Brexit: accordo imminente, sterlina corre

L’accordo sulla Brexit fa balzare la sterlina inglese che si riporta sui massimi di 10 settimane contro l’euro. La svolta nelle prossime settimane

Brexit: accordo imminente, sterlina corre

La sterlina inglese ha rialzato la testa sia contro l’euro che contro il dollaro nelle ultime ore, in virtù di un rinnovato ottimismo nei confronti di quell’accordo sulla Brexit che potrebbe finalmente essere trovato.

Stando a quanto emerso dalle più recenti indiscrezioni di stampa, il compromesso tra Unione europea e Regno Unito vedrà la luce nell’arco di qualche settimana, più precisamente in occasione delle prossime riunioni tra i leader della Ue che si terranno il 17-18 ottobre e il 17-18 novembre.

Il mercato ha creduto all’ipotesi di un prossimo accordo sulla Brexit e gli investitori sono tornati a puntare sulla sterlina inglese, che dal 23 giugno 2016 in poi non ha fatto che deprezzarsi.

La sterlina crede nell’accordo Brexit

Negli ultimi due anni le incertezze legate al divorzio tra le parti hanno ripetutamente affossato la sterlina inglese. In molti hanno espresso dubbi circa le reali possibilità di trovare il tanto atteso accordo sulla Brexit che ora, a circa 6 mesi dal 29 marzo 2019, potrebbe rivelarsi in dirittura d’arrivo.

Secondo quanto riportato da alcune fonti presenti alla riunione, i negoziatori Ue avrebbero parlato di un compromesso “molto vicino”. Sarebbero stati dunque sciolti i nodi più problematici, ossia quelli relativi al commercio e al confine con l’Irlanda del Nord - entrambe le questioni hanno fino ad ora impedito il raggiungimento di un’intesa ufficiale.

La sterlina inglese sta festeggiando gli ultimi sviluppi. Grazie all’ipotesi di un prossimo accordo sulla Brexit il pound sta scambiando in rialzo sia contro l’euro che contro il dollaro.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Sterlina (GBP)

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.