Come diventare steward allo stadio e quanto si guadagna?

Diventare steward per le partite di calcio è una buona opportunità di lavoro per chi vuole guadagnare qualche centinaia di euro al mese. Ecco come fare e quali sono i requisiti richiesti.

Come diventare steward allo stadio e quanto si guadagna?

Lo steward allo stadio di calcio è un lavoro che molti giovani vogliono fare, specialmente gli studenti che hanno bisogno di un’entrata saltuaria in attesa di un lavoro stabile e full-time. Quello dello steward, infatti, è un lavoro che vi richiede un impegno di qualche ora (solitamente dalle 5 alle 6) e per un giorno ogni due settimane (2 nel caso in cui il club di riferimento sia impegnato anche nelle competizioni europee).

Questo perché gli steward lavorano solamente per una sola società di calcio e come noto ogni squadra solitamente gioca una settimana in casa e una fuori casa. Può capitare che si giochi per due partite consecutive in casa, ma poi in quel caso ce ne potrebbero essere due attaccate in trasferta.

Con l’inizio della nuova stagione della Serie A Tim - e delle competizioni europee che vedono impegnate alcune società italiane - ci sono diverse opportunità per chi vuole diventare steward per le partite di calcio; ecco perché chi cerca un guadagno per mantenersi gli studi sarà sicuramente interessato a questa opportunità di lavoro, specialmente se amante di questo sport.

Fare lo steward in uno stadio di calcio, infatti, vi permette anche di vedere gratis le partite di Serie A, Champions League, Coppa Italia o Europa League nello stadio in cui siete impegnati, venendo anche pagati per un lavoro che - salvo in alcuni casi eccezionali - non è particolarmente impegnativo.

Ma come fare per diventare steward per una squadra di calcio? E quanto si guadagna per questo lavoro saltuario? Scopriamolo.

Requisiti per diventare steward

La professione dello steward negli stadi per le partite di calcio è regolata dal DM dell’8 agosto 2007 (approvato dal Ministero dell’Interno) che a sua volta fa parte del cosiddetto “Decreto anti-violenza” approvato in Italia dopo la tragedia della morte dell’ispettore Raciti nel derby tra Palermo e Catania.

Qui viene stabilito che chi diventa steward non deve essere stato soggetto a misure interdittive di accesso agli stadi e allo stesso tempo deve conoscere le tecniche di individuazione di soggetti sospetti e di lettura del sistema di controllo della sicurezza. Conoscenze che vengono acquisite dopo un corso di formazione al quale bisogna prendere parte prima di candidarsi per un’offerta di lavoro come steward.

I corsi vengono organizzati ogni anno nelle varie Regioni per un costo che si aggira dai 100€ ai 200€; questi sono organizzati in 20 ore di formazione teorica e di altre 22 ore di tirocinio pratico all’interno dello stadio.

Per prendere parte a questi corsi - e quindi per diventare steward - bisogna soddisfare altri requisiti. Ad esempio il candidato deve avere un’età compresa tra i 18 e i 55 anni e una buona salute fisica e mentale (assenza di daltonismo). Inoltre bisogna avere una prestanza fisica adeguata alle mansioni da svolgere.

Per diventare steward ci sono poi dei requisiti culturali da soddisfare: è richiesta ad esempio la licenza media e la conoscenza di almeno una lingua straniera (obbligatoria nel caso di competizioni internazionali per almeno il 15% dei casi).

Come diventare steward?

Per diventare steward bisogna partecipare ad una selezione attivata dalle varie società che - incaricate dai singoli club di calcio - si occupano della sicurezza nello stadio.

A tal proposito nell’allegato A del suddetto decreto ministeriale viene stabilito che i candidati - qualora soddisfino i requisiti previsti - debbano essere sottoposti ad una prova preliminare e ad un test attitudinale prima di essere assunti come steward. Queste prove sono necessarie al fine di accertare il livello di conoscenza generale, la capacità di espressione verbale (e quando richiesta anche della lingua inglese), la capacità di saper mantenere autocontrollo anche nelle situazioni più delicate e di stabilire un contatto con il pubblico. Infine il test serve per verificare l’attitudine da parte del candidato ad esercitare le funzioni di sicurezza da svolgere.

Solo chi supera queste prove potrà essere chiamato per ricoprire questo importante e delicato ruolo.

Quanto guadagna uno steward nelle partite di calcio?

Se riuscirete a superare tutte le selezioni e a diventare uno steward negli stadi potrete riuscire a racimolare qualche centinaia di euro alla fine del mese.

Lo stipendio di uno steward non è fisso perché dipende dalla società di calcio per la quale siete impiegati: ad esempio per il Torino si arriva a poco più di 25€ netti a servizio, mentre per la Juventus sono circa 37€ al giorno (per 5 ore di lavoro).

Considerando quindi che in media si è impegnati dalle 20 alle 30 partite l’anno, il compenso complessivo per l’intera stagione calcistica può arrivare ad un massimo di 900€. Bisogna ricordare però che lo steward lavora a chiamata, quindi non è detto che ogni volta che la squadra per la quale è impegnato giochi in casa sarà chiamato a lavorare.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Opportunità di lavoro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.