Bonus caldaia 2024, come funziona, a chi spetta e scadenza

Patrizia Del Pidio

16 Maggio 2024 - 08:15

Ancora qualche mese per poter beneficiare del bonus caldaia con una detrazione di almeno il 50% della spesa. Vediamo a chi spetta, come funziona e quando scade.

Bonus caldaia 2024, come funziona, a chi spetta e scadenza

Bonus caldaia 2024, come funziona il beneficio fiscale e chi può richiederlo? La scadenza dell’incentivo è, ormai vicina e senza una proroga dal prossimo anno si avrà diritto a uno sconto ben più basso. Il bonus attualmente in vigore, infatti, consente di godere di una detrazione di almeno il 50% per chi sostituisce la caldaia vecchia con una di nuova generazione. La sostituzione della caldaia, va considerato, che permette un risparmio doppio: oltre alla detrazione sulla spesa di acquisto e installazione, infatti, si potranno avere risparmi abbastanza corprosi anche sui consumi.

Andare a sostituire la caldaia proprio nel 2024 potrebe essere una scelta molto saggia, soprattutto in virtù del fatto che gli incentivi attualmente in vigore rimarranno attivi sicuramente fino al 31 dicembre 2024, ma è molto improbabile che siano prorogati, con le stesse detrazioni, anche per il prossimo anno. L’ipotesi più plausibile per il 2025, infatti, è che oltre al superbonus (che scenderà al 65%) resti in vigore la sola vecchia detrazione al 36% per gli interventi sugli immobili.

Da considerare, inoltre, che le caldaie a gas hanno, ormai, il tempo contato e il passaggio a impianti domestici con fonti di energie rinnovabili è previsto per il 2040, ma già dal 2025 le caldaie alimentate esclusivamente a combustibili fossili (tra cui il gas) non potranno più essere coperte da benefici e agevolazioni.

La normativa, fino a fine anno, prevede numerosi bonus e agevolazioniche permettono di cambiare la caldaia risparmiando somme di tutto rispetto.

Il bonus caldaia è un’agevolazione che cambia in base al tipo di lavoro effettuato. Che significa? Che se è un intervento di ristrutturazione, la detrazione è pari al 50%, se si tratta di risparmio energetico la detrazione sale al 65%.

Quello che va ricordato, infatti,. è che a monte di una sostituzione della caldaia c’è già un risparmio di fondo che è dovuto al fatto che le caldaie di nuova generazione, a condensazione, sfruttando anche il calore dei fumi di combustione, rendono molto di più di quelle tradizionali permettando di tagliare la bolletta anche del 30%.

Per poter usufruire del bonus caldaia, è necessario pagare tramite bonifico “parlante” o attraverso moneta elettronica, e quindi tracciabile. Va conservata la documentazione rilasciata dal tecnico che effettua l’intervento, e bisogna inviare entro 90 giorni dall’installazione la scheda informativa all’ENEA.

Come funzionano i bonus caldaia 2024?

Come abbiamo detto per poter sostituire la caldaia, anche nel 2024 sono ancora in vigore diverse agevolazioniì fiscali presenti nel pacchetto casa che permettono di risparmiare almeno il 50% del costo effettivo della caldaia stessa e dei lavori di installazione.

Il bonus caldaia è un incentivo con cui il contribuente viene aiutato nella sostituzione della vecchia caldaia con una nuova, a condensazione di classe energetica A o superiore.

In questo articolo andremo a vedere come funzionano i bonus che permettono di fruire delle agevolazioni, che sono:

  • Superbonus al 70%
  • Ecobonus al 50%
  • Ecobonus al 65%
  • Bonus ristrutturazione al 50%

Come funzionano i bonus caldaia 2024?

Il bonus caldaia rientra nei lavori agevolati dall’Ecobonus: si rivolge ai contribuenti che acquistano impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione che, oltre a garantire migliori prestazioni energetiche, consentono di ridurre l’inquinamento atmosferico.

Le regole e gli importi dell’Ecobonus per i lavori di sostituzione della caldaia sono state notevolmente rivisitate negli ultimi anni, ma nel 2024 la detrazione è stata confermata senza modifiche di rilievo.

Il bonus può essere richiesto entro il 31 dicembre 2024 per le spese sostenute per la sostituzione della vecchia caldaia con una nuova, sono comprese nell’agevolazione anche le spese per lo smontaggio e il montaggio.

Di seguito la guida completa alle detrazioni fiscali per la sostituzione della caldaia nel 2024 e tutte le novità che riguardano l’ecobonus edilizio.

Bonus caldaia 2024: a chi spetta

Il bonus caldaia può essere richiesto da chi installa una nuova caldaia in occasione di una sostituzione per risparmio energetico o nel caso sia in corso la ristrutturazione dell’immobile.

È necessario conservare i documenti rilasciati dal tecnico che ha effettuato l’intervento di installazione della caldaia, ed è parimenti fondamentale effettuare il pagamento tramite mezzi tracciabili.

