Tassazione dividendi percepiti da persone fisiche non titolari di partita IVA. La guida completa

Come funziona la tassazione dei dividendi percepiti da persone fisiche non titolari di partita IVA? Ecco la guida completa con tutte le istruzioni su tassazione e dichiarazione dei redditi.

Tassazione dividendi percepiti da persone fisiche non esercenti attività d’impresa e quindi non titolari di partita IVA: quanto si paga?
I dividendi rientrano nella categoria dei redditi di capitali e sono disciplinati dagli articoli 44 e ss del TUIR.
La tassazione dei dividendi varia a seconda che la partecipazione detenuta dal contribuente persona fisica non titolare di partita IVA sia qualificata o non qualificata.

Ecco la guida alla tassazione dei dividendi percepiti da persone fisiche non esercenti attività d’impresa e quindi non titolari di partita IVA.

Tassazione dividendi percepiti da persone fisiche non titolari di partita IVA: i fattori da considerare

La tassazione dei dividendi percepiti da persone fisiche non esercenti attività d’impresa e quindi non titolari di partita IVA varia a seconda di due fattori:

  • la tipologia di partecipazione posseduta, ovvero se qualificata o non qualificata;
  • la residenza del contribuente.

Al fine di definire il perimetro di demarcazione tra partecipazione qualificata e non qualificata, la normativa societaria prevede diverse percentuali di quota capitale e diritto di voto a seconda che si faccia riferimento alle società quotate in borsa ovvero alle società non quotate in borsa.

Ecco una tabella sinottica con i criteri distintivi:

Tipo di partecipazione Criteri della quota capitale e del diritto di voto in assemblea
Partecipazione qualificata nelle società quotate in borsa quota capitale superiore al 5% ovvero se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria maggiore al 2%
Partecipazione non qualificata nelle società quotate in borsa quota capitale inferiore al 5% ovvero se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria inferiore al 2%
Partecipazione qualificata società non quotate in borsa quota capitale superiore al 25% ovvero se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria maggiore al 20%
Partecipazione non qualificata società non quotate in borsa quota capitale inferiore al 25% ovvero se attribuisce un diritto di voto in assemblea ordinaria inferiore al 20%

Tassazione dividendi percepiti da persone fisiche non titolari di partita IVA: modalità di tassazione

Come funziona quindi la tassazione dei dividendi percepiti da persone fisiche non esercenti attività d’impresa e quindi non titolari di partita IVA che risultano residenti nel terriotorio dello Stato?

Ecco una tabella riassuntiva:

Soggetto percipiente Modalità di tassazione
Persona fisica non titolare di partita IVA che detiene una partecipazione qualificata Il reddito è imponibile per il 49,72% di quanto percepito
Persona fisica non titolare di partita IVA che detiene una partecipazione non qualificata Ritenuta a titolo d’imposta del 26%

Riepilogando: per una persona fisica che non svolge attività d’impresa e che possiede una partecipazione di tipo qualificato, è imponibile il 49,72% del dividendo percepito. Si tenga presente che, qualora l’utile sia stato realizzato prima del 2008, la quota imponibile è del 40% e non del 49,72%. In ordine, invece, alla persona fisica che non svolge attività d’impresa e che possiede una partecipazione non qualificata la tassazione avviene mediante applicazione della ritenuta d’acconto a titolo d’imposta pari, a partire dal 1° luglio 2014, al 26%.

Tassazione dividendi percepiti da persone fisiche: la dichiarazione dei redditi

I redditi di capitale percepiti sotto forma di dividendi devono riportati nella dichiarazione dei redditi modello UNICO PF.

I righi del modello UNICO PF da compilare per dichiarare la percezione di redditi sotto forma di dividendi sono due:

  • rigo RL1 per dichiarare i dividendi di fonte italiana ed estera che il contribuente percepisce da partecipazioni di tipo qualificato;
  • rigo RM12 per dichiarare i dividendi di fonte italiana ed estera che lo stesso percepisce da partecipazioni di tipo non qualificato.

Lo scomputo di eventuali imposte pagate all’estero deve essere dichiarato con il quadro CE del modello UNICO PF.

Tassazione dividendi ed azioni: ecco la guida di Forexinfo

I lettori interessati possono approfondire la materia del sistema di tassazione di dividendi ed azioni leggendo il seguente articolo:

Come vengono tassate le azioni ed i dividendi?

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.