Digitalizzazione e settore assicurativo: a che punto siamo? Intervista a Federica Pizzaballa (WTW)

10 Maggio 2022 - 13:00

11 Maggio 2022 - 11:29

condividi

L’industria assicurativa rappresenta quasi il 10% del Pil italiano ed è integrata con tantissimi altri settori. Qual è il rapporto tra settore assicurativo e digitalizzazione?

Il rapporto tra settore assicurativo e digitalizzazione è diventato sempre più stretto nel corso degli ultimi anni, complice anche l’emergenza pandemica che ha spinto con forza verso il digitale. L’industria assicurativa rappresenta quasi il 10% del Pil italiano ed è integrata con tanti altri settori.

Oggi, il consumatore digitale rappresenta più del 30% del target assicurativo. Un dato che probabilmente evolverà e toccherà l’80% nel 2030. D’altra parte la spinta di nuovi bisogni assicurativi, legati sia agli ecosistemi digitali sia alla nascita di nuovi servizi, è davvero forte e continua. Non deve stupire che il maggiore distributore di polizze digitali nel 2020 in Europa sia stato Amazon. Lo strumento di polizze “on demand” aumenterà la diffusione delle polizze danni che al momento, escluse quelle legate alla mobilità dei veicoli, non superano il 3%.

Federica Pizzaballa, Insurance Consulting &Technology Country Leader presso WTW, ci ha spiegato quali sono le prossime novità che attendono il comparto assicurativo in ambito digitale e qual è lo stato dell’arte della finanza sostenibile in Italia, dove “l’85% delle compagnie assicurative in Italia ha una politica di investimenti sostenibili e di queste il 25% da oltre 5 anni ha una politica dedicata agli investimenti sostenibili”.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO