Sigarette elettroniche, nuove regole per la vendita: cosa cambia

Martino Grassi

24/08/2021

24/08/2021 - 15:01

condividi

In arrivo nuove regole per la vendita delle sigarette elettroniche e dei prodotti da inalazione. Ecco cosa cambia per i titolari dei negozi e i clienti.

Sigarette elettroniche, nuove regole per la vendita: cosa cambia

Saranno introdotte delle nuove regole per la vendita delle sigarette elettroniche: gli esercenti autorizzati dallo Stato dovranno esporre un’apposita insegna proprio come avviene per i tabacchi.

La decisione dell’agenzia delle Dogane e dei Monopoli è stata presa per poter gestire al meglio il settore della vendita dei prodotti da inalazione, in modo tale da poter combattere il commercio illegale e recuperare l’evasione fiscale delle varie attività. Ma vediamo cosa cambierà per i titolari dei negozi e per i consumatori.

Sigarette elettroniche: in arrivo nuove regole

Adesso anche i negozi di sigarette elettroniche avranno una loro insegna ben riconoscibile. L’annuncio arriva direttamente dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che ha preso la decisione in modo tale da poter permettere ai consumatori di indentificare in modo più semplice e rapido i rivenditori autorizzati da quelli illegali.

Nel corso dello scorso marzo, con la determinazione 92923, è stata definita l’apposita insegna che dovrà essere esposta dai negozi che vendono sigarette elettroniche e prodotti da inalazione, proprio come già sta avendo per i tabacchi. Sull’insegna sarà riportato lo stemma dello Stato Italiano e il Logo dei Monopoli, oltre che un numero identificativo che permetterà una mappatura precisa di tutte le attività.

La nuova insegna dovrà essere esposta da tutti i negozianti autorizzati a vendere liquidi da inalazione e sigarette elettroniche, ad eccezione di farmacie, parafarmacie e degli esercizi di vicinato autorizzati, che in Italia sono circa duemila. La vendita ai minori continuerà ad essere vietata, così come la discriminazione tra i canali di approvvigionamento. I Monopoli avranno inoltre la facoltà di oscurare i siti online che non disporranno dell’adeguata autorizzazione.

Stretta sui controlli e l’evasione fiscale

L’obiettivo dell’Agenzia è quello di rendere omogenei i profili normativi con quelli dei tabacchi lavorati, soffermandosi soprattutto sull’aspetto fiscale, gestionale e al monitoraggio e vigilanza degli esercenti. Con la nuova insegna, dunque, i consumatori potranno immediatamente riconoscere i venditori autorizzati, distinguendoli da quelli illegali, sprovvisti dell’autorizzazione alla vendita.

Stando ai controlli effettuati dall’agenzia è emerso un rischio economico-sociale e la pericolosità del mercato illecito dei prodotti da inalazione e sigarette elettroniche in relazione anche alla possibile presenza di sostanze nocive per la salute e per l’ambiente. Inoltre attraverso le nuove norme introdotte si prevede anche una riduzione dell’evasione fiscale, oltre che un recupero.

Iscriviti a Money.it