Mini Cooper SE elettrica in uscita nel 2019, prezzo e caratteristiche

La Mini elettrica debutta il prossimo 9 luglio. Anticipiamo la scheda tecnica e il prezzo.

Mini Cooper SE elettrica in uscita nel 2019, prezzo e caratteristiche

La prima Mini elettrica è pronta a debuttare il prossimo martedì 9 luglio. Con il nome ufficiale di Mini Cooper SE, la piccola anglo-tedesca sarà presentata al prossimo Salone di Francoforte anche per sottolineare il legame con la nascita del marchio inglese nel 1959. Quest’anno Mini ha già celebrato la ricorrenza con il modello realizzato per il sessantesimo anniversario, ma non è casuale la scelta di lanciare proprio nel 2019 il primo modello a zero emissioni.

La Mini Cooper SE, all’estero già semplificata con Mini Electric, si presenta con un design praticamente identico a quello della versione a benzina, ad eccezione dei nuovi colori di lancio più sgargianti, e di un nuovo disegno dei cerchi pensato per una resistenza all’aria diversa.

La foto che riportiamo viene da una serie di scatti fatti sul set fotografico negli Stati Uniti organizzato per il lancio promozionale. In un video si vede infatti la nuova auto tra le strade americane, inserita in una carrellata di immagini che celebrano la filosofia del brand. Si ricollega infatti al modello storico, nato grazie alla capacità di vedere oltre, un elemento che contraddistingue ancora oggi la casa, nonostante siano cambiate molto le forme e le dimensioni dell’auto.

Ora che l’abbiamo vista in versione definitiva, possiamo dire che la Mini Elettrica è molto simile al concept, con una griglia molto sottile all’anteriore. Il gruppo BMW vuole dotare di un motore a batteria il suo mezzo best seller per il segmento giovane e per la città in modo da non rimanere indietro nei confronti della concorrente Volkswagen.

L’unica ad essere elettrificata è la versione a tre porte. Diamo uno sguardo alle prime caratteristiche e al prezzo di questa auto che promette di incrementare le vendite a zero emissioni del gruppo BMW. In Francia è già ordinabile con un canone di 300 euro al mese.

Mini Cooper SE 2019, scheda tecnica dell’elettrica

Nel design non ci saranno rivoluzioni rispetto al modello attuale, così come è stato per altri modelli in versione elettrizzata. Le uniche differenze saranno nell’assenza di griglia frontale nei nuovi disegni dei cerchi creati per diminuire gli attriti con l’aria.

Probabilmente sarà disponibile solo a tre porte, una scelta che la avvicina al modello storico Mini Minor. L’obiettivo di BMW infatti è quello di lanciare il motore elettrico su un modello di ampio successo.

Le modifiche più vistose sono nell’abitacolo: gli interni sono aggiornati con una nuova strumentazione di bordo a partire dal cruscotto che è digitale, con uno schermo ovale, mentre il secondo schermo è al centro del quadro strumenti con le mappe e l’infotainment.

La Mini Cooper SE è la prima vettura 100% elettrica del marchio anglo-tedesco e sotto al cofano ha un motore di 135 kW di potenza (184 CV) e 270 Nm di coppia, per un’autonomia dichiarata nel ciclo WLTP di circa 270 km, con un pacco batterie da 33 kWh posizionato sotto ai sedili posteriori. Parte del powertrain deriva dalla BMW i3s.

Il peso totale è di circa 1.350 kg, distribuito 55% all’anteriore e 45% al posteriore. La nuova Mini elettrica potrebbe toccare una velocità massima di circa 150 km/h con uno scatto da 0 a 100 di 7 secondi.

Mini elettrica 2019 prezzo

La Mini elettrica debutterà nel 2019, in corrispondenza dei 60 anni dalla nascita del primo modello nel 1959. La vedremo in anteprima probabilmente al salone dell’auto di Ginevra e sarà assemblata nello storico impianto di Oxford. L’auto è già preordinabile in Francia, Germania, Svezia, Olanda e Norvegia.

Il prezzo base della Mini elettrica dovrebbe essere di circa 35.000 euro e l’auto avrà il compito di alzare le vendite elettriche di Mini in sei anni, viste le previsioni del gruppo BMW.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Auto Elettriche

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.