Il mercato auto è sempre più influenzato dalle ricerche online, con le quali gli automobilisti raccolgono le informazioni sulla prossima auto da acquistare. Negli ultimi anni sono cresciuti i siti web che offrono la possibilità di configurare le auto per avere un’idea del prezzo finale di un modello specifico.

Una possibilità offerta sia dalle case automobilistiche (sui siti web di proprietà) sia da aziende terze. Come DriveK, che ha creato l’Osservatorio sulla ricerca dell’auto online proprio per monitorare il comportamento degli utenti seul web e delineare le nuove dinamiche del mercato auto.

Nell’ultimo rapporto pubblicato, l’Osservatorio ha preso in esame i primi sei mesi del 2019. Un periodo nel quale - va ricrordato - il mercato automobilistico italiano ha subito una flessione del 3,4% rispetto allo stesso periodo del 2018.

In pratica, mancano all’appello oltre 38.000 vetture, e a pesare è il calo di immatricolazioni registrato dal settore Noleggio a Lungo Termine e dalle auto-immatricolazioni di conceessionari e case auto.

La Fiat Panda è l’auto più venduta e l’auto più cercata online

Un dato interessante che emerge dall’analisi di DriveK è che - per la prima vota da quando vengono misurate le riceche di auto online - l’auto più venduta in Italia è anche l’auto più cercata sul web. Parliamo della Fiat Panda, modello “bestseller” da molto tempo.

L’indagine - condotta su 100.000 ricerche effettuate sul sito di DriveK - fa emergere un altro dato significativo: per la prima volta non è un SUV l’auto più cercata online. Anche se alle spalle della Panda troviamo effettivamente un SUV come la Dacia Duster, un modello low cost che piace proprio per l’accessibilità e l’ottimo rapporto prezzo/dotazioni.

Segno che gli italiani stanno diventando più pragmatici e meno sognatori. L’Osservatorio ha messo a confronto la classifica delle ricerche online con quella delle auto più vendute in Italia elaborata da UNRAE, l’Associazione delle Case estere operanti sul mercato italiano.

Questo è il risultato:

Tante le ricerche online di auto elettriche e ibride, meno le vendite

Un altro dato interessante che emerge dall’analisi condotta dall’Osservatorio sulla ricerca dell’auto online di DriveK è quello relativo alle ricerche online di auto elettriche e a quelle ibride. In entrambi in crescita, anche molto distanti dal numero delle vendite reali.

Le ricerche di auto ibride rappresentano ben il 9,2% del totale e quelle di auto elettriche il 7,8%, segno che l’elettrificazione sta quantomeno incuriosendo gli automobilisti italiani. Questa sono le classifica delle alimentazioni per ricerca online e per immatricolazione:

Questo divario tra ricerca e acquisto” – dichiara Tommaso Carboni, Country Manager per l’Italia di MotorK, società proprietaria del portale DriveK – “è legato a due ordini di fattori: da un lato la scelta di questi sistemi di alimentazione implica il sostenere, per lo stesso veicolo, un prezzo superiore a quello dei motori tradizionali. Dall’altro, la rete distributiva sul territorio potrebbe preferire i motori termici in pronta consegna a veicoli green, tanto da invitare il cliente ad un cambio di rotta”.