Pensione di vecchiaia: spetta a chi non ha mai versato contributi?

Lorenzo Rubini

6 Aprile 2021 - 15:11

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Al momento dell’accesso alla pensione di vecchiaia cosa accade a chi non ha mai versato contributi?

Pensione di vecchiaia: spetta a chi non ha mai versato contributi?

La pensione di vecchiaia è accessibile al compimento dei 67 anni per chi ha versato almeno 20 anni di contributi, in alternativa può essere raggiunta a 71 anni da chi ha versato meno contributi ma ricade interamente nel calcolo della pensione contributivo. Ma cosa accade a chi, non avendo mai lavorato, non ha versato nessun contributo?

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Salve volevo sapere se mia madre (77 anni) ha diritto alla pensione di vecchiaia , lei percepisce la reversibilità di mio padre da circa 18 anni , lei però non ha mai lavorato quindi non ha mai versato contributi Grazie per la risposta”

Pensione senza contributi

La normativa prevede che al compimento dei 67 anni chi non ha contributi versati, o chi non ne ha versati abbastanza per poter accedere alla pensione di vecchiaia, possa richiedere l’assegno sociale.

La pensione di vecchiaia non spetta indistintamente a tutti ma solo a coloro che abbiano versato almeno 20 anni di contributi (in alcuni casi specifici ne bastano anche solo 15 di anni di contributi). A tutti coloro che non vi rientrano rimane la possibilità di richiedere l’assegno sociale. Ma per farlo è necessario il rispetto di determinate condizioni.

L’assegno sociale, infatti, viene corrisposto solo a cittadini che versano in stato di disagio economico e per averne diritto è necessario avere redditi inferiori a quelli stabiliti annualmente dalla legge. Nel caso specifico per il 2021 il reddito da non superare per avere diritto è di 5983,64 euro per il richiedente solo e di 11967,58 euro per il pensionato coniugato.

Sua madre, di conseguenza, pur avendo superato i 67 anni ma percependo il reddito della pensione di reversibilità di suo padre avrebbe diritto all’assegno sociale con concessione parziale solo se l’importo delle 13 mensilità della pensione ai superstiti che percepisce sono inferiori a 5983,64 euro l’anno, in caso contrario, proprio per i redditi percepiti non ha diritto al beneficio.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories