Le città più inquinate d’Italia: la classifica

23 Aprile 2022 - 11:03

24 Aprile 2022 - 06:00

condividi

L’Italia è ancora lontana dai limiti imposti dall’OMS per lo smog. Ecco quali sono le città più inquinate e le possibili soluzioni.

Le città più inquinate d'Italia: la classifica

Un’Italia poco green e quindi poco salubre. L’emergenza smog conferma di essere ormai un problema cronico del nostro Paese, ancora lontano dai limiti imposti dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità). Come è stato certificato dall’ultimo inquietante report di Legambiente Mal’aria di città 2022. Il report si basa sui dati raccolti nel 2021 da ben 238 centraline per il monitoraggio dell’aria di 102 città capoluogo di provincia.

Lo scenario emerso dai dati è alquanto preoccupante: delle 102 città analizzate “nessuna rispetta tutti i valori” suggeriti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità”, ossia una media annuale di:

  • 15 μg/mc (microgrammi per metro cubo) per il PM10 (livello di concentrazione del particolato atmosferico);
  • 5 μg/mc per il PM2.5 (polveri sottili);
  • 10 μg/mc per l’N02 (biossido di azoto).

Questi dati sono sintomo di un’economia e di una politica che ancora devono riuscire a fare quel salto verso l’ecosostenibilità, compiendo quella transizione ecologica necessaria per contrastare i danni irreversibili causati all’ambiente e il riscaldamento globale.

Non solo. Bisogna ricordare che oltre a essere un grave problema ambientale, l’inquinamento atmosferico si configura anche come problema sanitario. Infatti, nonostante negli ultimi 10 anni la qualità dell’aria in Europa abbia registrato un miglioramento, anche in Italia, nelle ultime valutazioni effettuate dall’Agenzia Europea per l’Ambiente (Eea) è emerso come l’esposizione al particolato fine causi circa 400mila morti premature all’anno in 41 Paesi europei, di cui circa 50mila solo in Italia. Per essere maggiormente consapevoli della situazione ambientale in cui versa il nostro Paese è necessario approfondire la questione. Ecco quindi quali sono le città più inquinate e quali potrebbero essere le soluzioni.

Città più inquinate d’Italia: la classifica

Stando ai dati forniti dal report il 2021 è stato un “anno nero” per l’Italia. I tassi di inquinamento delle città non sono migliorati. Anzi delle 102 città analizzate nessuna rispetta i valori suggeriti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Lo studio ha preso quindi in considerazione i tre valori per 3 degli agenti inquinanti più pericolosi per ambiente e salute. Nel voler stilare una classifica delle città più inquinate sarà opportuno fare un distinguo di volta in volta.

Per la concentrazione di particolato atmosferico nell’aria PM10 (15 μg/mc) solo 5 città rientrano nei valori suggeriti dall’Oms, mentre le città più inquinate si concentrano al Nord e sono:

  1. Alessandria (33 µg/mc);
  2. Milano (32 µg/mc);
  3. Brescia (31 µg/mc);
  4. Lodi (31 µg/mc);
  5. Mantova (31 µg/mc);
  6. Modena (31 µg/mc);
  7. Torino (31 µg/mc).

Per la concentrazione delle polveri sottili PM2.5 (5 μg/mc), quella che desta maggiori preoccupazioni dal punto di vista della salute nessuna città rientra nei valori indicati. Le più inquinati in questo caso sono:

  1. Cremona (24 µg/mc);
  2. Venezia (24 µg/mc);
  3. Vicenza (22 µg/mc),
  4. Piacenza (21 µg/ mc);
  5. Padova (21 µg/ mc);
  6. Milano (21 µg/ mc),
  7. Asti (20 µg/mc);
  8. Alessandria (20 µg/mc);
  9. Verona (20 µg/mc);
  10. Torino (20 µg/mc);
  11. Treviso (20 µg/mc).

Infine, per il biossido di azoto NO2, se almeno 5 città rientrano nei valori indicati dall’Oms, le città più inquinate sono:

  1. Milano (37 µg/mc);
  2. Torino (37 µg/mc);
  3. Palermo (36 µg/ mc);
  4. Como (36 µg/ mc);
  5. Bergamo (35 µg/mc);
  6. Trento (34 µg/ mc);
  7. Teramo (34 µg/mc);
  8. Monza (33 µg/ mc);
  9. Roma (33 µg/mc);
  10. Napoli (32 µg/ mc);
  11. Bolzano (32 µg/mc).

Città più inquinate d’Italia: quali soluzioni?

L’Italia è ancora un Paese poco green, come emerge dai dati del report. Per poter fare dei concreti passi verso l’ecosostenibilità l’Italia dovrebbe uscire dalla logica dell’emergenza e dalle “scuse che ha caratterizzato gli ultimi decenni fatti di piani” - come si può leggere nel report di Legambiente. Ciò che è sicuro è che per affrontare il problema cronico dell’inquinamento atmosferico è in maniera trasversale, introducendo azioni efficaci in diversi settori e nella vita quotidiana - ricordando che se il cittadino rispetta l’ambiente ma le industrie rimangono ferme la situazione è destinata comunque a peggiorare.

Nella logica di un miglioramento continuo le istituzioni dovrebbero agire a livello urbano sui due settori che incidono maggiormente: la mobilità e il riscaldamento (domestico e non). Legambiente ha quindi voluto proporre alcune azioni che potrebbero far parte di un piano per la risoluzione del problema dell’inquinamento atmosferico.

  • Ridisegnare lo spazio pubblico urbano. L’idea è quella di creare quartieri car free - dove tutto ciò che serve è a pochi minuti dall’abitazione, slow streets ossia strade a 30 km all’ora, e l’incentivazione della ciclo-pedonalità e micro-mobilità elettrica;
  • Aumentare la dotazione del trasporto pubblico elettrico con 15.000 nuovi autobus per il TPL e nuove reti tranviarie per 150 km;
  • Sharing mobility e quindi incentivare la mobilità elettrica condivisa (micro, bici, auto, van e cargo bike);
  • Stop alla commercializzazione dei veicoli a combustione interna al 2030
  • Per il riscaldamento domestico serve un piano di qualificazione energetica dell’edilizia pubblica, incentivando una drastica riconversione delle abitazioni a emissioni zero con misure strutturali (come il “Bonus 110%”);
  • Nel settore agricolo è necessario garantire il monitoraggio delle pratiche agricole per ridurre emissioni di ammoniaca, lo spandimento di liquami e riconvertire gli allevamenti intensivi, riducendo i capi di bestiame.

Ecco, quindi, quali sono alcune delle soluzioni suggerite da Legambiente, per maggiori informazioni e per approfondire le possibili soluzioni e conoscere il valore di inquinamento del proprio capoluogo di provincia si rimanda al report in allegato in fondo alla pagina.

Report Mal’aria 2022
Il report di Legambiente sulle città più inquinate d’Italia e soluzioni

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO