempre in mano al Centrosinistra. Le ultime vicissitudini, sia quelle politiche che quelle legate al Monte dei Paschi, hanno però indebolito una coalizione che cercherà comunque di mantenere l’amministrazione della città.

L’attuale sindaco Bruno Valentini del Partito Democratico ha ufficializzato la sua disponibilità a correre per un secondo mandato. All’inizio si pensava che si sarebbero tenute comunque delle primarie, ma alla fine nessuno dei papabili sfidanti è riuscito a raccogliere le firme necessarie.

Chi però all’interno dei dem ha deciso di staccarsi è l’ex Margherita Alessandro Pinciani, che ha annunciato che correrà in solitaria con una sua lista civica, oltre a David Chiti che sarà supportato dall’associazione Noi Siena con la lista Siena Doc.

Nel Centrodestra la Lega inizialmente spingeva per il chirurgo Alberto Guasconi, ma alla fine la scelta è ricaduta sull’avvocato Luigi De Mossi che piaceva a Forza Italia, Fratelli d’Italia ed Energie per l’Italia.

Come a Vicenza non ci sarà alcun candidato del Movimento 5 Stelle: dopo anche una aspra discussione interna, alla fine la scelta è ricaduta sull’architetto Luca Furiozzi, che già si candidò tra le fila dei pentastellati alle regionali del 2015, ma alla fine i vertici nazionali non hanno concesso l’utilizzo del simbolo.

Oltre a Sinistra per Siena che ha scelto assieme a Potere al Popolo come candidato Alessandro Vigni, sarà di sicuro della partita come civico anche l’avvocato Massimo Sportelli, che già da tempo è attivo con la campagna elettorale potendo contare anche sul supporto delle liste Siena Aperta, Nero su Bianco, Siena Civitas e Siena Futura.

Sergio Fucito sarà il candidato di CasaPound, che alle politiche ha ottenuto 600 voti, Nadia Maggi sarà in corsa con Siena alla Fonte mentre sarà della partita anche l’ex sindaco Pierluigi Piccini con la lista Per Siena che così fa salire a nove il numero totale dei candidati a Siena.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Elezioni amministrative 2018

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.