Vaccini, arrivano 7 milioni di dosi Pfizer: ipotesi utilizzo per gli under 60

Alessandro Cipolla

15/04/2021

18/06/2021 - 11:02

condividi

Pfizer anticipa la fornitura dell’ultimo trimestre e a breve in Italia arriveranno quasi 7 milioni di dosi: potrebbero essere destinate agli under 60, con AstraZeneca e Johnson & Johnson riservati invece per i più anziani.

Ancora una volta ci salva Pfizer. L’annuncio è di Ursula von der Leyen: l’Europa ha trovato un accordo con il colosso farmaceutico americano che, per il vaccino anti-Covid, agisce in tandem con i tedeschi di Biontech, con la fornitura prevista per il quarto trimestre che sarà anticipata da qui a giugno.

In totale si tratta di 50 milioni di dosi che arriveranno nei Paesi UE in questo trimestre, con l’Italia che ne riceverà 6,75 milioni. Una autentica manna per il commissario Francesco Figliuolo dopo le brutte notizie dei giorni scorsi.

La sospensione negli Usa del vaccino di Johnson & Johnson e il conseguente stop alle forniture verso l’Europa, rischiavano infatti di creare una ulteriore voragine nel nostro piano vaccinale già in netto ritardo rispetto alla tabella di marcia stabilita.

Queste dosi anticipate di Pfizer serviranno così a tamponare i rallentamenti per Johnson & Johnson e i soliti ritardi da parte di AstraZeneca. A breve però, l’intera strategia vaccinale del piano Figliuolo potrebbe essere nuovamente rivista.

Piano vaccini: Pfizer solo agli under 60?

L’attuale piano vaccini in Italia prevede, in questo secondo trimestre, l’arrivo in Italia in totale di 52,4 milioni di dosi. Di queste, 7,3 milioni sono di CureVac che ancora non ha ricevuto l’autorizzazione dell’Ema, 10 milioni di AstraZeneca che già ha fatto intendere che potrebbe consegnare meno del previsto e 7,3 milioni di Johnson & Johnson, al momento in naftalina.

A breve il Ministero della Salute e l’Aifa potrebbero decidere di destinare Janssen, il vaccino di J&J, soltanto agli over 60 come già si sta facendo con AstraZeneca. Questo però andrebbe a creare un buco per quanto riguarda la vaccinazione dei più giovani.

Pfizer che si sta dimostrando l’azienda più affidabile, potrebbe così essere destinato agli under 60 per colmare il vuoto derivante dalle limitazioni per quanto riguarda gli altri due vaccini.

Inoltre la Commissione Europea sarebbe vicina a chiudere con l’azienda farmaceutica americana anche un accordo per 1,8 miliardi di dosi fino al 2023, a un costo però maggiore di un terzo rispetto a quello attuale.

In sostanza, in Italia nell’immediato Pfizer dovrebbe andare a sostituire Johnson & Johnson nei piani del Governo, visto che il siero al momento sospeso era destinato alle farmacie per vaccinare le fasce più giovani della popolazione.

Argomenti

# Pfizer

Iscriviti a Money.it