Sanremo 2022: cachet e guadagni di conduttori, ospiti e cantanti

Fiammetta Rubini - Alessandro Cipolla

01/02/2022

01/02/2022 - 14:54

condividi

Tutte le cifre del Festival di Sanremo 2022: i cachet previsti per conduttori, ospiti e cantanti in gara, oltre ai costi per la Rai e le stime di incasso dalla vendita degli spazi pubblicitari.

Sanremo 2022: cachet e guadagni di conduttori, ospiti e cantanti

Si alza il sipario sul Festival di Sanremo 2022 e si accendono i riflettori anche sui compensi di ospiti, conduttori e cantanti in gara. Il tema dei cachet infatti da sempre ha suscitato grande interesse e ca va sans dire feroci polemiche.

Se lo scorso anno la Rai per il Festival di Sanremo ha messo sul tavolo un budget da 17,4 milioni, per questa 72° edizione della kermesse canora dalle parti di viale Mazzini dovrebbero aver optato per una leggera sforbiciata alle spese.

Un piccolo ridimensionamento nonostante i 38 milioni di ricavi portati a casa grazie all’edizione da record dello scorso anno, con la Rai che avrebbe deciso di aumentare del 15% i costi degli spazi pubblicitari.

Il costo di un pacchetto di telepromozioni a Sanremo 2022 infatti viene stimato intorno ai 2,3 milioni, mentre la spesa per un singolo spot più breve durante una delle cinque serate del Festival dovrebbe aggirarsi sui 27.000 euro.

Se la Rai conta di rimpinguare le proprie casse grazie al Festival, vediamo invece nel dettaglio quelli che dovrebbero essere i cachet previsti per il conduttore Amadeus, le cinque co-conduttrici, gli ospiti e i 25 cantanti in gara a Sanremo 2022.

Quanto guadagnano conduttori e ospiti a Sanremo 2022

Per quanto riguarda Amadeus, che anche quest’anno svolgerà il doppio ruolo di direttore artistico e conduttore del Festival, ci aspettiamo che il suo compenso sia in linea con quello delle passate edizioni.

Per condurre le cinque serate del Festival di Sanremo Amadeus l’anno scorso avrebbe guadagnato 500-600.000 euro (due anni prima il compenso di Claudio Baglioni è stato di 585mila euro), cifra che però non tiene conto dell’impegno contrattuale dello showman che parte cinque mesi prima della data d’inizio della kermesse.

Dovrebbe essere invariato rispetto allo scorso anno anche il compenso per ciascuna delle cinque co-conduttrici: per Ornella Muti (prima serata), Lorena Cesarini (seconda serata), Drusilla Foer (terza serata), Maria Chiara Giannetta (quarta serata) e Sabrina Ferilli (quinta serata), è previsto un gettone da 25.000 euro.

In questa edizione 2022 non ci sarà invece un ospite fisso sul palco dell’Ariston, con Fiorello che sarà presente soltanto nella prima serata: per lui sarebbe stato preventivato un cachet da 50.000 euro, la stessa cifra che dovrebbe incassare anche Checco Zalone.

Quella dei 50.000 dovrebbe essere una sorta di cifra standard per buona parte degli ospiti, eccezion fatta per Laura Pausini che dovrebbe incassare qualcosina in più e per i Maneskin, con i trionfatori della scorsa edizione che si vocifera potrebbero mettersi in tasca invece un assegno da 80.000 euro.

Se dovesse essere confermata la presenza di Roberto Benigni, per il comico toscano si parla di un gettone da 60.000 euro. Non riceverà invece alcun compenso Roberto Saviano per la sua presenza sul palco del teatro Ariston.

Cantanti a Sanremo 2022, quanto guadagnano

Per i cantanti Big in gara a Sanremo dovrebbe essere riconosciuto il solito indennizzo a titolo di rimborso spese di un importo di circa 48mila euro. Per quanto riguarda le Nuove Proposte non ci sono dati aggiornati: le ultime notizie sui rimborsi per i giovani a Sanremo risalgono al 2018, quando era emerso che i cantanti in gara percepivano un rimborso di soli 6.000 euro.

Nessun premio in denaro per il vincitore, il quale potrà comunque beneficiare - così come gli altri cantanti in gara - di un ritorno economico non indifferente grazie alle vendite discografiche in crescita, alla popolarità sui social e alle ospitate in tv per merito della visibilità garantita da Sanremo.

C’è da dire, però, che con l’incremento dello streaming, Sanremo, in termini di vendite, si traduce in circa l’1% del mercato. Il peso promozionale della kermesse quindi si è abbassato notevolmente, ecco perché potrebbe essere l’occasione - come auspicato dal Presidente di FIMI - di rivedere i rimborsi spese visto che ad una major portare un artista in gara a Sanremo costa circa 100 mila euro in spese di organizzazione.

Il vincitore di questa edizione del Festival di Sanremo, avrà l’opportunità anche di rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest 2022 che si sovlgerà a Torino.

Iscriviti a Money.it