Aumenti in busta paga nel 2022: chi avrà più soldi grazie alla Legge di Bilancio

Rosaria Imparato

18 Dicembre 2021 - 09:57

condividi

Chi avrà più soldi in busta paga nel 2022? Vediamo in cosa consiste l’intervento della Legge di Bilancio e a quanto ammonta l’aumento.

Aumenti in busta paga nel 2022: chi avrà più soldi grazie alla Legge di Bilancio

Busta paga più ricca e pesante a partire dal 1° gennaio 2022: a intervenire è stata la Legge di Bilancio, o meglio ancora l’emendamento presentato dal Governo al Senato di 50 pagine. Ma chi, di preciso, avrà più soldi? E a quanto ammontano gli aumenti?

L’emendamento va a integrare tutte le misure del pacchetto Fisco della manovra, ridisegnando l’IRPEF col passaggio da cinque a quattro aliquote e rimodellando il meccanismo di bonus e detrazioni. Lo scopo della riforma fiscale è di alleggerire la pressione fiscale sul ceto medio, facendo pagare meno tasse e arricchendo la busta paga. Vediamo come è intervenuta la Legge di Bilancio per fare in modo di arricchire le buste paga.

Aumenti in busta paga nel 2022: chi avrà più soldi grazie alla Legge di Bilancio

Cosa s’è da sapere su questo aumento in busta paga? Innanzitutto si tratta di una misura straordinaria in vigore solo dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022, quindi solo per il prossimo anno. La Legge di Bilancio stabilisce una riduzione delle trattenute fisse, cioè i contributi previdenziali, con un taglio dello 0,8%.

Attenzione: la misura non avrà alcuna ripercussione sulla futura pensione, perché la parte che il lavoratore non versa (e quindi risparmia in busta paga) viene messa dallo Stato.

A chi spetta questa misura, e quindi avrà più soldi in busta paga? Il taglio dei contributi spetterà:

  • ai lavoratori dipendenti pubblici e privati con una paga media mensile fino a 2.692 euro (35mila euro annui) per 13 mensilità;
  • per i lavoratori con rapporti di co.co.co. c.d. di “terzo genere”.

I lavoratori domestici sono esclusi dalla misura.

Busta paga più ricca nel 2022: di quanto?

Ma a quanto ammonta l’aumento in busta paga? Provando a fare dei calcoli, un lavoratore dipendente con retribuzione annua di circa 20.000 euro avrà un aumento di circa 135 euro netti all’anno (quindi circa 160 lordi). Più o meno quindi questa misura si traduce con un bonus di 10 euro al mese.

Un dipendente con 25.000 euro di retribuzione annua invece avrà un bonus di circa 160 euro annui, che diventano circa 190 euro per chi guadagna 30.000 all’anno.

È bene ricordare inoltre che fino a 28.000 euro di reddito annuo i lavoratori dipendenti continueranno anche a ricevere il bonus Renzi. Nello specifico, fino a 15.000 euro verrà percepito in modalità “piena”, quindi 100 euro in busta paga, l’importo poi andrà a scalare all’avvicinarsi della soglia dei 28.000 euro.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it