Graduatoria test Medicina 2019: come funziona lo scorrimento

Come funziona la graduatoria del test di Medicina 2019? Che cos’è lo scorrimento di graduatoria? Qui la guida completa alla graduatoria di Medicina 2019.

Graduatoria test Medicina 2019: come funziona lo scorrimento

L’uscita della graduatoria per il test di Medicina 2019 non è poi così lontana. Dopo aver affrontato la temuta prova d’esame per l’ammissione alla Facoltà di Medicina, i candidati sono ora con il fiato sospeso, in attesa di conoscere se sono riusciti a conquistarsi un posto in graduatoria.

Se con l’uscita delle soluzioni ufficiali da parte del Miur gli aspiranti medici hanno potuto avere un primo metro di paragone sull’andamento della propria prova, bisognerà aspettare il 1°ottobre per sapere quale destino riserverà loro la graduatoria unica nazionale.

Per essere ritenuti idonei bisognerà aver totalizzato almeno 20 punti sui 90 raggiungibili, ma si ricorda che il punteggio minimo cambia di anno in anno in base alla media complessiva che gli studenti restituiscono.

D’ora in poi le date da segnare nero su bianco sono tre: il 17 settembre quando verrà pubblicata la graduatoria anonima sul sito Universitaly.it, il 27 settembre quando sarà possibile visionare il proprio elaborato sempre nell’area dedicata di Universitaly, e infine il 1° ottobre con la pubblicazione dell’attesissima graduatoria unica nazionale.

In attesa che esca vediamo come sarà composta la graduatoria unica nazionale nominativa per merito, cosa fare in base allo status, cosa sono gli scorrimenti di graduatoria e come utilizzarli.

Graduatoria Medicina 2019: come funziona

Prima di tutto bisogna ricordare che in fase di domanda di ammissione, ogni candidato è tenuto a esprimere una serie di preferenze riguardo l’ateneo nella quale frequentare il corso di Medicina 2019 in caso di esito positivo del test; quindi dalla preferita a scendere.

Questo è il primo dato utile visto che la graduatoria è per merito e quindi terrà conto nell’assegnare i candidati anche delle preferenze indicate in sede di domanda di ammissione.

Bene, detto questo passiamo alla graduatoria che, ricordiamo, uscirà il 1° ottobre 2019 e sarà pubblicata nell’area riservata agli studenti del sito Universitaly.it. Questa indicherà accanto al nome uno di questi stati: assegnato, prenotato o in attesa. Vediamo cosa significano.

  • Assegnato: i candidati assegnati, oltre ad aver passato il test, sono coloro che hanno ottenuto un punteggio in grado di garantirgli l’accesso all’università indicata come prima scelta. Per assicurarsi il proprio posto i candidati devono procedere all’immatricolazione entro 4 giorni dall’uscita della graduatoria. Pena l’uscita dalla graduatoria;
  • Prenotato: i candidati prenotati sono coloro che, pur avendo passato il test, hanno ottenuto un posto a partire dalla seconda preferenza indicata. A questo punto sono due le strade percorribili: immatricolarsi nella sede in cui si è ottenuto il posto, o aspettare gli scorrimenti di graduatoria nella speranza che si liberino posti nella prima scelta. Nel caso si decida di aspettare bisogna comunicarlo, ad ogni scorrimento, pena l’esclusione dalla graduatoria;
  • In attesa: i candidati in attesa non sono riusciti a entrare in nessuna università ma, avendo raggiunto il punteggio minimo per entrare in graduatoria, possono aspettare gli scorrimenti e vedere se si liberano dei posti.

Come funzionano gli scorrimenti

Per un motivo o per l’altro, non tutti i candidati assegnati, o prenotati, completano la procedura di immatricolazione alla Facoltà di Medicina. Questo permette i famosi scorrimenti di graduatoria.

Lo scorrimento permette ai candidati che risultano prenotati o in attesa di concorrere per un posto fino a che tutti non sono stati assegnati per merito dal Miur, quindi a scalare in base al punteggio.

Il primo scorrimento verrà pubblicato a partire dal 9 ottobre, poi a seguire ogni venti giorni circa fino a che tutti i posti messi a disposizione non sono stati assegnati.

I candidati devono ricordare che occorre confermare la volontà di rimanere in graduatoria e aspettare gli scorrimenti, e va fatto per ogni scorrimento; pena l’esclusione dalla stessa.

Nel caso in cui si verifichino situazioni di parità di punteggio tra due candidati, il Miur ha stabilito che, in ordine di importanza, a prevalere sarà il risultato ottenuto in:

  • cultura generale e logica;
  • biologia;
  • chimica;
  • fisica e matematica.

Se la parità dovesse persistere allora verrà data priorità al candidato più giovane. Ricordiamo inoltre che i candidati che lo ritengono opportuno possono avviare il processo di ricorso per il test di medicina.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Test Medicina

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.