Infine, per portare in detrazione le spese sostenute, è indispensabile effettuare la comunicazione all’ENEA entro 90 giorni dall’installazione della caldaia, con la scheda informativa dei lavori effettuati e l’attestazione della classe energetica.

Detrazioni bonus caldaia 2024, che percentuale?

L’Agenzia delle Entrate prevede quattro tipologie di detrazioni fiscali per l’acquisto di una caldaia a condensazione in classe energetica A o superiore:

  • è riconosciuto un ecobonus caldaia al 50% per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di classe A o superiore;
  • l’Ecobonus è pari al 65% per le spese di sostituzione di impianti esistenti con nuove caldaie dotate di sistemi di termoregolazione o domotica evoluti; il Conto Termico permette di beneficiare di un bonus pari al 65% per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernali con impianti a pompa di calore e per l’installazione di impianti solari per a produzione di acqua calda sanitaria.
  • è riconosciuto il superbonus al 70% se la sostituzione della caldaia comporta un aumento di almeno due classi di efficienza energetica e viene eseguita contemporaneamente ai lavori ammessi al Superbonus (con detrazione al 70%);
  • con il bonus ristrutturazione casa, sfruttando la detrazione al 50%, si può far rientrare la sostituzione della caldaia nella manutenzione straordinaria e rispetto all’ecobonus il vantaggio è quello che il bonus è valido anche per prima istallazione senza spendere per sistemi di termoregolazione evoluti.

Vediamo di seguito nel dettaglio quando la detrazione Irpef sarà pari al 50%, quando al 65% e quando al 70%.

Ricordiamo che lo sgravio fiscale viene concesso anche nel caso in cui, oltre alla caldaia, si acquistino valvole termostatiche di ultima generazione da collegare ai propri caloriferi.

Il bonus caldaia rientra in diversi bonus edilizi esistenti. Va premesso, inoltre, che la detrazione per la sostituzione della caldaia può essere fatta rientrare anche nel bonus mobili 2024, ma in questo caso si ha diritto a una detrazione pari al 50% del costo sostenuto nel limite massimo di 5.000 (che è l’importo limite a cui passa il bonus mobili nel 2024), ma del costo dell’installazione.

Bonus al 50% per le caldaie a condensazione

Per la sostituzione dell’impianto di climatizzazione con impianti dotati di caldaie a condensazione di classe energetica pari alla A o superiore è riconosciuta una detrazione fiscale pari al 50% dell’importo entro il limite di 30.000 euro di spesa.

La stessa detrazione fiscale spetta anche nel caso di acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili.

Al contrario, per effetto delle disposizioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2018, il bonus caldaia non spetta nel caso in cui il nuovo impianto sia di classe energetica inferiore alla classe A.

L’agevolazione è erogata, una volta sostenuta la spesa dall’Agenzia delle Entrate in 10 rate annuali di pari importo.

Bonus caldaia al 65% per gli impianti “evoluti”

Come anticipato in precedenza, l’Ecobonus per la sostituzione della caldaia è pari al 65% esclusivamente sull’acquisto e installazione di impianti “evoluti” e nei limiti di 30.000 euro di spesa.

Per poter beneficiare del bonus caldaia al 65% è richiesta l’installazione, accanto agli impianti dotati di caldaie a condensazione di classe A, di:

  • sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02;
  • impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro;
  • spese sostenute per l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

La logica del Legislatore è stata, chiaramente, quella di agevolare con un importo di sconto fiscale maggiore esclusivamente le spese che consentono un risparmio energetico maggiore.

Sostituzione caldaia superbonus: requisiti

La sostituzione della caldaia rientra nel superbonus solo se accompagnata da altri interventi di riqualificazione energetica previsti dal Decreto Rilancio, quali il cappotto termico, la sostituzione degli infissi o l’impianto fotovoltaico.

La sostituzione di impianti di climatizzazione invernale già esistenti con caldaie a condensazione almeno di classe A, pompe di calore, caldaie a biomassa e altri impianti non è sufficiente per ottenere l’agevolazione del 70% nel limite di spesa di 30.000 euro. E’ necessario rispettare altri requisiti:

  • la sostituzione deve comportare un miglioramento della resa energetica dell’immobile di ben due classi;
  • il miglioramento delle classi deve essere asseverato da professionisti abilitati (Geometri, Architetti, Ingegneri, Fiscalisti);
  • occorre allegare oltre 30 documenti diversi.

Bonus caldaia: come fare la dichiarazione ENEA

L’Enea ha messo a disposizione una guida completa all’Ecobonus con diversi approfondimenti legati al tipo di lavoro effettuato.

