Cosa rischia chi usa il clacson impropriamente?

Chi usa il clacson impropriamente può essere multato; lo prevede il Codice della Strada che stabilisce delle regole molto ferree sulla segnalazione acustica.

Cosa rischia chi usa il clacson impropriamente?

L’utilizzo improprio del clacson è severamente punito dal Codice della Strada, soprattutto se questo viene utilizzato in situazioni non pericolose.

Il clacson infatti è uno strumento che se utilizzato nel modo errato può provocare numerosi fastidi a coloro che si trovano nelle vicinanza del veicolo che emette la segnalazione acustica.

Proprio per questo motivo il CdS impone regole molto ferree per chi viene sorpreso ad utilizzare il clacson impropriamente. Ci sono però dei casi in cui è possibile non rispettare i divieti e le limitazioni sull’uso dei dispositivi di segnalazione acustica.

Vediamo quindi cosa prevede il Codice della Strada, a quanto ammontano le sanzioni e in quali casi il conducente può non rispettare il divieto imposto dalla normativa.

Cosa prevede il Codice della Strada?

L’articolo 156 del Codice della Strada stabilisce che il dispositivo di segnalazione acustica debba essere usato con la massima moderazione e solamente ai fini della sicurezza stradale.

Fuori dai centri abitati l’uso del clacson è consentito ogni qualvolta le condizioni ambientali o del traffico lo richiedano al fine di evitare incidenti, in particolare durante le manovre di sorpasso.

Durante le ore notturne, come anche di giorno, il conducente in caso di pericolo in alternativa al clacson può decidere di utilizzare i segnali luminosi a breve intermittenza mediante i proiettori di profondità qualora non sia vietato.

Inoltre viene stabilito che nel caso in cui si dovesse obbligatoriamente suonare il clacson la segnalazione acustica deve essere la più breve possibile.

Cosa rischia chi non rispetta il divieto di utilizzare il clacson?

Il Codice della Strada stabilisce che è vietato utilizzare il clacson nei centri urbani a meno che non si verifichino casi di effettivo ed immediato pericolo.

L’unica eccezione infatti riguarda il caso in cui il conducente del veicolo stia trasportando un ferito o un ammalato grave; in questa circostanza è consentito all’automobilista di azionare il clacson e di non osservare quindi i divieti e le limitazioni sull’uso dei dispositivi di segnalazione acustica.

Chiunque, fatta eccezione per il caso appena citato, non rispetti il divieto imposto dal CdS andrà incontro ad una sanzione pecuniaria che va da un minimo di 41 euro fino ad un massimo di 168 euro.

Non saranno invece applicate sanzioni amministrative accessorie a chi utilizza il clacson in situazione non di pericolo. Infatti non è prevista né la decurtazione di punti dalla patente né la sospensione della stessa.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Codice della strada

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Redazione -

Incidente stradale: cosa fare quando succede

Incidente stradale: cosa fare quando succede

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 mese fa

Animali in vacanza: come portare cani e gatti in auto e non rischiare una sanzione

Animali in vacanza: come portare cani e gatti in auto e non rischiare una sanzione

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

1 mese fa

Seggiolino anti-abbandono obbligatorio: decreto approvato alla Camera. Cosa cambia dal 2019

Seggiolino anti-abbandono obbligatorio: decreto approvato alla Camera. Cosa cambia dal 2019

Commenta

Condividi