Nucleo familiare, stato di famiglia e Isee: chiarimenti

Il nucleo familiare nella maggior parte dei casi corrisponde con lo stato di famiglia e tutti i componenti rientrano nel calcolo dell’Isee.

Nucleo familiare, stato di famiglia e Isee: chiarimenti

Nel nucleo familiare rientrano tutti i componenti della famiglia anagrafica ma anche i soggetti fiscalmente a carico non conviventi (ad esempio un figlio non convivente con il genitore ma fiscalmente a carico rientra nel nucleo familiare originario anche se ha residenza diversa).

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buonasera, vi scrivo per un caso un po’ particolare.
Sto per tornare a vivere in una grande casa con la mia famiglia. Siamo attualmente due nuclei familiari:1°) costituito da me, mio marito( entrambi lavoratori dipendenti), mio figlio minorenne e mia madre pensionata e 2°)nucleo dei miei suoceri pensionati. Io e mio marito siamo proprietari della nuova casa ma abbiamo adibito il piano terra per mia madre ed i miei suoceri. E’ possibile nel nostro caso far parte della stessa famiglia anagrafica ma conservare nuclei familiari a sè perché tutti e due autonomi e distinti economicamente? I miei suoceri in particolare, avendo una pensione decorosa ma bisognosi di molti medicinali, sono preoccupati di finire in una fascia ISEE alta e non farcela a acquistare i propri medicinali a causa del cumulo reddituale con noi. Come posso fare? Vi ringrazio per l’attenzione e l’eventuale supporto.”

Nucleo familiare e famiglia anagrafica per Isee

Mentre per la famiglia anagrafica (quella derivante dallo stato di famiglia) è necessaria la convivenza, come abbiamo visto nel nucleo familiare non sempre è necessaria. Coniugi che, per esempio, hanno residenza diversa e, quindi, appartengono a due stati di famiglia distinti, fanno parte dello stesso nucleo familiare.

Dal nucleo familiare, però, non possono essere esclusi i soggetti della famiglia anagrafica: persone con vincoli di matrimonio, affetto, parentela che hanno la stessa residenza fanno parte dello stesso nucleo familiare.

All’interno della stessa abitazione, infatti, è possibile avere due stati di famiglia distinti solo nel caso che le persone che li compongono non siano unite da alcun legame, cosa non possibile nel caso che mi descrive.

Unica soluzione che mi viene in mente nel vostro caso, visto che parla di una casa a due piani di cui uno adibito per i suoi suoceri, è dividere l’abitazione in due unità distinte, se possibile. In questo modo i suoi suoceri potrebbero avere il proprio stato di famiglia ed il proprio nucleo familiare e lei, suo marito, suo figlio e sua madre appartenere ad un’altra famiglia anagrafica.

Per fare ciò, ovviamente, è necessario che le due distinte unità abitative siano riconosciute come tali e che abbiano entrate indipendenti. Il frazionamento dell’immobile richiede, però, anche una variazione catastale e solo in questo modo è possibile avere due stati di famiglia all’interno dell’immobile frazionato.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

ISEE

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

2081 voti

VOTA ORA