Permessi legge 104: a ore o per tutta la giornata?

Lorenzo Rubini

22 Dicembre 2021 - 19:26

condividi

I permessi legge 104 possono essere fruiti ad ore oppure, in alternativa, tutta la giornata. Vediamo la differenza e come fare.

Permessi legge 104: a ore o per tutta la giornata?

Per i genitori che assistono un figlio con legge 104 con gravità, c’è il diritto di fruizione di 3 giorni di permesso al mese retribuiti. I permessi in questione possono essere richiesti o per l’intera giornata o frazionati ad ore. Vediamo la differenza rispondendo alla domanda di una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
Sono la mamma di Samuele, disabile grave. Mio marito è l’unico patentato.
Quando deve fare esami ecc di solito prende qualche ora per portarlo in ospedale. Poi terminato lo riporta a casa e lui torna al lavoro.
Nella busta paga però trovo sempre la giornata intera pagata con la legge 104.
Lui però ha Lavorato per almeno 5 o 6 ore. Questo mi porta a pensare che la ditta ne stia approfittando.
Potreste spiegarmi? Grazie
Cordialmente”.

Permessi 104 e modalità di fruizione

I permessi legge 104 per i genitori che si prendono cura di un figlio con handicap grave possono essere richiesti nel numero di 3 ogni mese oppure frazionati ad ore. Anche se inizialmente il frazionamento era concesso solo in mezze giornate, successivamente l’INPS ha ammesso la possibilità di frazionare i 3 giorni anche in permessi orari.

Non essendo però, la frazionabilità prevista da nessuna norma specifica come diritto del lavoratore, in alcuni casi la pubblica amministrazione o il datore di lavoro oppongo un rifiuto a questa modalità di richiesta per problemi di natura organizzativa.

Nella pubblica amministrazione, poi, la frazionabilità dei permessi è possibile solo nel caso sia prevista dal CCNL di categoria.

Come funziona il frazionamento ad ore dei permessi? Le ore fruibili mensilmente se si decide di richiedere i permessi frazionati ad ore, si calcolano nel seguente modo: bisogna moltiplicare per 3 le ore di lavoro settimanale rapportate al numero di giorni in cui si lavoro. Per fare un esempio pratico il dipendente che lavora 40 ore settimanali per 5 giorni a settimana ha diritto a 24 ore di permessi legge 104.
Se un lavoratore, invece, lavora per 36 ore settimanali suddivise in 6 giorni di lavoro i permessi spettanti in ore sono 18.

Per capire, quindi, se suo marito può fruire o meno dei permessi legge 104 in modo frazionato dovete chiedere al datore di lavoro.

In ogni caso è bene che al momento della richiesta suo marito specifichi con il datore di lavoro o con l’ufficio personale che il permesso che richiede è frazionato a ore e non per tutta la giornata poiché in caso contrario viene segnata come permesso l’intera giornata.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

Iscriviti a Money.it