Enea stabilisce i requisiti generali per l’immobile al fine di beneficiare della detrazione fiscale nel 2024:

  • alla data della richiesta di detrazione, deve essere “esistente”, ossia accatastato o con richiesta di accatastamento in corso;
  • deve essere in regola con il pagamento di eventuali tributi;
  • deve essere dotato di impianto di riscaldamento;
  • in caso di ristrutturazione senza demolizione, se essa presenta ampliamenti, non
    è consentito far riferimento al comma 344, ma al singolo comma 347 e solo per la
    parte non ampliata.

Per tutto il 2024 vige l’obbligo di comunicare all’Enea gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica (Legge 296/2006 - Ecobonus) o che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili (art. 16-bis DPR 917/86 - Bonus Casa).

Quando spetta il bonus caldaia: tutti i requisiti

Per quanto riguarda la nuova caldaia a condensazione, devono risultare soddisfatti i seguenti requisiti ai fini di beneficiare della detrazione fiscale:

  • l’intervento deve configurarsi come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico e non come nuova installazione;
  • il nuovo generatore di calore a condensazione può essere ad aria o ad acqua.

Inoltre, nel caso di impianto con potenza nominale al focolare minore di 100 kW:

  • il generatore di calore deve avere un rendimento termico utile, a carico pari al 100% della potenza termica utile nominale, maggiore o uguale a 93 + 2logPn;
  • ove tecnicamente compatibili devono essere installate valvole termostatiche a bassa inerzia termica su tutti i corpi scaldanti. Nell’impossibilità tecnica di installare questi dispositivi, occorre utilizzarne altri con le medesime caratteristiche (ossia di tipo modulante agenti sulla portata). Costituiscono eccezione gli impianti di climatizzazione invernale progettati e realizzati con temperature medie del fluido termovettore inferiori a 45°C;
  • verifica e messa a punto del sistema di distribuzione.

Invece, nel caso di impianti con potenza nominale del focolare maggiore o uguale a 100kW, oltre ai precedenti requisiti:

  • deve essere adottato un bruciatore di tipo modulante;
  • la regolazione climatica deve agire direttamente sul bruciatore;
  • deve essere installata una pompa elettronica a giri variabili.

Bonus caldaia 2024: documenti necessari

Al fine di richiedere la detrazione fiscale sarà necessario conservare i seguenti documenti:

  • certificato di asseverazione, redatto da un professionista qualificato. In questo documento è specificato l’indice di riscaldamento energetico, che deve deve rispettare i limiti di legge. Nel documento devono essere indicati anche i livelli di trasmittanza termica precedenti e successivi all’intervento;
  • certificazione dei produttori della caldaia e delle valvole termostatiche
  • schede tecniche dei prodotti e l’eventuale documentazione supplementare

Sarà inoltre necessario conservare i seguenti documenti amministrativi:

  • fatture relative alle spese sostenute;
  • ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la detrazione e del beneficiario del bonifico;
  • ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA(codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa. Nel caso di invio postale, ricevuta della raccomandata postale;

I documenti dovranno essere inviati all’ENEA, secondo le modalità e le scadenze messe a disposizione sul sito ufficiale.

Come fruire del Bonus caldaia 2024

Dopo lo stop dello sconto in fattura e alla cessione del credito, che permettevano un risparmio immediato per l’acquirente, l’unico modo che resta per poter fruire dell’agevolazione è come detrazione (al 50%, al 65% o al 70%) in sede di dichiarazione dei redditi.

Per quel che riguarda Ecobonus e bonus ristrutturazioni la detrazione è fruibile in dichiarazione dei redditi in dieci quote annuali di pari importo, mentre per quel che riguarda la detrazione con il Superbonus al 70% la detrazione si gode in quattro rate annuali di pari importo.

Nel calcolo delle spese da portare in detrazione possono essere considerate anche quelle di trasporto, di montaggio e delle eventuali valvole termostatiche da applicare ai caloriferi.

Scadenza bonus caldaia

Al momento quello che si sa con certezza è che il 2024 è l’ultimo anno in cui si può beneficiare del bonus per cambiare la caldaia. In assenza di proroghe al riguardo, infatti, dal 2025 non ci saranno agevolazioni al riguardo in assenza di interventi normativi mirati. Come abbiamo accennato, però, che siano prorogate le misure esistenti con le attuali percentuali di detrazione appare molto improbabile.

Quando scade il bonus caldaia? Se lo si fruisce con il bonus mobili ed elettrodomestici la detrazione al 50% su una spesa massima di 5.000 euro potrà essere sfruttata per acquisti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2024. Se, invece, si utilizza l’ecobonus o il bonus ristrutturazioni la scadenza della detrazione al 50% o al 65% è fissata sempre al 31 dicembre 2024, quando la proroga di entrambi i benefici è in scadenza.

Cosa accade dopo la scadenza del 31 dicembre 2024? Molto probabilmente resteranno in vigore i bonus edilizi così come previsti dal Tuir (articolo 16-bis) con aliquota di detrazione al 36%.

Iscriviti a Money.it

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo