Reddito di emergenza con domanda respinta: perchè?

La domanda del reddito di emergenza può essere respinta solo nel caso che il richiedente non sia in possesso dei requisiti per accedere al beneficio.

Reddito di emergenza con domanda respinta: perchè?

L’INPS in una pagina dedicata ha chiarito che i percettori di reddito di cittadinanza possono chiedere il reddito di emergenza nel mese di sospensione, tra i primi 18 mesi e i successivi 18, del sussidio. Ma la domanda potrebbe anche essere respinta.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buona sera cortesemente desidero porvi un quesito:
Avendo finito il reddito di cittadinanza per i 18 mesi ho come consigliatomi dal CAF richiesto il reddito di emergenza per il mese scoperto. Mi hanno rigettato la domanda perché precettore di reddito di cittadinanza. È possibile? Premetto che purtroppo ho un Isee corrente bassissimo. Grazie anticipate”.

Reddito di emergenza rifiutato

Anche se da normativa il reddito di emergenza ed il reddito di cittadinanza sono due misure non compatibili tra loro, l’istituto spiega che questa incompatibilità è riferita soltanto al mese di fruizione.

Se il cittadino, quindi, è in possesso dei requisiti per accedere al Reddito di emergenza può richiederlo nell’eventuale mese di sospensione del reddito di cittadinanza tra la fruizione dei primi 18 mesi di sussidio ed i successivi 18.
A tal proposito l’INPS chiarisce anche che il mese di fruizione del reddito di cittadinanza non influenzerà in alcun modo l’importo spettante mensilmente sul reddito di cittadinanza derivante dalla nuova domanda.

Ma viene chiarito anche che quando una domanda di REM viene respinta nella richiesta presentata nel mese di sospensione, il rigetto è sempre legato al non possesso dei requisiti di legge.

Da considerare, infatti, che se anche durante il mese di sospensione il reddito di cittadinanza non si percepisce, durante il mese di settembre 2020, che è quello per il quale la nuova domanda di reddito di emergenza richiede un reddito inferiore alla quota di REM spettante, il reddito di cittadinanza si percepiva (visto che per tutti il mese di sospensione non è stato previsto prima di ottobre 2020).

Se, quindi, si percepiva un reddito di cittadinanza per importo superiore a quella spettante dal REM la domanda viene respinta.
Nel suo caso, di conseguenza, la domanda non è stata respinta perché titolare di Reddito di cittadinanza ma perché, percependolo nel mese in cui si richiede un reddito più basso della quota spettante di REM i requisiti non sono rispettati.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories