Auto elettriche al centro delle future strategie di SEAT. Il Marchio spagnolo, infatti, si prepara a lanciare sei nuovi modelli di EV e ibridi plug-in, tra i quali spicca una citycar dal prezzo di listino “abbordabile” al di sotto dei 20.000 euro. Le novità sono state annunciate durante la Conferenza di Bilancio tenutasi presso la sede di SEAT di Martorell.

SEAT delinea il futuro forte di un 2018 che ha visto il proprio bilancio crescere fino a risultare il più elevato della sua storia, con 294 milioni di euro di utile netto dopo le imposte (+4,6% rispetto al 2017). Un risultato condiviso con i 15.000 dipendenti, ognuno dei quali riceverà un extra-dividendo di 1.068 euro il prossimo 15 aprile.

Conti in ordine e solidità aziendale che hanno permesso a SEAT di investire 1 miliardo e 223 milioni di euro in ricerca e sviluppo, anche in questo caso si tratta di una cifra record per il Marchio spagnolo, la più alta della sua storia.

Luca de Meo, Presidente di SEAT, ha commentano così i risultati raggiunti: “Il 2018 è stato il miglior anno nella storia di SEAT. Abbiamo i nostri prodotti nei segmenti più rilevanti e profittevoli, e ciò ci ha portato a essere tra i marchi che sono cresciuti di più in Europa negli ultimi tre anni”.

SEAT: un’auto elettrica economica da meno di 20.000 euro

Come primo passo delle strategie di SEAT per i prossimi anni c’è il lancio di nuovi veicoli elettrici. Sei per la precisione, il più “abbordabile” dei quali è una citycar che nascerà sulla nuova piattaforma che il Brand spagnolo sta realizzando con Volkswagen. Si tratta della più piccola tra le Modular Electric Drive Toolkit (MEB) e la prima prodotta da SEAT, un progetto nel quale sono impegnati 300 ingegneri a Martorell.

Herbert Diess, CEO di Volkswagen AG, ha spiegato così il ruolo di SEAT all’interno del gruppo VW: “Il progetto legato alla piattaforma per le vetture elettriche di piccole dimensioni rappresenta un importante passo in avanti verso una mobilità elettrica più democratica. SEAT realizzerà la prima vettura elettrica progettata specialmente per spostamenti urbani”.

Non solo hardware: SEAT svilupperà anche software

Gli altri cinque modelli elettrificati allo studio saranno sia EV che ibridi plug-in e entreranno a far parte delle gamme SEAT e CUPRA. Oltre all’ “hardware” delle auto elettriche il Costruttore spagnolo è impegnato nel realizzare anche la tecnologia e i software necessari al funzionamento degli EV, inclusa la connettività, che sarà sempre più estesa.

Per questo SEAT sta creando un centro di sviluppo dedicato ai software, nel quale verrò integrato il Metropolis:Lab Barcelona e che collaborerà a stretto contatto con altre aziende SEAT indipendenti come XMOBA. Il nuovo centro di sviluppo avrà sede a Barcellona.